Malika alla gogna per una Classe A

Putiferio social nei confronti di Malika Chalhy, 'colpevole' di essersi comprata un'auto nuova con i soldi delle donazioni ricevuti dopo essere stata cacciata di casa e minacciata perché lesbica.

Malika alla gogna per una Classe A - Malika Chalhy - Gay.it
3 min. di lettura

Si fosse comprata una Smart, che costa più di quanto ha pagato la Classe A sfoggiata sui social nei giorni scorsi, Malika Chalhy, 22enne mesi or sono cacciata di casa e minacciata dai genitori perché lesbica, non sarebbe tornata in tendenza sui social, dove è partita un’autentica gogna mediatica. Il motivo? Malika Chalhy ha ricevuto circa 150.000 euro in donazioni, “per rifarsi una vita” dopo essere rimasta senza niente. Casa, soldi, vestiti. E un’auto, che il web ha definito ‘troppo costosa’.

Selvaggia Lucarelli ha intervistato la giovane, chiedendo conto di quei soldi, delle spese, delle due raccolte fondi, dell’agente ingaggiato per comparire in tv. E il tribunale social ha sentenziato. Malika è in tendenza da ore, con decine e decine di tweet irrisori, che tornano a mettere in dubbio quanto vissuto in famiglia, come se gli audio della mamma furibonda che le augurava di morire, che la minacciava, non fossero mai esistiti, non li avessimo mai ascoltati. Le 2 raccolte fondi nate in suo favore non contenevano clausole di ‘trasparenza’. D’altronde cosa dovrebbe fare Malika, pubblicare gli scontrini quotidiani, i bonifici fatti, far sapere all’Italia intera come, quanto e quando ha speso parte dei soldi ricevuti in beneficenza? Questa ragazza non è una ONG, non deve rendacontare a nessuno le proprie spese.

Si è pagata un anno d’affitto a Milano, con caparra. Si è comprata i vestiti che non aveva più. Si è pagata il dentista, l’avvocato, lo psicologo. E si è comprata un’auto, aiutata anche dalla fidanzata. Uno ‘sfizio’, l’ha definito Malika. Avrebbe potuto/dovuto comprarsi un’auto meno costosa, vistosa? Probabilmente sì. O probabilmente no. Non sta a noi deciderlo. Quei 150.000 euro un giorno finiranno. Poi starà a Malika decidere cosa fare della propria vita, come vivere, quale lavoro fare. Quei 150.000 euro non si rigeneranno all’infinito. Malika si è trovata un’agente, per aiutarla a gestire interviste e comparsate tv nei mesi scorsi. Ingenua o paragnosta? Chi può dirlo. Nel dubbio, vittima di omofobia sulla propria pelle. L’omofobia in famiglia, quella che fa più male, che lascia ferite indelebili, che cancella con un colpo di spugna chi ti ha messo al mondo, cresciuta, educata. E infine ripudiata. Solo perché lesbica.

L’odio al kg ha oggi ripreso forza su Twitter grazie ad un’intervista aggressiva nei toni, dove Selvaggia Lucarelli aveva già deciso da che parte stare, di avere ‘ragione’ sui contenuti, puntando a ‘smascherare’ chissà cosa. Malika, che ha appena 22 anni e aveva promesso di donare parte di quei soldi in beneficenza, si è accartocciata su alcune incongruenze (vedi a chi donare, con Laura Boldrini che ha smentito qualsiasi collaborazione per far nascere una associazione per le vittime di discriminazione), così come si potrebbero e/o dovrebbero aprire pagine di discussione sulle tante, troppe raccolte fondi nate on line, a sostegno di chicchessia, ma da qui a tramutarsi in polizia del web sull’utilizzo dei denari spontaneamente donati ce ne passa.

Questa ragazza si è ritrovata dalla notte alla mattina senza una casa, senza genitori, senza un fratello, senza soldi, vestiti, senza niente di niente, se non la solidarietà di migliaia di italiani che hanno aperto il proprio portafoglio per darle una mano. Quell’aiuto le ha permesso di rifarsi una vita a Milano. Qui ha comprato una Classe A. Ha sbagliato ad acquistarla? Probabilmente sì, o forse no. Non sta a noi deciderlo. Ma leviamoci tutti la tunica da inquisitori, perché solo una cosa non è mai cambiata nel corso degli ultimi mesi. Quanto vissuto in famiglia da Malika Chalhy, solo perché lesbica. E quei 150.000 euro, fino a prova contraria, sono stati raccolti per aiutarla a risollevarsi da quell’odio gratuito, spaventoso, violento. Quel che Malika Chalhy sta facendo. A bordo di quale auto, non conta. O almeno non dovrebbe.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
wolfie 2.7.21 - 11:46

Ma vergognatevi di difendere l'indifendibile. Dovreste cambiare nome al vostro sito, le vostre sono opinioni personali e non rappresentano affatto i gay. Chiunque abbia un minimo di onestà intellettuale non può che condannare l'utilizzo che ha fatto questa ragazza con il denaro che le è stato donato. Aveva promesso di utilizzare lo stretto indispensabile per trovare un alloggio e comparsi capi di abbigliamento perchè non poteva tornare a casa dei familiari, ha millantato di voler aprire un'associazione per i ragazzi ripudiati dalle famiglia, ha tirato in ballo persino la Boldrini. Questi episodi sono il migliore strumento di propaganda per la destra.

    Avatar
    singer74 5.7.21 - 22:56

    Sono assolutamente d'accordo al 100% con ogni parola del tuo commento, infatti la controprova di quello che hai detto, è che a parte su un sito che ho trovato io oggi, nessuno riporta la notizia che il Codacons ha inviato un esposto alle procure di Firenze e Milano per il reato di truffa aggravata !!! Ogni ulteriore commento mi pare superfluo ...

Avatar
Franzc Dereck 1.7.21 - 15:14

Nessun commento : certo che al prossimo "crowd-funding " ci penserò due volte. E non tanto per la macchina , quanto per l'Agente che gestisce le comparsate tv . Ci pagherà l'IVA sul cachet ?

Trending

Claudia Pandolfi Giffoni

Claudia Pandolfi in lacrime a Giffoni per “Il ragazzo dai pantaloni rosa”: “Sento la responsabilità di questo film”

Cinema - Emanuele Corbo 23.7.24
Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24
Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain - QUEER by Luca Guadagnino from left Drew Starkey and Daniel Craig photo by Yannis Drakoulidis - Gay.it

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain

Cinema - Federico Boni 23.7.24
Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi - olimpiadi parigi atleti queer - Gay.it

Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi

Corpi - Federico Boni 23.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico? - grindr olympic - Gay.it

Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico?

News - Redazione 24.7.24

Hai già letto
queste storie?

Pestaggio Roma vittime intervista

“Ci gridavano fr*c*, ora abbiamo paura di tutto” le parole dei due ragazzi vittime del pestaggio a Roma Eur

News - Redazione 23.7.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
burkina-faso-lgbt-africa

Burkina Faso, la giunta militare criminalizza l’omosessualità

News - Redazione 12.7.24
Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby - Roma Lazio il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti in vista del derby - Gay.it

Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby

News - Redazione 5.4.24
Fabio Tuiach assolto in appello dopo l'iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba - Fabio Tuiach a processo - Gay.it

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l’iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba

News - Redazione 13.6.24
camara-squalificato-omofobia

Il centrocampista Mohamed Camara squalificato dopo aver coperto il logo della campagna anti-omofobia della Federcalcio francese

News - Francesca Di Feo 31.5.24
Modena, negata casa in affitto a coppia gay: "Il proprietario vuole una famiglia. Uomo, donna e figlio" - Alessandro Jumbo Manfredini - Gay.it

Modena, negata casa in affitto a coppia gay: “Il proprietario vuole una famiglia. Uomo, donna e figlio”

News - Redazione 28.6.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24