Pose, Ryan Murphy è tornato con una serie mai tanto LGBT

E' andata in onda negli States la prima puntata di Pose, nuova creatura LGBT di Ryan Murphy ambientata nel 1987.

Pose, Ryan Murphy è tornato con una serie mai tanto LGBT - Scaled Image 17 - Gay.it
2 min. di lettura

Ryan Murphy e Brad Falchuk hanno colpito ancora.

La prima puntata fiume di Pose (80 minuti), nuova serie FX, è da subito entrata nella Storia della Tv per il maggior numero di personaggi LGBT: oltre 50, con il maggior numero di attori transgender in una produzione televisiva americana. Ma non ci si può limitare ai numeri, dinanzi all’ultima creatura del produttore/showrunner più creativo e impegnato d’America.

Murphy ci riporta nei magici anni ’80 a stelle e strisce, in cui la ricchezza andava ostentata, l’AIDS mieteva vittime, l’omofobia era alla base di ogni sana famiglia statunitense e nei club newyorkesi si ritrovavano emarginati, omosessuali, transgender, ragazzi cacciati di casa che in nessun altro luogo della città potevano esprimersi per quel che erano veramente. Le ‘House’ si sfidavano a suon di ‘vogueing’, colonna portante di una “ball culture” che il padre di American Crime Story, American Horror Story, Glee e Feud ha  splendidamente ricreato.

Pose, Ryan Murphy è tornato con una serie mai tanto LGBT - De8T roUcAABLg8.jpg large - Gay.it

C’è il ballerino 17enne gay e di colore buttato fuori casa dai genitori, la ragazza trans sieropositiva che sogna di lasciare il segno prima di lasciare questo mondo, la Regina della pista che non vuole abidcare, la transessuale che non riesce a trovare altri lavori se non quella maledetta strada in cui prostituirsi. Un’America di ‘freaks’ lasciati volutamente ai margini della società, mentre ai piani alti, proprio in quella Trump Tower che simboleggia l’ostentazione del lusso reaganiano, si stagliano manager cocainomani e padri di famiglia con il ‘vizietto’.

Senza badare all’orologio, Murphy pennella con maestria un pilot dai contorni ben definiti, personaggi strutturati e temi universali come l’identità, la famiglia e il rispetto. Non solo un trascinante dance-musical, perché questo è Pose, ma soprattutto uno sguardo realistico e drammatico nei confronti di quell’America che solo 30 anni fa reagiva quasi con gioia all’arrivo dell’AIDS, manna dal cielo per eliminare la peccaminosa comunità gay dalle strade. Si sorride e ci si commuove in poco meno di un’ora e mezza, in questo primo episodio di 8, impreziosito da nomi conosciuti come Evan Peters, Kate Mara e James Van Der Beek. Ma a stupire davvero sono tutti gli altri, attrici e attori mai visti chiamati a riportare in vita una sottocultura fino ad oggi mai rappresentata sul piccolo schermo, tra buoni sentimenti  e storiche prime volte. Pose è un miracolo produttivo, di fatto inimmaginabile fino a pochi anni fa. Diretto il pilot, Murphy ha fatto sua anche la 2° puntata, che andrà in onda negli Usa il 10 giugno, mentre tutto tace sulla release italiana.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

Leggere fa bene

Grande Fratello: Vittorio Menozzi piange

GF, Vittorio Menozzi accusato per le sue dimensioni e per le sue mutande, la risposta è stupenda

Culture - Mandalina Di Biase 9.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 29 gennaio/4 febbraio tra tv generalista e streaming - film lgbt - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 29 gennaio/4 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 29.1.24
Damiano Gavino e Nicolas Maupas, Un Professore

Un professore, il best-off della storia tra Simone e Manuel: sfoglia la gallery

Serie Tv - Luca Diana 25.11.23
Ballando con le Stelle e la visibilità/rappresentazione LGBTQIA+. Milly Carlucci: "Raccontiamo la società" - VIDEO - Ballando con le Stelle - Gay.it

Ballando con le Stelle e la visibilità/rappresentazione LGBTQIA+. Milly Carlucci: “Raccontiamo la società” – VIDEO

Culture - Redazione 16.10.23
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Domenico Cuomo, Un professore

Domenico Cuomo, da “Mare Fuori” a “Un professore”: è lui la nuova star della GenZ

Culture - Luca Diana 30.11.23
Milly Carlucci e Paolo Belli, Ballando con le Stelle

Ballando con le stelle 2023, tutto quello che sappiamo sulla nuova edizione: giuria, concorrenti, conduttori e primi spot

News - Luca Diana 6.9.23
Tom Hollander sempre in ruoli gay: "Lo sono anche io e sono credibile, ma un attore deve poter far tutto" - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

Tom Hollander sempre in ruoli gay: “Lo sono anche io e sono credibile, ma un attore deve poter far tutto”

Serie Tv - Federico Boni 31.1.24