Novara Pride 2023: “Fanno la guerra ai nostri amori, ai nostri corpi e alle nostre vite” – Intervista

Il Sindaco non ha dato patrocinio. "Noi non faremo un passo indietro sui diritti"

ascolta:
0:00
-
0:00
novara pride intervista gay.it
4 min. di lettura

In un momento in cui la lotta per i diritti della comunità LGBTQIA+  continua ad essere una sfida (vedi famiglie arcobaleno), anche e soprattutto per gli attacchi del governo Meloni, l’Onda Pride 2023 emerge come un movimento di importanza cruciale per la comunità queer italiana e per la società nel suo complesso.

I Pride dell’era Meloni assumono un significato particolare e, per questo, Gay.it ha deciso di dare voce a tutte le realtà che quest’anno scendono in piazza e per le strade, non solo per celebrare il proprio orgoglio, ma anche per trasformarsi in un simbolo politico di protesta e resistenza contro il clima di omofobia e transfobia che si è andato radicalizzandosi.

Il 27 maggio, la comunità LGBTQIA+ di Novara sfilerà per le strade della città. Abbiamo dato voce al Novara Pride 2023 grazie a Laura, del Comitato Novara Pride.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Novara Pride (@novarapride)

 

Novara Pride 2023 – INTERVISTA

 

Comune e Regione hanno dato patrocinio? Quali istituzioni locali avete dichiaratamente dalla vostra parte?

Per quello che riguarda il patrocinio di Comune e Regione i discorsi sono differenti: abbiamo ritenuto doveroso NON chiederlo al Comune di Novara, considerando i trascorsi anni in cui il tutto si tramutava in una bagarre dolorosa e per nulla costruttiva, in cui ci sentivamo solo pres* in giro. La Regione Piemonte, invece, riceve la richiesta di patrocinio – di solito – da parte del Piemonte e VDA Pride, un progetto condiviso con altri gruppi. Da quello che ci risulta, ad oggi (17/05) non vi sono state notizie sulla cosa, né il coordinamento ha preso posizioni a riguardo. Non andiamo cercando ansiosamente il supporto dell’istituzioni locali, ma comunque domandiamo solitamente l’appoggio alle città ed i paesi della zona, per rendere il Pride quanto più condiviso possibile e raggiungere anche eventuali persone Queer che in provincia possono davvero sentirsi perse ed abbandonate (Cressa, Cureggio, Mezzomerico, Cameri sono i Comuni che hanno attualmente risposto, mentre FCN ed il comitato per le pari opportunità dell’Ordine dei Commercialisti sono altri 2 enti che si sono sentiti di spalleggiarci).

Qual è il rapporto della comunità queer locale con il sindaco e la giunta?

Purtroppo negli anni il rapporto non è andato migliorando, anzi tutt’altro: la giunta ha inasprito le sue posizioni ed il sindaco (Alessandro Canelli della Lega, in carica dal 2016 ndr)– per propri fini politici – si è un po’ barricato dietro questa sua impossibilità di agire senza andare a “litigare” con la maggioranza. Non esiste di per sé più alcun tipo di tentativo di dialogo, tuttavia ammettiamo che ora come ora date le dichiarazioni e la politica decisamente non condivisa, non ci interessa nemmeno provare.

Il Pride ha un tema specifico? Un motto… ecc?

Quest’anno Novara Pride ha come claim “Di Amore e Di Rivolta”. Il senso ultimo sarebbe quello di ricordare come questo periodo sia stato costellato di guerra contro i nostri amori, i nostri corpi e le nostre vite e di quanto sia necessario non arrendersi e continuare a lottare, fino ad anche una Rivolta se fosse necessario!

Ci raccontate brevemente il percorso della parata?

Il percorso partirà da Largo Pastore (l’Autostazione) intorno alle ore 15:00, per poi proseguire verso le vie del centro. Il punto finale sarà nuovamente Piazza Martiri. Considerando alcuni punti critici per l’accessibilità (come quelli in Via Perrone), contiamo di provare a fornire un percorso alternativo per chi ne avesse bisogno o supporto da parte de* volontari*.

Quali interventi a voce sono previsti sul palco dopo la parata?

In Piazza Martiri è previsto un palco fatto esclusivamente da attivist* di vari collettivi, associazioni ed altro: tra i nomi vi sarà l* madrin* Elisa Manici, ma anche Rete Lettera A, Torino Pride, Arcigay Aosta ed altri.

Quali sono le associazioni e i soggetti che hanno organizzato il Pride?

Il Pride è stato organizzato e fortemente voluto da NovarArcobaleno, con anche il suo gruppo donne Collettiv Bruna, ed Agedo Novara. Tutto il pool di eventi pre-Pride e la manifestazione stessa, sarà gestita da loro.

Che messaggio volete mandare alla politica nazionale?

Di messaggi ne abbiamo tanti, ben condensati nel documento politico che potete trovare su novarapride.it. Sicuramente i principali sono questi: non faremo un passo indietro sui diritti, anzi, proseguiremo sempre dritti per raggiungere una vera equità.

 

Novara Pride 2023 – MANIFESTO

In un mondo in cui il fermento delle ideologie filo-nazifasciste si accompagna allo scoppiare di guerre sempre più a carattere europeo, ci ritroviamo ancora una volta a dover far i conti con quanto evidente sia la matrice eterocispatriarcale, abilista e razzista di questa violenza sistemica sui corpi delle soggettività marginalizzate tutte (donne, persone con disabilità, persone LGBTQIA+, persone razzializzate ecc…), le prime colpite ed utilizzate come capro espiatorio durante le situazioni di crisi.

Per questo e per molto altro manifestiamo, occupando le piazze e le strade che ora più che mai devono essere rivendicate e trasformate in luoghi sicuri.

Lo facciamo con rabbia e con orgoglio, anche per chi non può o non può più farlo.

Rifuggiamo la paura e l’invisibilità in cui vorrebbero confinarci, creando reti di supporto e (s)famiglie per scelta.

Come comitato novarese, oltre a ritenere opportune buona parte delle richieste compiute dal movimento LGBTQIA+ italiano, abbiamo deciso di proporre alcune riflessioni che riteniamo necessarie per un cambiamento reale e concreto nel mondo odierno che ci circonda. Trattandosi di spunti, non ci poniamo in maniera assolutistica e conclusiva, ma invitiamo chi andrà leggendo a sviluppare un proprio pensiero a riguardo e, perché no, anche una propria continuazione. 

Donne sotto assedio LEGGI TUTTO IL MANIFESTO DEL NOVARA PRIDE >
Soggettività lesbiche, bisessuali, asessuali, non binarie e trans* 
Unioni civili, Matrimonio, Coppie, Troppie (…): le nostre (s)famiglie sono tante.
Disabilità & Accessibilità degli spazi
Guerra sui corpi (grassi, intersessuali o quanto altro)
Un’educazione che ci appartenga e ci somigli
Una legge che ci tuteli, ma non ci sovradetermini
Libera e continua Migrazione, tra i generi e nel mondo
Sul capitalismo e sul cambiamento climatico

Vogliamo, per concludere, ricordare quanto sia importante per noi il Pride di quest’anno, considerando i 10 anni di attivismo e le problematiche affrontate per poter conquistare anche solo questo poco spazio conquistato.

Non ci limiteremo ad accontentarci, non sarebbe corretto nei confronti di chi si è unit3 a noi negli anni sperando in un miglioramento di questo mondo ingiusto.

L’equità, la parità ed il rispetto dei diritti umani non dovranno mai passare in secondo piano. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

milano pride 2024, il 29 giugno

Milano Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 18.12.23
alessandria pride 2024, il 25 maggio

Alessandria Pride 2024: il 25 maggio

News - Redazione 12.2.24
lecco pride 2024, il 22 giugno a Lecco, segui le pagine social

Lecco Pride 2024: il 22 giugno

News - Giorgio Romano Arcuri 20.12.23
Sardegna Pride 2024 il 22 Giugno a Cagliari

Sardegna Pride 2024: sabato 29 giugno a Cagliari

News - Redazione 26.2.24
Brianza Pride - Monza, 16 Settembre 2023 - foto: IG

L’Onda Pride 2023 non si ferma, come sono andati i Pride di Scafati e Brianza, tra luci e ombre

News - Francesca Di Feo 19.9.23
salento pride 2024 a Lecce

Salento Pride 2024: il 6 luglio a Lecce

News - Redazione 3.1.24
palermo pride

Palermo Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 20.2.24
cremona pride: 6 luglio 2024

Cremona Pride 2024: il 6 luglio

News - Giorgio Romano Arcuri 12.12.23