Ghana, a rischio 4 miliardi a causa della legge anti-LGBT. E il presidente non l’ha ancora firmata

Il presidente Nana Akufo-Addo non firmerà la contestatissima legge se non avrà il via libera della Corte Suprema.

ascolta:
0:00
-
0:00
Ghana LGBTQ+
GHANA LGBTQ+ Queer Diritti Lgbt - legge omofoba
3 min. di lettura

La scorsa settimana il Parlamento del Ghana ha approvato una terribile legge omobitransfobica, che impone una pena detentiva fino a tre anni per chiunque sia ritenuto colpevole di identificarsi come LGBTI. In Ghana il sesso tra persone omosessuali era già illegale e prevedeva pene detentive fino a tre anni di reclusione, ma la nuova legge impone condanne detentive anche alla semplice identificazione come persona LGBTI.

Ebbene il Presidente Nana Akufo-Addo non ha firmato la legge approvata dal parlamento, annunciando sui social che “un cittadino preoccupato ha lanciato una sfida alla Corte Suprema sulla costituzionalità della legislazione proposta“.

Akufo-Add ha sottolineato come la legge abbia “sollevato notevoli preoccupazioni in alcuni ambienti della comunità diplomatica sul fatto che il Ghana potrebbe voltare le spalle al suo record, finora invidiabile e di lunga data, di rispetto e attaccamento ai diritti umani allo Stato di diritto”. “Voglio assicurarvi che nessun passo indietro di questo tipo sarà contemplato o provocato”, ha rimarcato il presidente in attesa della decisione della Corte Suprema e già avvertito di una pesantissima ripercussione economica.

Il Ministero delle Finanze del Ghana avrebbe infatti esortato Nana Akufo-Addo a rimandare la firma del disegno di legge perché il Paese potrebbe perdere fino a 3,8 miliardi di dollari (quasi 3 miliardi di sterline) in finanziamenti della Banca Mondiale, influenzando pesantemente la ripresa economica del Ghana.

La contestatissima legge è stata approvata all’unanimità dal parlamento il 28 febbraio. La norma impone inoltre una pena di reclusione di cinque anni per chiunque aderisca, organizzi e formi o finanzi un gruppo LGBTI, mentre la pena detentiva arriva fino ai 10 anni per chi proverà a difendere i minori LGBTQ+. La legge ghanese concede 7 giorni al presidente per firmare le leggi approvate dal proprio parlamento. In caso contrario, ci sono 14 giorni per motivare la firma mancata.

La ricercatrice di Human Rights Watch Larissa Kojoué ha esortato il presidente a porre il proprio veto alla legge, affermando che “va contro gli obblighi internazionali del Paese in materia di diritti umani” “Una legge del genere non solo eroderebbe ulteriormente lo stato di diritto in Ghana, ma potrebbe anche portare a ulteriore violenza gratuita contro le persone LGBT e i loro alleati. Gli attacchi del Ghana ai diritti LGBT contraddicono la sua immagine di sé come una delle nazioni più amichevoli del mondo e come un Paese sicuro, pacifico e ospitale. Il presidente dovrebbe fare la cosa giusta, preservando lo spazio civico e proteggendo le libertà di parola e di riunione, e porre il veto al disegno di legge”.

La direttrice nazionale di Amnesty International per il Ghana, Genevieve Partington, ha descritto l’approvazione del disegno di legge come “scioccante e profondamente deludente”, soprattutto dopo che il Ghana è stato eletto al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Partington ha continuato:

“Il disegno di legge è uno dei più draconiani in Africa e cerca di criminalizzare ulteriormente le persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Cerca inoltre di punire chiunque sostenga o difenda le persone LGBT, compresi i difensori dei diritti umani, professionisti medici, giornalisti, insegnanti e proprietari di immobili, in violazione del diritto alla libertà di espressione e associazione. Le persone LGBTI hanno già denunciato sgomberi forzati, perdita di posti di lavoro, aumento della violenza e altre violazioni dei diritti garantiti dalla costituzione del Paese, da quando il disegno di legge è stato presentato in parlamento. Amnesty International esorta il presidente Nana Akufo-Addo a rispettare i diritti umani di tutte le persone e a non trasformare in legge questa forma estrema di discriminazione, che colpisce tutti nel Paese”.

L’anno scorso l’approvazione di una simile legge omobitransfobica da parte dell’Uganda spinse la Banca Mondiale a sospendere i prestiti al Paese dell’Africa orientale, perché la legge contraddiceva i loro valori.

Crediamo che la nostra visione di sradicare la povertà su un pianeta vivibile possa avere successo solo se include tutti, indipendentemente dalla razza, dal genere o dalla sessualità. Questa legge mina tali sforzi. L’inclusione e la non discriminazione sono al centro del nostro lavoro in tutto il mondo”.

Il Ghana, per non bissare quanto avvenuto in Uganda e perdere miliardi di dollari, è stata avvisata.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

Continua a leggere

africa lgbt

Storia di un mondo al contrario, così i diritti LGBTIQ+ spaccano il mondo

News - Giuliano Federico 6.12.23
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
georgia-legge-anti-lgbt

Legge anti-LGBTI, così La Georgia potrebbe sabotare il proprio ingresso nell’Unione Europea

News - Francesca Di Feo 2.5.24