Lo Zimbabwe apre alla PrEP a lunga durata: la situazione negli altri paesi africani

Mentre nello Zimbabwe arriva la PrEP a lunga durata, ecco qual è la situazione negli altri paesi africani.

ascolta:
0:00
-
0:00
Lo Zimbabwe apre alla PrEP a lunga durata: la situazione negli altri paesi africani
Lo Zimbabwe apre alla PrEP a lunga durata: la situazione negli altri paesi africani
4 min. di lettura

Per le persone che sono ad alto rischio di contrarre l’Hiv nei paesi in via di sviluppo, come sex worker o gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini, la PrEP è un vero e proprio farmaco salvavita.

Oggi, lo Zimbabwe ha dato il via a una nuova strategia che potrebbe aprire la strada a una profilassi sempre più efficace nella lotta alla diffusione dell’Hiv.

Lo Zimbabwe apre alla CAB-LA, PrEP a lunga durata

L’Autorità per il controllo dei farmaci dello Zimbabwe ha annunciato di aver approvato l’uso di cabotegravir iniettabile a lunga durata d’azione (CAB-LA) come profilassi pre-esposizione (PrEP) per la prevenzione dell’HIV

Le informazioni presentate a sostegno dell’approvazione del prodotto indicano che è sicuro, efficace e di buona qualità.”, ha dichiarato Farai Masekela, responsabile delle valutazioni e della registrazione dell’MCAZ – Medicines Control Authority of Zimbabwe.

CAB-LA è un nuovo farmaco antiretrovirale iniettabile a lunga durata d’azione che può essere somministrato ogni due mesi. Due grandi studi hanno dimostrato che le iniezioni di CAB-LA sono sicure, ben tollerate e altamente efficaci nel ridurre il rischio di acquisizione dell’HIV.

L’OMS raccomanda che il CAB-LA potrà essere offerto alle persone a rischio sostanziale d’infezione da HIiv come parte di un approccio globale di prevenzione dell’Hiv, e risulterà l’elemento fondamentale di una strategia ancora più efficace.

La situazione negli altri paesi africani

Nel 2016, in Nigeria, solo 76 persone seguivano una terapia PrEP. Nel 2020, questo numero è salito a 32.000. Questa impennata è dovuta in parte alla decisione del governo nigeriano di coordinare centralmente i programmi sull’HIV.

L’attenzione dovrebbe concentrarsi sulla prevenzione e sull’aumento delle strutture sanitarie a misura di giovane e sull’utilizzo della tecnologia per fornire informazioni sulla PrEP e su altri temi agli adolescenti tramite i telefoni cellulari e i social media“, afferma Feanyi Nsofor, CEO della società di consulenza sanitaria pubblica nigeriana EpiAfric.

Il Kenya è invece stato uno dei primi Paesi africani a introdurre la PrEP su scala nazionale. Il programma è iniziato nel 2016 con 3.600 persone iscritte. Nel 2018, il numero era cresciuto a 21.000.

Qui, il piano di azione si rivolge specificamente ai lavoratori del sesso e agli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini.

Anche il Sudafrica ha un programma PrEP ampio e consolidato, iniziato nel 2010 e che attualmente conta oltre 250.000 persone iscritte. Si concentra principalmente sull’accesso alla PrEP da parte di persone ad alto rischio attraverso cliniche pubbliche e medici privati.

Il governo sudafricano ha anche recentemente adottato una strategia di sovvenzioni per aiutare a coprire il costo dei farmaci per coloro che non possono permetterseli.

La PrEP nell’ambito di una strategia complessiva di prevenzione

Nel 2016, solo 4154 persone nell’Africa subsahariana assumevano la profilassi pre-esposizione. Nel 2020, questo numero è salito a oltre 517.000, pari al 56% del totale globale.

Ciò è dovuto in gran parte agli investimenti del President’s Emergency Plan For AIDS Relief degli Stati Uniti e all’impegno di molti governi della regione di offrire un ampio accesso alla PrEP.

Un numero sempre maggiore di Paesi africani sta iniziando a riconoscerne l’importanza nella prevenzione dell’HIV. Nel 2019, il Botswana è diventato il primo Paese della SSA a fornire gratuitamente la PrEP ai suoi cittadini.

A questo hanno fatto rapidamente seguito Kenya, Lesotho, Malawi, eSwatini (ex Swaziland), Uganda e Zimbabwe. Da allora, tutti questi Paesi hanno registrato un aumento significativo degli utilizzatori.

PrEP nei paesi africani: c’è ancora molto da fare

La PrEP rimane comunque maggiormente disponibile nei Paesi sviluppati: nei Paesi in via di sviluppo, invece, solo l’1% circa delle persone che potrebbero beneficiare della PrEP vi ha accesso.

Esistono diversi ostacoli all’utilizzo diffuso. In primo luogo, vi è una mancanza di consapevolezza della PrEP e della sua efficacia tra i gruppi a rischio.

In secondo luogo, in diversi paesi manca ancora la volontà politica d’investire nell’accesso alla profilassi. E infine, ci sono sfide logistiche da affrontare per garantire l’accesso alle popolazioni rurali, senza contare la mancanza di personale qualificato per fornire consulenza e supporto alle persone che la assumono.

La dott.ssa Paula Segal, cofondatrice e direttrice esecutiva del Women’s Global Health Imperative presso la Heller School for Social Policy and Management, ha recentemente parlato di queste sfide e di come possono essere affrontate.

Molti tra la popolazione generale non sanno ancora che la PrEP esiste, che cos’è o come accedervi. Dobbiamo quindi normalizzarla e aumentare la domanda“, afferma l’esperta. “Le farmacie locali e gli altri punti vendita devono essere informati della possibilità di tenerla e venderla, e i membri della comunità devono essere informati su dove possono andare a prenderla”.

Un’altra sfida è rappresentata dal fatto che la maggior parte degli studi clinici sulla PrEP sono stati condotti tra uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (MSM). Questo lascia un vuoto di conoscenze su come fornire la PrEP ad altri gruppi, come le donne e le persone trans.

Abbiamo bisogno di dati migliori su come aumentare i servizi per popolazioni come le donne e le ragazze, che possono trovarsi di fronte a barriere specifiche in termini di norme di genere relative alla sessualità e, più in generale, alla ricerca di assistenza sanitaria“, afferma Segal.

C’è ancora molto lavoro da fare per rendere la PrEP veramente accessibile a tutti coloro che ne hanno bisogno. Ma con uno sforzo concertato per aumentare la consapevolezza e rimuovere le barriere, il risultato è raggiungibile.

Come conclude Segal: “Il punto fondamentale è che sappiamo cosa funziona. Abbiamo solo bisogno della volontà politica e delle risorse per farlo su larga scala“.

 

Photo by Oladimeji Odunsi on Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Francesca Pascale e l’addio a Paola Turci: “Un grande dolore, ho deciso io di allontanarmi. Berlusconi incancellabile”

News - Redazione 20.7.24
Jordan Bardella Gay.it Roberto Vannacci

Ai Patrioti piace così, Vannacci è troppo anti-gay,: l’omosessualità e le voci manipolatorie su Bardella gay

News - Mandalina Di Biase 21.7.24
Storie queer oltre i nostri confini, Senegal, Marocco e Corea del Sud, ma anche Turchia e Iran - cover 1 - Gay.it

Storie queer oltre i nostri confini, Senegal, Marocco e Corea del Sud, ma anche Turchia e Iran

Culture - Federico Colombo 20.7.24
Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
Il Poiesis Quartet si esibiranno al XXIV Emilia Romagna Festival il 21, 23, e 26 Agosto

Poiesis Quartet, il primo quartetto queer nella storia della musica classica – Intervista

Musica - Riccardo Conte 20.7.24

Leggere fa bene

nigeria-kito-app-dating

Nigeria, l’orrenda pratica del “kito”: bande omofobe attirano uomini gay sulle app di dating per “punirli” e ricattarli

News - Francesca Di Feo 3.5.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt

“L’occidente vuole importare in Ghana il disturbo mentale dell’omosessualità”: il parlamentare Sam George difende la legge anti-LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Vivere bene, vivere meglio con l’Hiv: quanto è importante prendere bene la terapia? - pexels maksgelatin 4883435 1 - Gay.it

Vivere bene, vivere meglio con l’Hiv: quanto è importante prendere bene la terapia?

Corpi - Daniele Calzavara 11.7.24
Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə? - cover - Gay.it

Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə?

Corpi - Gay.it 6.5.24
sudafrica-pride-2024

Sudafrica, l’isola felice della comunità LGBTQIA+ africana, celebra il suo 31esimo Pride

News - Francesca Di Feo 6.3.24