Pink Capitalism e Pride Month 2022: cos’è e perché dovresti evitarlo

Vi spieghiamo perché non cadere nella trappola del Pink Capitalism durante questo Pride Month 2022.

ascolta:
0:00
-
0:00
Pink Capitalism e Pride Month 2022: cos'è e perché dovresti evitarlo - Queer Liberation Not Rainbow Capitalism - Gay.it
4 min. di lettura

Cosa si intende quando si parla di Pink Capitalism?

Sin dagli anni 60’, le strategie di marketing si sono evolute per focalizzarsi più su nicchie specifiche, in modo da pubblicizzare prodotti e servizi in maniera ancora più focalizzata e raggiungere le persone giuste.

Il che significa che tantissime aziende e multinazionali hanno cominciato a spulciare qua e là diverse fasce di pubblico a cui rivolgersi, e – negli anni più recenti – questo fenomeno ha coinvolto anche la comunità LGBTQ+.

Azzannando una preda vulnerabile e con tanto bisogno di rappresentanza, le grandi catene hanno trovato nella comunità LGBTQ+ una nicchia piuttosto lucrativa su diversi fronti.

Se da una parte le vendite aumentano, aumenta anche la visibilità e la buona reputazione di chi sfrutta simboli e cause LGBTQ+ nelle sue strategie di marketing.

In slang popolare, questa pratica viene definita “Pink Capitalism” o “Rainbow Capitalism”.

Pink Capitalism e Pride Month 2022: cos'è e perché dovresti evitarlo - pink capitalism bandiera - Gay.it

Cos’è il Pink Capitalism e perché “non siamo mai contenti”

Il Pink Capitalism avviene quando un’azienda include la comunità LGBTQ+ in pubblicità e in campagne di marketing per il solo scopo di fare più soldi. È la mercificazione di un movimento sociale attraverso la vendita di merchandise specifico senza nessuna forma di attivismo a supporto.

Non è raro infatti vedere alcune aziende vendere questo tipo di gadget e prodotti avendo in passato dimostrato una spietata opposizione ai diritti di alcune minoranze.

Tuttavia, si stima che la comunità LGBTQ+ abbia un potere di spesa di circa 835 miliardi di dollari a livello globale.

E questo fa gola a multinazionali come la Nike, che tutti gli anni lancia le proprie snickers arcobaleno prodotte probabilmente da bambini cinesi sottopagati.

Il che la dice lunga su quanto le multinazionali siano davvero interessate a liberare minoranze e gruppi vulnerabili dall’oppressione. È un esempio lampante di come il Pink Washing vada a beneficio delle aziende senza muovere un dito per i diritti sociali.

Un altro esempio di attivismo performativo è quello di Urban Outfitters – popolare compagnia di abbigliamento statunitense – che ogni anno sforna prodotti a tema arcobaleno, salvo poi effettuare consistenti donazioni a politici omofobi.

[tweet id=”1531490558530981888″ /]

Millennials e Gen Z i più “fregati” dal Pink Capitalism

Le generazioni Y e Z sono state definite tra le più impegnate nei movimenti sociali: un consumatore giovane oggi fa più attenzione ai brand da cui acquista, e si impegna a supportare solo le aziende i cui valori si allineano con i propri.

Il che ha dato adito a pratiche come quella del Pink Capitalism, che aggirano il consumo critico sfruttando il movimento LGBTQ+, quello femminista e – perché no – anche quello antirazzista.

I meno informati ci cascano sempre, sperando di acquistare da aziende impegnate e andando invece ad appesantire il portafoglio di persone a cui, in realtà, non interessa di niente e di nessuno.

Il significato del Pride Month e perché fare attenzione al Pink Capitalism

Dobbiamo ricordarci che, fino alla metà del secolo scorso, gli appartenenti alla comunità LGBTQ+ non avevano quasi il diritto di esistere. Il cambiamento è partito tutto dai moti di Stonewall.

Nelle prime ore del 28 Giugno 1969, il gesto di Marsha P. Johnson – donna transgender di colore – cambiò la storia: in un impeto di rabbia e frustrazione, la donna lanciò un bicchiere di vetro a un gruppo di poliziotti, dando il via alla rivolta che celebriamo ogni anno a Giugno durante il Pride Month.

Il Pride Month esiste per ricordare al mondo le ingiustizie e gli ostacoli affrontati ancora oggi dalla comunità queer. Ha connotazioni sociali e politiche molto pregnanti, ed è il simbolo della lotta per i diritti di una comunità ancora oggi vulnerabile e discriminata.

Durante questo periodo dell’anno, in tutto il mondo, si svolgono marce e commemorazioni incredibilmente significative, ed è uno dei momenti in cui la comunità LGBTQ+ si unisce per far sentire la propria voce e celebrare liberamente la propria identità.

Quindi, vedere qualche multinazionale miliardaria sfruttare questo simbolo per i propri profitti una volta all’anno per poi dimenticarsene non ci fa sentire inclusi, ma usati.

[tweet id=”1531670925326061568″ /]

L’attivismo performativo del Pink Capitalism fa più danni che altro

Ogni anno, con l’inizio del Pride Month a Giugno, diversi colossi si intrufolano nel movimento utilizzando colori e simboli riconducibili al movimento LGBTQ+ nelle loro campagne di marketing.

L’arcobaleno nei loghi, i saldi dedicati e gli slogan sono solo una forma di attivismo performativo e una narrativa che vuole mostrare una mentalità progressista con la data di scadenza.

Sì, perché le tote bag arcobaleno e i proclami a cuore aperto dureranno fino al 30 giugno, per poi essere inscatolati e dimenticati fino all’anno successivo. Tanti in questi giorni sostituiranno la bandiera dell’Ucraina con quella arcobaleno, perché va di tendenza.

Il che potrebbe sembrare agli occhi dei più un impegno concreto verso la comunità LGBTQ+, una dimostrazione di solidarietà che però genera profitti milionari senza portare a un vero e proprio cambiamento sistematico.

Come quindi è successo per il Natale cristiano, anche la nostra festa laica del Pride Month è diventata per queste aziende una buffonata lucrativa, fatta di feste sponsorizzate e merchandise senz’anima.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24
Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24

Hai già letto
queste storie?

FEMME (UTOPIA)

Femme è il thriller queer in drag di cui abbiamo bisogno, il trailer – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 16.2.24
tu sei la bellezza

Tu sei la bellezza: tra amore queer e salute mentale

Culture - Riccardo Conte 29.4.24
Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: "Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo" - Pride Kamala Harris - Gay.it

Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: “Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo”

News - Redazione 17.6.24
drew starkey queer luca guadagnino daniel craig

Chi è Drew Starkey, che Guadagnino ha voluto nel suo “Queer” tratto da Burroughs – GALLERY

Culture - Luca Diana 25.6.24
Si commuove stringendo la bandiera arcobaleno, questa é la più bella immagine del Pride Month 2024 (VIDEO) - Lanziano che si commuove stringendo la bandiera arcobaleno e la piu bella immagine del Pride Month 2024 VIDEO - Gay.it

Si commuove stringendo la bandiera arcobaleno, questa é la più bella immagine del Pride Month 2024 (VIDEO)

News - Federico Boni 2.7.24
Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano - Baby Reindeer n S1 E2 00 20 42 07 - Gay.it

Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano

News - Redazione 19.4.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24