Ghana, il Cardinale Turkson contro la legge anti-LGBTQI+: “L’omosessualità andrebbe capita, non criminalizzata”

Sostegno alla comunità LGBTQIA+ anche dalla politica, con il parlamentare Alexander Kwamena Afenyo-Markin che si schiera contro una delle leggi più omobitransfobiche mai approvate.

ascolta:
0:00
-
0:00
ghana-cardinale-contro-disegno-di-legge-omofobo
A sinistra, il Cardinale Peter Turkson, a destra, il parlamentare Alexander Kwamena Afenyo-Markin, entrambi schierati contro il disegno di legge omobitransfobico in Ghana
3 min. di lettura

L’omosessualità andrebbe capita, non criminalizzata”. Una prospettiva che, dalle nostre parti, potrebbe suonare banale, ma che nel Ghana dell’omobitrasfobia pervasiva a tutti i livelli – compreso quello istituzionale – suona come un’idea rivoluzionaria.

Ad esprimerla, il Cardinale Peter Turkson, possibile futuro candidato al papato, che si oppone fermamente al disegno di legge anti-gay in discussione, volto ad imporre pene ancora più severe per chiunque si identifichi come LGBTQIA+, ma anche per attivisti e alleati.

In un’intervista alla BBC, Turkson ha sottolineato la necessità di educare le persone per far loro comprendere meglio la questione dell’omosessualità, una visione che contrasta nettamente con quella degli altri vescovi cattolici Ghanesi, che la definiscono “vergognosa”.

Bisogna insegnare alle persone a distinguere ciò che è criminale e ciò che non lo è, le persone LGBTQIA+ non devono andare in carcere perché non sono criminali. In Ghana esistono da sempre espressioni linguistiche che definiscono l’omosessualità, non ci è stata portata da forze esterne. È importante comprendere, non punire”.

Pur sottolineando nuovamente che le identità non conformi alle norme ciseterosessuali sono considerate inerentemente peccaminose secondo la dottrina cattolica, il Cardinale ha anche citato l’esempio di Papa Francesco, il quale ha recentemente mostrato anche una certa apertura verso la benedizione delle unioni omosessuali.

Turkson ha però anche sottolineato come la forte posizione anti-gay del Ghana potrebbe essere interpretata come una rappresaglia alle imposizioni occidentali, che impongono il proprio pensiero sui paesi sottosviluppati, minacciandoli di tagliare i fondi per lo sviluppo.

Anche Alexander Kwamena Afenyo-Markin, vicepresidente del partito di maggioranza e rappresentante parlamentare per la popolazione Efutu ghanese, ha però manifestato il proprio appoggio alle dichiarazioni del Cardinale Turkson:

Personalmente non credo che gay e lesbiche dovrebbero essere arrestat* per il loro orientamento sessuale. Anzi, non lo dico io, lo dice la Chiesa Cattolica”.

Il disegno di legge omobitransfobico in Ghana

L’intervento del Cardinale Turkson arriva proprio in un momento delicatissimo per la comunità LGBTQIA+ ghanese, mentre è in discussione in parlamento uno dei disegni di legge più omobitransfobici mai delineati. Di seguito, i punti salienti:

  • fino a 3 anni di carcere per attività sessuali tra persone dello stesso sesso;
  • dai 6 a 10 anni di carcere per chi produce, procura o distribuisce materiale considerato promozionale per attività LGBTQIA+;
  • obbligo per cittadini e istituzioni di “promuovere e proteggere i corretti diritti sessuali umani e i valori familiari ghanesi” (il che si traduce, sostanzialmente, nell’educare i cittadini a segnalare qualsiasi comportamento discostante dalla ciseteronormatività alle autorità);
  • da 6 mesi a 1 anno di carcere per manifestazioni pubbliche di relazioni romantiche tra persone dello stesso sesso;
  • da 6 mesi a 1 anno di carcere per manifestazioni pubbliche di relazioni romantiche con persone che hanno subito un cambio di genere o che indossano vestiti per il “sesso sbagliato”;
  • divieto di fornire assistenza sanitaria transgenere;
  • scioglimento forzato di tutte le associazioni LGBTQIA+ in Ghana, con pene da 6 a 10 anni di carcere per chi partecipa a tali associazioni;
  • divieto di sponsorizzazione di gruppi LGBTQIA+;
  • una clausola che rende colpevoli i proprietari di piattaforme digitali o locali fisici in cui si organizzano gruppi LGBTQIA+ di promozione di attività LGBTQIA+;
  • divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso;
  • divieto di matrimonio con persone che hanno subito un cambio di genere;
  • dai 6 a 10 anni di carcere per chi insegna ai bambini su attività LGBTQIA+ o sostiene l’esistenza di più generi oltre al binario di genere;
  • divieto di adozione e affidamento per potenziali genitori LGBT+;

Un esempio emblematico di discriminazione sistemica, che negli ultimi mesi ha suscitato allarmi riguardo la stabilità democratica del Ghana stesso: se la libertà individuale di una specifica comunità può essere così fortemente limitata, si configura infatti un precedente estremamente pericoloso.

Il Ghana non è però l’unico paese africano in cui la repressione della comunità LGBTQIA+ sta raggiungendo livelli critici: anche in paesi come l’Uganda, il Kenya, in Etiopia, in Senegal e in Nigeria, la situazione riflette quell’idea secondo la quale la questione LGBTQIA+ sarebbe un vezzo occidentale, ennesimo mezzo per opprimere i paesi meno sviluppati.

Un malcontento che le autocrazie stanno sfruttando per esercitare un controllo sempre maggiore sulla popolazione.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24

Leggere fa bene

romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
Elle Ungheria sfida Viktor Orban mettendo due papà gay con figlia in copertina - Elle Ungheria sfida Viktor Orban mettendo due papa gay con figlia in copertina 2 - Gay.it

Elle Ungheria sfida Viktor Orban mettendo due papà gay con figlia in copertina

News - Federico Boni 7.9.23
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
Bacio gay sul palco dei The 1975, la Malesia valuta l'interruzione dell'elettricità per evitare "incidenti indesiderati" - The 1975 - Gay.it

Bacio gay sul palco dei The 1975, la Malesia valuta l’interruzione dell’elettricità per evitare “incidenti indesiderati”

Musica - Redazione 6.11.23
ghana-lgbt-repressione-niger

Ghana nel caos: repressione violenta, disegno di legge anti-LGBTQIA+ e il pericoloso fronte con il Niger

News - Francesca Di Feo 27.9.23
burkina-faso-lgbt-africa

Africa, in Burkina Faso il filorusso Traorè vieta le trasmissioni LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.8.23
uganda legge anti gay

Attivisti LGBTQIA+ trascinano l’Uganda in tribunale per la legge “Kill the Gays”

News - Redazione 21.12.23
palestina lgbtiq

Come vivono le persone LGBTIQ+ a Gaza e nei Territori Palestinesi

News - Redazione Milano 13.11.23