Quando non si alza: la tragedia che non esiste

Per cosa ci stiamo scusando quando non ci si alza?

ascolta:
0:00
-
0:00
Quando non ci si alza, una tragedia che non esiste
Robert Mapplethorpe
3 min. di lettura

Il pene è come un cane: penzola nella sua cuccia buona parte del tempo, ma basta sfiorarlo con un dito, un odore o un’alterazione atmosferica per farlo rizzare in aria, e una volta sveglio reclama tutte le tue attenzioni fino a stancarsi e tornarsene a cuccia di nuovo. A svegliarlo e riaddormentarlo sono fattori imprevedibili, spesso più banali del previsto, eppure non sempre immediatamente chiari. Succede che voi e l’altra persona restate finalmente soli, vi togliete i vestiti di dosso, e liberate il segugio dai pantaloni per portarlo fuori a giocare: ma quando arriva il fatidico momento, contro ogni previsione, a volte non ce la fa. Nonostante l’incoraggiamento, si spegne sul più bello, non si carica,  smette di collaborare. La cosa più irritante di un uomo a cui non si alza il pisello è la tragedia che ne deriva: c’è quello che si incazza come una iena, sbuffa, inizia a sbattere i piedi. Quello che ti ripete che non gli è mai successo, non capisce perché, la colpa è del preservativo, è troppo stanco, ha bevuto troppo. Per quanto tu gli ribadisci che non sia un problema, non si capisce precisamente con chi si stanno arrabbiando. Con te? Con sé stessi? Entrambe le cose? Così insopportabili finché non ti ricordi che almeno una volta l’hai fatto anche tu. In entrambi casi chiedevate scusa. “Scusami”, una risposta tenera quanto ridicola. Perché ci scusiamo quando non si alza? Per non aver risposto come avremmo voluto? Perché non basta premere il bottone per accendere un corpo?

Quando non ci si alza, una tragedia che non esiste
(Robert Mapplethorpe)

Stando ad una ricerca di My Secret Case del 2014, quasi la metà della popolazione maschile, ha sperimentato occasionali o temporanei problemi d’erezione (almeno il 25% dei rapporti sessuali, con un raddoppiamento  dei casi dal 2105). Lo psicoterapeuta Raymond Francis, in un articolo per The Irish Times, parla di ansia da prestazione: “Le persone hanno questa aspettativa di essere dei grandi performer” spiega Francis “Rapidamente prima che un uomo si trova a letto con il partner, l’ansia cresce. Più impone su sé stesso, e meno quell’imposizione funziona, e più quell’angoscia cresce“. Francis la definisce una “profezia autoavverante”, con una lieve accusa ai porno che guardiamo. Se penso al sesso sullo schermo gli esiti sono due: spettacolare o imbarazzante. Nel primo caso, il pene si alza a comando come un ponte levatoio, e procede come un siluro, senza tagli di montaggio, lasciando chiunque in piena estasi. Nel secondo caso siamo l’estremo opposto: delle macchiette, degli zimbelli imbarazzati e imbarazzanti, qualcosa che non ci piacerebbe mai essere nella vita vera. Oltre queste due realtà, c’è spazio per altre mille contraddizioni e dettagli che non siamo abituati a raccontare. “Siamo cresciuti in una società dove gli uomini non sono così abituati a parlare davvero di sesso” dice a The Irish Times, Paul Nelson, fondatore di Frank Talk, un gruppo di supporto online per uomini con problemi di disfunzione erettile – che conta più di 50,000 interventi e utenti mensili: “Nessuno vi dice come fare sesso – lo scopri per conto tuo guardando gli altri adolescenti o i porno“. Nelson spiega che nel forum, gli uomini possono condividere apertamente le loro angosce, spiegare quello che provano senza censure o tabù. Finalmente si isolano da quel momento, e anche da quello che tengono tra le gambe.

Quando non ci si alza, una tragedia che non esiste
(Robert Mapplethorpe)

Perché il problema non è che non si alza, quanto convincersi che il cazzo sia il centro del mondo. Non solo fonte inesauribile di piacere, ma anche fragile sostegno per una mascolinità terrorizzata, che si aggrappa con tutte le sue forze a quell’asta traballante, e appena si affloscia, lascia crollare ogni certezza. E quindi ci scusiamo, davanti l’altro ma soprattutto davanti a noi stess*, depotenziati dalle nostre aspettative. Ma piuttosto che scusarci, potremmo darci il permesso di conoscere un corpo pieno di possibilità, capace di rispondere a stimoli imprevedibili, rimasti inesplorati perché eravamo troppo impegnati a sgridare un pene flaccido. Potremmo liberare una sessualità curiosa, divertita dagli imprevisti e svincolata dagli ordini. Imparare a conversare con il proprietario, anche quando il cane dorme.

Leggi anche: Sesso orale, atto d’amore o performance?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24

Leggere fa bene

libri mascolinita tossica patriarcato

Abbasso il macho: 5 libri per riscrivere la maschilità

Culture - Federico Colombo 29.11.23
eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
Nicolas Maupas

Nicolas Maupas: “È una bella rivincita dare volto a personaggi maschili fragili”

Culture - Luca Diana 4.1.24
questo libro non parla di sesso

La pericolosa censura italiana al libro che spiega la sessualità agli adolescenti

Culture - Federico Colombo 16.10.23
Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
Nicolas Maupas - Gay.it

Nicolas Maupas, da Nudes a Un Professore, il volto del maschio gentile

Serie Tv - Mandalina Di Biase 19.12.23
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
dieta-vegana-livelli-di-libido

I vegani lo fanno meglio: uno studio rivela che una dieta plant-based incrementa i livelli di libido

Corpi - Francesca Di Feo 12.1.24