Monica, recensione. Ritratto di una donna trans* tra abbandono e accettazione

L'italiano Andrea Pallaoro dirige Trace Lysett e Patricia Clarkson in una storia di riscatto e perdono.

ascolta:
0:00
-
0:00
Monica, recensione. Ritratto di una donna trans* tra abbandono e accettazione - monica andrea pallaoro 3 - Gay.it
3 min. di lettura
Monica, recensione. Ritratto di una donna trans* tra abbandono e accettazione - MONICA di Andrea Pallaoro nella foto Trace Lysett - Gay.it
MONICA di Andrea Pallaoro – nella foto Trace Lysett

40enne di Trento che da oltre 20 anni vive negli Stati Uniti d’America, Andrea Pallaoro torna alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con Monica, ritratto intimo di una donna chiamato ad esplorare i temi universali dell’abbandono e dell’accettazione, del riscatto e del perdono.

Monica è Trace Lysett, volto di Pose, Le ragazze di Wall Street e Transparent, donna trans* che torna a casa per la prima volta dopo anni. Cacciata da adolescente perché ‘diversa’, ritrova sua madre gravemente malata e il resto della sua famiglia, intraprendendo un percorso nel suo dolore e nelle sue paure, nei suoi bisogni e nei suoi desideri, fino a scoprire dentro di sé la forza per guarire le ferite del proprio passato.

Monica, recensione. Ritratto di una donna trans* tra abbandono e accettazione - MONICA di Andrea Pallaoro nella foto Trace Lysett 2 - Gay.it

Trace Lysett, bellissima, sensuale, statuaria e formosa, è in ogni frame. Pallaoro le sta addosso, senza mai abbandonarla un attimo, cercando di addentrarsi nella sua intimità, nella sua identità. Film immersivo, dai lunghi silenzi e dall’inesistente tema musicale, Monica si compiace esageratamente in inquadrature ricercate, sofisticate, dai tagli mai scontati, con primi piani strettissimi e lunghe sequenze di quotidiana alienazione. Sappiamo poco del passato e del presente della protagonista, visibilmente insicura, tremendamente sola, con una storia d’amore naufragata e un rifiuto materno mai dimenticato né elaborato.

Riratto intimo e profondo, il film di Pallaoro si incunea nel mondo emotivo e psicologico della protagonista, con tempi allungati e quasi unicamente orientati ad una ricerca estetica che con il passare dei minuti straborda, eccede, riflettendo sul concetto di identità e su quanto sia precaria in ognuno di noi. Non solo Monica e il suo passato, ma anche il fratello in crisi con la moglie, il nipote ‘diverso’ dai compagni di scuola, la madre redenta con i ricordi pesantemente offuscati.

Monica è un film di specchi e riflessi, quasi a voler cogliere sfumature e ombre della sua indiscussa protagonista, con il meraviglioso ma tendenzialmente inespressivo volto di Lysett a riempire ogni angolo di schermo, ridotto ad un 4:3, quasi a voler proteggere una fragilità tanto esplicita, da parte di una donna tradita, abbandonata, ferita nel profondo, bisognosa d’amore.

Al fianco di Trace Lysett, che complessivamente fatica a gestire un personaggio tanto sfaccettato ed emotivamente scosso, troviamo una straordinaria Patricia Clarkson, mamma dal passato complicato, incapace di riconoscere quella figlia mai vista prima, perché accompagnata e abbandonata alla fermata di un autobus poco più che adolescente ancor prima che iniziasse la transizione. “Se perdo te”, canta Patty Pravo nell’unico momento in cui l’italiano entra sulla scena, con Monica incapace di restare sola, a cercare e a piangere una mamma a lungo perduta, come una bambina che ha paura.

5 anni dopo Hannah, presentato sempre in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia e in grado di regalare a Charlotte Rampling una più che meritata Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, Pallaoro si concede il bis con un film quanto mai attuale, legato all’importanza dell’accettazione e dell’educazione nei confronti di qualsivoglia identità, virando su  una rappresentazione forzatamente indie made in USA, contraddittorio Paese di “uomini liberi e dimora dei coraggiosi”, come rimarcato in un’ultima inquadratura in cui la plasticità espressiva di Lysett raggiunge il suo culmine. Ma occhio alla giuria, che potrebbe trasformarla nella prima storica attrice trans* a far sua l’ambita Coppa Volpi.

Voto: 6,5

Monica, recensione. Ritratto di una donna trans* tra abbandono e accettazione - MONICA di Andrea Pallaoro - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24
Luca Guadagnino adatterà per il Cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli - Luca Guadagnino adattera per cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli - Gay.it

Luca Guadagnino adatterà per il Cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli

Cinema - Redazione 14.3.24
The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer - The Darkness Outside Us - Gay.it

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer

Cinema - Redazione 22.4.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer - Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos 2 - Gay.it

Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer

Cinema - Redazione 27.3.24
Love Lies Bleeding, Katy O'Brian parla delle scene di sesso con Kristen Stewart - Love Lies Bleeding - Gay.it

Love Lies Bleeding, Katy O’Brian parla delle scene di sesso con Kristen Stewart

Cinema - Redazione 18.3.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24