Pose, Ryan Murphy è tornato con una serie mai tanto LGBT

E' andata in onda negli States la prima puntata di Pose, nuova creatura LGBT di Ryan Murphy ambientata nel 1987.

Pose, Ryan Murphy è tornato con una serie mai tanto LGBT - Scaled Image 17 - Gay.it
2 min. di lettura

Ryan Murphy e Brad Falchuk hanno colpito ancora.

La prima puntata fiume di Pose (80 minuti), nuova serie FX, è da subito entrata nella Storia della Tv per il maggior numero di personaggi LGBT: oltre 50, con il maggior numero di attori transgender in una produzione televisiva americana. Ma non ci si può limitare ai numeri, dinanzi all’ultima creatura del produttore/showrunner più creativo e impegnato d’America.

Murphy ci riporta nei magici anni ’80 a stelle e strisce, in cui la ricchezza andava ostentata, l’AIDS mieteva vittime, l’omofobia era alla base di ogni sana famiglia statunitense e nei club newyorkesi si ritrovavano emarginati, omosessuali, transgender, ragazzi cacciati di casa che in nessun altro luogo della città potevano esprimersi per quel che erano veramente. Le ‘House’ si sfidavano a suon di ‘vogueing’, colonna portante di una “ball culture” che il padre di American Crime Story, American Horror Story, Glee e Feud ha  splendidamente ricreato.

Pose, Ryan Murphy è tornato con una serie mai tanto LGBT - De8T roUcAABLg8.jpg large - Gay.it

C’è il ballerino 17enne gay e di colore buttato fuori casa dai genitori, la ragazza trans sieropositiva che sogna di lasciare il segno prima di lasciare questo mondo, la Regina della pista che non vuole abidcare, la transessuale che non riesce a trovare altri lavori se non quella maledetta strada in cui prostituirsi. Un’America di ‘freaks’ lasciati volutamente ai margini della società, mentre ai piani alti, proprio in quella Trump Tower che simboleggia l’ostentazione del lusso reaganiano, si stagliano manager cocainomani e padri di famiglia con il ‘vizietto’.

Senza badare all’orologio, Murphy pennella con maestria un pilot dai contorni ben definiti, personaggi strutturati e temi universali come l’identità, la famiglia e il rispetto. Non solo un trascinante dance-musical, perché questo è Pose, ma soprattutto uno sguardo realistico e drammatico nei confronti di quell’America che solo 30 anni fa reagiva quasi con gioia all’arrivo dell’AIDS, manna dal cielo per eliminare la peccaminosa comunità gay dalle strade. Si sorride e ci si commuove in poco meno di un’ora e mezza, in questo primo episodio di 8, impreziosito da nomi conosciuti come Evan Peters, Kate Mara e James Van Der Beek. Ma a stupire davvero sono tutti gli altri, attrici e attori mai visti chiamati a riportare in vita una sottocultura fino ad oggi mai rappresentata sul piccolo schermo, tra buoni sentimenti  e storiche prime volte. Pose è un miracolo produttivo, di fatto inimmaginabile fino a pochi anni fa. Diretto il pilot, Murphy ha fatto sua anche la 2° puntata, che andrà in onda negli Usa il 10 giugno, mentre tutto tace sulla release italiana.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Fedez a Belve, anticipazioni: "Prima da sposato ero gay, ora mi mollo e mi piace la fi*a. Così, di punto in bianco?“ (VIDEO) - Fedez a Belve - Gay.it

Fedez a Belve, anticipazioni: “Prima da sposato ero gay, ora mi mollo e mi piace la fi*a. Così, di punto in bianco?“ (VIDEO)

Culture - Redazione 9.4.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della seconda puntata del Serale

Culture - Luca Diana 31.3.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della terza puntata del Serale

Culture - Luca Diana 7.4.24
Baby Reindeer, Cardi B accusata di omofobia: "Ci sono uomini che scoprono di essere gay dopo uno stupro" - baby reindeer cardi b - Gay.it

Baby Reindeer, Cardi B accusata di omofobia: “Ci sono uomini che scoprono di essere gay dopo uno stupro”

News - Redazione 30.4.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Piersilvio Berlusconi vuole Vladimir Luxuria alla conduzione de L’Isola dei Famosi

Culture - Mandalina Di Biase 3.1.24
Peppi Nocera coming out La Badante shitstorm

Il coming out non è solo gay, Peppi Nocera travolto dalle polemiche dopo la nostra intervista

Culture - Redazione Milano 22.1.24
Marco Carrara

Chi è Marco Carrara, il nuovo volto del piccolo schermo?

Culture - Luca Diana 6.3.24
Vittorio Menozzi, Federico Massaro e Stefano Miele, Grande Fratello

Grande Fratello, le parole di Stefano Miele suscitano polemiche: “Secondo me Federico è gay”

Culture - Luca Diana 22.1.24