Matera Capitale Europea della Cultura 2019 avrà il suo primo Pride

Il 20 luglio si terrà il primo storico Pride di Matera. Ospiti Marco Carta, Vladimir Luxuria e Manila Gorio

Matera Capitale Europea della Cultura 2019 avrà il suo primo Pride - Matera Heroes Pride 2019 - Gay.it
3 min. di lettura

Si chiama “Matera Heroes Pride 2019” l’evento promosso dal coordinamento “Matera Heroes Pride” con capofila Arcigay Basilicata in collaborazione con le associazioni Arcigay Bari, Bat, Foggia, Caserta, Lecce, Salerno, Reggio Calabria, Agedo Matera e Risvolta Matera.

Nell’anno di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, è stato illustrato un calendario ricco di eventi culturali , ricreativi e cinematografici che culmineranno nella parata conclusiva di sabato 20 luglio.

Tra i testimonial confermati, il cantante Marco Carta e la showgirl Manila Gorio; tra gli ospiti presenti nel panel eventi anche Vladimir Luxuria. Matera 2019 offrirà una serie di eventi di straordinaria portata e risonanza, volti a convogliare un flusso turistico senza precedenti. L’offerta culturale che questa città è in grado di produrre sarà sotto gli occhi della stampa e del mondo intero. Tra gli eventi ci saranno la proiezione dei cortometraggi “Paride” di Carlos Solito, “Crisalide“ e “Glenda” di Davide Como; presentazione di libri come “Il bambino ruvido“ di Martina Castellana; un esperimento sull’omofobia interiorizzata con l’ausilio della mediazione; un incontro di studio sul tema del contrasto all’omofobia; una mostra di tele sul tema dell’ Amore libero. Tra gli eventi più attesi, senza dubbio, il primo Pride cittadino.

In un contesto storico in cui la disumanità e la negazione dell’altro sembrano essere un tratto caratterizzante della nostra società, non basta tornare umani, occorre diventare “superumani”, commenta la Presidente Morena Rapolla. ”Il messaggio che vogliamo veicolare è chiaro e dirompente: il vero “superpotere” è la diversità e l’unicità di ciascuno di noi. Il nostro vuole perciò essere un inno alla libertà , per una società più unita e più umana. Questa visione di fondo rende il “MATERA HEROES PRIDE 2019” una manifestazione di tutt* e per tutt*. Siamo così tanti e tante che non è possibile fare un elenco completo né descriverci compiutamente: siamo molteplici, non conformi e nel Pride ci riconosciamo perché rivendichiamo l’unicità e la pari dignità di ogni individuo, a partire da un’idea fondamentale: la differenza è la vera condizione naturale di tutti gli esseri viventi ed è pertanto ciò che, paradossalmente, più ci accomuna oltre ogni etichetta o apparenza”.

Secondo la responsabile del settore Cultura del Matera Pride, Pia Adriana Ciminelli: “Abbiamo bisogno noi tutti di costruire una società in cui nessuno è autorizzato a sentirsi più uguale degli altri ma parte integrante di un tutto che trae linfa dal valore esperenziale di vissuti differenti”. Rampolla, ha poi continuato.

Siamo persone che vivono in Italia senza godere di pieni diritti. Siamo ragazzi e ragazze bullizzati. Siamo madri e padri che non vengono riconosciuti come genitori. Siamo affetti che non sono accettati. Siamo figli e figlie senza diritti. Siamo Diritti Umani negati e stralciati! Siamo minori privati della possibilità di scegliere sul proprio corpo. Siamo pronomi sbagliati, anche dopo la nostra morte. Siamo donne e uomini messi ai margini per il nostro stato sierologico. Siamo narrazioni mistificate ed esperienze disconosciute. Siamo anime in fuga con corpi flagellati dal dolore, seviziati ed uccisi in regimi dove ci condannano a morte! Siamo lesbiche, gay, bisessuali, intersessuali, transessuali, trangender, asessuali, queer. Reclamiamo a gran voce quei diritti che ancora ci sono negati, pretendendo rispetto, doveri, tutele e piena uguaglianza. Città dopo città, ci prendiamo per mano e prendiamo per mano coloro che incontriamo lungo il percorso. Coloro i quali hanno voglia di ascoltare le nostre storie, coloro i quali credono in una società inclusiva e pluralista, coloro i quali vedono nelle differenze una risorsa e non un limite. Al nostro fianco c’è chiunque consideri l’uguaglianza piena dei diritti civili, come un motore di progresso sociale e culturale e chiunque creda che, se tutte e tutti beneficiamo degli stessi diritti, l’Italia non può che essere un posto migliore. Noi pensiamo che il processo d’integrazione economica e politica non possa prescindere dagli ideali fondativi di democrazia e uguaglianza, che caratterizzano il nostro continente, come patria del diritto e rifugio dei soggetti perseguitati. Eppure assistiamo, ad ogni capo del mondo, al moltiplicarsi di minacce, ad un ritorno a sovranismi e fascismi e ad un aumento della paura per ogni forma di diversità. Dalla restaurazione trumpista in America, passando per la stretta sui diritti civili nei paesi dell’est Europa, fino alla sponda meridionale del mediterraneo, insanguinata dalla tragedia dei migranti, contro cui si ergono nuovi muri. In Italia oggi, persino il timido progresso rappresentato dalle unioni civili viene rimesso in discussione dalle forze della disgregazione, che vorrebbero imporci una società ottusa, escludente e fondata su modelli arcaici. Noi sentiamo come impellente il dovere di rispondere a questa deriva omofoba e razzista, con una chiamata alla resistenza e all’orgoglio.

Matera Capitale Europea della Cultura 2019 avrà il suo primo Pride - Matera Heroes Pride - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

brescia pride 2023

“I diritti civili sono apartitici e devono essere garantiti”: il Brescia Pride scalda i motori per sabato 2 settembre – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 1.9.23
liguria pride 2024

Liguria Pride 2024: a Genova l’8 giugno

News - Redazione 23.1.24
scafati pride Aliberti

Scafati Pride offende il decoro urbano? Così il movimento LGBTQIA+ ha sconfitto l’ambiguità del sindaco appoggiato da PD e M5S

News - Francesca Di Feo 28.8.23
molise pride, 13 luglio 2024

Molise Pride 2024: ad Isernia il 13 luglio

News - Redazione 10.2.24
Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno - abruzzopride pescara - Gay.it

Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno

News - Redazione 14.12.23
Brianza Pride - Monza, 16 Settembre 2023 - foto: IG

L’Onda Pride 2023 non si ferma, come sono andati i Pride di Scafati e Brianza, tra luci e ombre

News - Francesca Di Feo 19.9.23
ragusa pride 2024, il 29 giugno

Ragusa Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 22.1.24
umbria pride 2024, il 1 giugno a Perugia

Umbria Pride 2024: a Perugia il 1° Giugno

News - Redazione 10.2.24