Peppi Nocera: “La Badante sono io e Grindr ha distrutto la cultura del rimorchio” – intervista

Coming out del più influente autore televisivo italiano: "La Badante c'est moi!". Nuovo singolo "Tipi trasparenti" con mix di Italo Connection - VIDEO!

ascolta:
0:00
-
0:00
La Badante Peppi Nocera
La Badante Peppi Nocera
5 min. di lettura

Peppi Nocera è tra i più influenti autori televisivi italiani, anche se lui nega “Questo lo dici te perché ti piacciono i titoloni” dice per canzonarmi. È reduce dal clamoroso successo di Unica con Ilary Blasi, di cui è autore. Quel ragazzo che sussurrava canzoni all’adolescente Ambra Angiolini ai tempi di Non è la Rai con Gianni Boncompagni e Irene Ghergo, è stato autore di brani entrati nell’immaginario collettivo (per dire: L’ascensore) e poi big maker della tv contemporanea. Tanto per riassumere: autore di programmi come Matricole, Meteore, inventa il format Il brutto anatroccolo condotto anche da Amanda Lear, per poi creare, con Maria De Filippi, quel Saranno Famosi che diventerà poi Amici. Non è mica finita: sue le edizioni clamorose de L’isola dei famosi – con Simona Ventura che supera il 50% di share -, quindi quasi tutti gli X-Factor. Il cult Bake Off Italia. Le prime due serie The Ferragnez con Chiara Ferragni e Fedez sono anch’essi scritti da Nocera. Così come, appunto, Unica con Ilary Blasi.

Dal 2017 Peppi Nocera, sotto lo pseudonimo de La Badante, coltiva un progetto musicale dance ad alto tasso di riferimenti queer, grazie soprattutto alla genesi ispirazionale dei Fangoria, storico duo electro-dance spagnolo, composto dalla cantante di origini messicane Alaska e dal produttore Nacho Canut. Nel primo video Parole d’amore Nocera coinvolge Aldo Busi e Mara Maionchi. La Badante ha collezionato ad oggi 1 milione di stream su Spotify, e il primo album ha un titolo corrosivo: L’amore è un algoritmo borghese, cult di brani di gaia electro-dance a fiumi, correva l’anno 2018 e no!, non ballavamo ancora i tormentoni di Annalisa.

Con La Badante hai intrapreso un percorso musicale parallelo alla tua attività di autore, in incognito. Nocera, non ti sei mai esposto fino ad oggi, perché?

È che c’ho sessant’anni, mica c’ho voglia di fa’ la star, ma figurati… poi finisco come Disco Sally (la mitica ballerina ottuagenaria dello Studio 54 ndr).

 

Perché a te piace stare dietro le quinte.
Certo! Quando ho iniziato il progetto La Badante, cercavo un’etichetta per distribuire, pubblicare (trovata poi con la gloriosa INRI ndr). Fu allora che un discografico mi fece giustamente notare “Ma dove ca**o vai alla tue età?”. Lì per lì non capivo, nel senso: io volevo soltanto fare un progetto musicale e divertirmi, non avevo velleità da popstar.

Quindi facciamo questo coming out.
Eccomi, La Badante c’est moi!

E tu chi sei, come ti chiami, che lavoro fai e chi sono tuo padre e tua madre?
Mi chiamo Peppi Nocera, mi guadagno da vivere facendo l’autore televisivo e i miei genitori sono morti: mio padre era un italo greco nato in Turchia, mia madre anche lei nata in Turchia, da genitori francesi e italiani.

Perché hai scelto La Badante come nome d’arte?
A dirtela tutta, volevo chiamarmi La Pu**ana russa, ma poi il mio fidanzato mi ha fatto notare il pericolo woke, e mi ha proposto La Badante. E mi è piaciuto.

La badante, la pu**ana russa… mi viene in mente anche la collaboratrice domestica filippina, personaggio del tuo romanzo La presentatrice morta: queste donne marginalizzate dalla vita e dagli stereotipi sono invece per te vincenti. Perché?
Perché parecchie, non tutte, sono stereotipi di sopravvissute di successo e assoluti magneti dell’immaginario queer.. sono guerriere del baratro che costruiscono la loro rinascita di solito da sole e riaffiorano in successi insperati con tigna e stratagemmi, delle eroine romantiche insomma.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da La Badante (@labadanteofficial)

E hai preso come riferimento un cult della cultura gay spagnola e sudamericana: i Fangoria.
Molti brani de La Badante sono cover dei Fangoria. La musica dei Fangoria ha segnato la cultura queer spagnola e sudamericana, ma è anche stata, ed è, una colonna sonora mainstream, che appartiene a tutta la cultura condivisa popolare. Se in Italia siamo in quattro gatte a conoscere le canzoni di Ivan Cattaneo, in Spagna chiunque, anche le persone più impensabili, canticchiano canzoni dei Fangoria, che sono canzoni totalmente gay. Il baracconismo in Spagna fa parte della cultura popolare, è un linguaggio riconosciuto, il kitsch, il camp non sono affatto sottoprodotti trash, macché…. sono un riferimento orgogliosamente queer, nonché patrimonio di tutti, roba nazionalpopolare. Certe copertine dei Fangoria erano scattate al Prado.

La cultura queer di oggi si sta conformando?
Questo lo dici te, non voglio fare polemica. Io so come eravamo, come siamo oggi dimmelo te. Comunque. Ciò che mi muove davvero in questa operazione La Badante è che intanto mi diverte moltissimo, perché amo le canzoni. E poi secondo me è importante mantenere viva la memoria di un mondo gay che ha prodotto coraggiosa sfacciataggine in tempi ben diversi da oggi. Parlo di quella sfacciataggine con la quale i fr*ci in America hanno ribadito negli anni ’70 e ’80 che loro, con il ca**o, ci facevano quello che volevano.

Si scopava con godimento assoluto. Poi è arrivato l’Aids.
Già, ma: se anche non ci fosse stato l’Aids, quelle persone queer che hanno fatto la storia della cultura pop dei decenni ’70 e ’80 sono comunque dei sopravvissuti. E noi dobbiamo alfabetizzare queste nuove generazioni queer, devono sapere da dove arriviamo.

E che c’entra Grindr, che hai infilato nel nuovo singolo Tipi trasparenti?
Ecco, io credo che Grindr, Tinder eccetera abbiano in effetti ucciso la cultura del rimorchio. La cosa più divertente di quei decenni ’70 e ’80 era andare a battere, mica scopare. Ora è un fast food! Sia chiaro che io non sono certo uno che c’ha da ridire su chi scopa dalla mattina alla sera, figurarsi! Ti prego di non farmi travisare da chi legge Gay.it: uno degli effetti collaterali di Grindr è proiettare. Restare lì ore, giorni, a fantasticare su qualche foto e su qualche messaggio. Ovvio che poi arrivano grandissime delusioni e anche i più boni del mondo finiscono per essere ghostati.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🌍🪐✨ (@gayit)

In effetti il video di Tipi trasparenti (di cui pubblichiamo in anteprima il video del remix con Italo Connection) è un trionfo di immagini di fr*ceria anni ’70 e ’80 che sembra qualcosa di non replicabile.
E certo! In quegli anni si batteva ovunque, ogni angolo, ogni secondo erano occasione di rimorchio. Nel video del remix abbiamo inserito alcune scene da Paris is burning, ampiamente già copiate da Ryan Murphy in Pose. Altre scene sono da un caposaldo del porno gay: Boys in the sand.

Tipi trasparenti è una cover di Algora. Chi è?
Algora è un ragazzo di Madrid che scrive canzoni che girano parecchio nella scena queer attuale madrilena. Aveva fatto questo pezzo dance Chicos trasparentes e io ho voluto farne una cover in italiano, riadattando il testo. Anche l’originale parla di ghosting digitale, senza però nominare Grindr, Tinder e i DM di Instagram, che io invece ho inserito nel testo (sotto il testo di Peppi Nocera ndr).

Il remix addirittura con gli Italo Connection, che scelta colta-coltissima…
Con loro ero sicuro di andare a colpo sicuro, hanno remixato anche Etienne Daho, per dire! E infatti ho detto loro una sola volta come la volevo e al primo colpo l’hanno remixata esattamente come immaginavo, con un sapore ’80 chiaro e tondo. Anzi, lasciami ringraziare Pierpaolo Peroni di INRI, è grazie a lui se sono riuscito a fare il remix con Italo Connection. E un grazie anche a Pietro Camonchia.

Dai, dimmi: sei fidanzato?
Mi sono lasciato da poco, dopo otto anni, in maniera civile e serena e ora stiamo entrambi molto bene.

Allora stai sempre su Grindr!
A volte, ma solo per lurking, a proposito: che ci facevi l’altroieri online?

 

Tipi trasparenti – testo

di Victor Algora e Peppi Nocera

Nella oscurità
Della notte
Aspetto paziente
Che mi contatti
E non guardo
Foto o profili
Non rispondo
Ad altri
Mentre sogno
Che di colpo
Mi mandi dei messaggi
E m’inviti
Ad un museo
O per un sushi
Perché so che in realtà
Tu non sei
Uno di quei

Tipi trasparenti
Molto evanescenti
Che scompaiono di colpo
Dallo schermo del
Mio Grindr

E immagino poi che
Prendiamo appuntamento
E che camminiamo
Da soli al parco
Poi sull’erba un po’ bagnata
Tu mi dici (Tu mi dici)
Che non sono
Come gli altri
Tipi insignificanti

Tipi trasparenti (Tipi Trasparenti)
Molto intraprendenti
(Oh, Oh, Oh, Oh)
Ogni notte a casa tua
Rimediati sul tuo Tinder
Tipi trasparenti (Tipi Trasparenti)
Molto appariscenti
(Oh, Oh, Oh, Oh)
Ogni notte a casa tua
Conquistati in DM

Mi dici che vai a dormire
Io ti credo (Io ti credo)
Perché so che tu con me
Non sarai uno di quei

Tipi trasparenti (Tipi Trasparenti)
Molto evanescenti
(Oh, Oh, Oh, Oh)
Che scompaiono di colpo
dallo schermo del mio Grindr
Tipi trasparenti (Tipi Trasparenti)
molto evanescenti
(Oh, Oh, Oh, Oh)
Che scompaiono di colpo
dallo schermo del mio Grindr

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

Juanjo Bona e Martin Urrutia, Operación Triunfo

Operación Triunfo, scoppia l’amore tra Juanjo Bona e Martin Urrutia: la coppia è virale sui social

Culture - Luca Diana 8.1.24
@vittoria_schisano

La storia di Vittoria Schisano, finalmente protagonista

Culture - Redazione Milano 18.10.23
Belve, ecco le ospiti dell’ultima puntata   - Belve - Gay.it

Belve, ecco le ospiti dell’ultima puntata  

Culture - Redazione 23.10.23
Domenico Cuomo

Un Professore 2, Domenico Cuomo: “Sento un’evoluzione rispetto al coming out, ed è bellissimo”

Serie Tv - Redazione 13.12.23
BigMama, Striscia la notizia

Sanremo 2024, Striscia la Notizia paragona BigMama a Ursula ed è polemica: “Bullismo e body shaming”

Musica - Redazione 7.2.24
Drag Race Italia 3, ecco Tiziano Ferro giudice ospite: "Sono onorato, era il mio sogno" - VIDEO - tiziano ferro - Gay.it

Drag Race Italia 3, ecco Tiziano Ferro giudice ospite: “Sono onorato, era il mio sogno” – VIDEO

Culture - Redazione 14.11.23
Domenica In, tra Venier, Ghali e D'Amico è polemica censura. Dal bacio tra uomini al messaggio pro Israele (VIDEO) - Mara Venier - Gay.it

Domenica In, tra Venier, Ghali e D’Amico è polemica censura. Dal bacio tra uomini al messaggio pro Israele (VIDEO)

News - Federico Boni 11.2.24
Raoul Bova a Belve replica alle voci sulla sua omosessualità. VIDEO - Belve Raul Bova - Gay.it

Raoul Bova a Belve replica alle voci sulla sua omosessualità. VIDEO

Culture - Redazione 3.10.23