L’Olanda avrà sulla Costituzione la lotta all’odio per orientamento sessuale e disabilità

Ecco cosa dice il nuovo emendamento all'articolo 1 che il Re Willem Alexander si appresta a ratificare.

ascolta:
0:00
-
0:00
lgbt_olanda_costituzione
2 min. di lettura

OLANDA. Mentre in Italia sono ancora vive le ferite per l’affossamento del Ddl Zan che prevedeva aggravanti penali per i crimini di odio verso persone LGBTQIA+, donne e persone con disabilità, il parlamento Olandese ha votato lo scorso mercoledì un emendamento all’Articolo 1 della costituzione, per vietare le discriminazioni verso l’orientamento sessuale e la disabilità.

La votazione è stata prevalentemente a favore – 56 voti positivi contro 15 – ed è già in procinto di arrivare sulla scrivania del Re Willem Alexander per gli ultimi passaggi, la sanzione regia e l’approvazione definitiva da parte del governo.

Una volta approvata, la legge sarà pubblicata sullo Staatscourant, la Gazzetta Ufficiale olandese – che, come da noi, annuncia la promulgazione effettiva dell’emendamento.

I festeggiamenti delle associazioni: l’Olanda aspetta da 12 anni

Un grande passo avanti per i diritti della comunità LGBTQIA+ olandese, definita una “vittoria storica per le persone arcobaleno” dal gruppo COC Nederland, considerato il movimento più antico e longevo, fondato nel 1946.

Prima dell’emendamento, l’Articolo 1 della costituzione stabiliva che ogni cittadino – anche straniero – merita “uguale trattamento in eguali circostanze, specificando diversi ambiti tra cui “religione, credo, opinione politica, etnia o genere”. Oggi, a questa lista, verranno aggiunti orientamento sessuale e abilità fisiche e mentali.

La procedura, spiega il portavoce di COC Nederland, ci ha messo tanto non per mancata volontà politica, ma per i diversi passaggi che un emendamento deve affrontare prima di essere approvato.

Tutto è partito da un’iniziativa della coalizione D66 insieme agli altri partiti di sinistra PvdA e GroenLinks, ed è stata sviluppata nel corso di ben 12 anni.

“Abbiamo fatto la storia!”

Sono le parole di Alexander Hammelburg, parlamentare di D66 e strenuo difensore dell’emendamento in senato. “Un’eventuale disabilità o chi scegli di amare non dovrebbero mai essere motivo di discriminazioni” ha poi aggiunto Habtamu De Hoop, di PvdA.

Ma quello sulle discriminazioni non è l’unico emendamento in programma: sin dal 2004, infatti, le attività di COC Nederlands sono state volte a integrare i diritti LGBTQIA+ nella Costituzione, proprio come accaduto già in diversi paesi.

La nuova situazione dell’Olanda confrontata con quella italiana

L’Olanda si trova al tredicesimo posto nella mappa Rainbow Europe di ILGA, ben 19 posti sopra all’Italia, che invece si aggiudica il trentaduesimo. Eppure, se le cose fossero andate diversamente, qualche anno fa, il nostro posizionamento potrebbe essere di gran lunga migliore.

Il DDL Zan includeva al suo interno proprio una proposta simile a quella di COC Nederland: includere una specifica sezione dedicata all’orientamento sessuale, l’identità di genere e le disabilità nella regolamentazione antidiscriminazione.

Tuttavia, la proposta è stata brutalmente affossata in Parlamento, annoverando l’Italia insieme ad Armenia, Azerbaijan, Bialorussia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania, Moldovia, Polonia, Turchia e Ucraina nella lista di quei paesi che non dispongono di alcuna legge specifica contro i crimini d’odio e le discriminazioni verso l’orientamento sessuale e l’identità di genere.

È importante, talvolta, ricordare come l’Italia abbia più volte perso la propria occasione per aggiornarsi ed estendere il diritto all’uguaglianza a tutti i propri cittadini. Specificatamente, è fondamentale farlo ogni volta che un altro paese compie questo passo, e ci lascia sempre più indietro.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
BigMama

BigMama vola a New York, interverrà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: le ultime news

Musica - Luca Diana 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

united4diversity-bruxelles

A Bruxelles “United4Diversity” contro populisti, anti-gender e anti-LGBTQIA+: la tre giorni organizzata da Forbidden Colours

News - Francesca Di Feo 3.10.23
Alessandro Zan intervistato da Report a proposito del suo ruolo nell'ambito dell'organizzazione del Padova Pride Village

Inchiesta di Report su Alessandro Zan e il Padova Pride Village

News - Redazione Milano 10.12.23
famiglie arcobaleno vicenza

Figli orfani per decreto, famiglie omogenitoriali e sindaci sfidano la ferocia del Governo Meloni

News - Giuliano Federico 4.9.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
africarivista.it

Mauritius, la Corte Suprema ha depenalizzato l’omosessualità

News - Redazione 6.10.23
brasile-legge-contro-omobitransfobia

Brasile, reclusione per gli insulti omobitransfobici: sentenza storica della Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 24.8.23