Roccella e le retoriche di una ‘vecchia femminista’: “La teoria del gender è il nuovo patriarcato”

Roccella si dichiara dalla parte delle donne, e definisce l’arrivo di Giorgia Meloni alla guida del paese “il coronamento di un sogno”. Ma l'inadeguatezza dell'esecutivo nel contrastare le disuguaglianze di genere parla da sé.

ascolta:
0:00
-
0:00
roccella-teoria-del-gender
Giorgia Meloni ed Eugenia Roccella
2 min. di lettura

La Ministra per la Famiglia, Natalità e Pari Opportunità Eugenia Roccella torna a parlare di argomenti che non conosce e su cui non si vuole assolutamente informare, sbandierando ancora una volta la fantomatica teoria del gender e accusando i movimenti progressisti di star reinstaurando un patriarcato 2.0.

Il transfemminismo sarebbe, secondo colei che si definisce una “vecchia femminista”, un’ideologia che fa un giro lunghissimo per tornare ad opprimere le donne. Un concetto che Roccella aveva già espresso a inizio anno, ma che ci tiene a ribadire.

C’è l’idea della cancellazione del femminile. – ipotizza Roccella in un intervento ai microfoni di Rai Radio 1 – Le teorie del gender non producono però lo stesso effetto sul maschile. La parola donna non si può dire, si dice persona con l’utero ma non si dice una cosa analoga per definire un maschio, che resta uomo. È un patriarcato aggiornato”.

Se è però vero che uno degli obiettivi dell’attivismo LGBTQIA+ è quello di alleggerire il peso del binarismo sulla vita delle persone che non vi si identificano, da presunta femminista, Roccella dovrebbe sapere che già di per sé il concetto di transfemminismo implica l’intersezionalità senza invalidare l’identità di nessuno.

Ed è proprio per questo che quando la stessa esistenza di una donna trans viene messa in discussione, l* attivist* ribadiscono con forza l’importanza dell’autodeterminazione di genere. Ma è anche per questo che si lotta per permettere alle persone con utero che non si identificano nel proprio sesso biologico assegnato alla nascita di vedere le proprie identità validate a livello istituzionale.

La parola donna non è un taboo. È un’identità di genere in cui miliardi di persone si identitficano, all’estremità di uno spettro molto più ampio di quello binario. All’opposto, c’è l’uomo.

Non sembra un concetto così intricato da comprendere, quello che differenzia il sesso biologico dal costrutto sociale dell’identità di genere, ma è sempre meglio mettere i puntini sulle i quando ad attaccare la comunità LGBTQIA+ non è un leone da tastiera, ma una Ministra della Repubblica.

Roccella si dichiara dalla parte delle donne, e definisce poi l’arrivo di Giorgia Meloni alla guida del paese “il coronamento di un sogno, nonché il motivo per cui ha scelto di tornare in politica.

Secondo la Ministra, l’esecutivo avrebbe infatti già adottato diverse misure per combattere le diseguaglianze di genere. Peccato però che la “linea femminista” sulle politiche del lavoro del governo si rivolga solo alle madri, a quanto pare le uniche donne degne di essere prese in considerazione. La sola libertà che Roccella è fiera di difendere, è quella di diventare genitore.

Per poi pubblicare una foto di Giulia Cecchettin sul proprio profilo Instagram e parlare con fierezza delle nuove misure adottate dal governo contro la violenza sulle donne – nobili e necessarie, sicuramente, ma varate da un governo la cui Ministra per le Pari Opportunità inciampa sulle radici del patriarcato, individuandone la causa nel corpo femminile, e non nell’identità stessa. E che per questo, continuerà sempre a curarne i sintomi, senza mai arrivare a debellarlo, né tantomeno a scalfirlo.

In contrapposizione, abbiamo infatti l’incremento dell’IVA sui prodotti per l’igiene femminile, le minacciose proposte antiabortiste, l’ignavia nel gestire la vergognosa situazione del “diritto all’aborto” nel nostro paese e i continui attacchi alle famiglie omogenitoriali, composte anche da donne e bambine che vedono le loro tutele sgretolarsi per i capricci di un’ideologia che è storia vecchia da decenni.

Ma, a quanto pare, il problema è sempre la teoria del gender.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è il pericolo più brutto del nostro tempo”

News - Redazione 1.3.24
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
X-Men '97, JP Karliak replica alle polemiche su Morph non binario: "Ne vado orgoglioso" - AAQ0100 comp Tk2 v001 r709.126431 C - Gay.it

X-Men ’97, JP Karliak replica alle polemiche su Morph non binario: “Ne vado orgoglioso”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
SAFFFO QUEER 1-DAY FEST(A)

“La rivolta queer è fatta anche di piacere”, intervista con il SAFFFO Queer Fest(a)

Culture - Riccardo Conte 27.5.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24