Reaching for the moon, l’arte d’amare della poetessa Elizabeth Bishop

L’interessante ma un po’ oleografico biodrama di Bruno Barreto ha aperto il Ze Festival

Reaching for the moon, l’arte d’amare della poetessa Elizabeth Bishop - Reaching for the moon BS 1 - Gay.it
3 min. di lettura
Reaching for the moon, l’arte d’amare della poetessa Elizabeth Bishop - Reaching for the moon 5 - Gay.it

“L’arte di perdere non è difficile da imparare – così tante cose sembrano pervase dall’intenzione di essere perdute, che la loro perdita non è un disastro – Perdi qualcosa ogni giorno – Accetta il turbamento delle chiavi perdute, dell’ora sprecata”. Così recita l’incipit di ‘One Art’ (‘Un’arte’), nota anche come L’arte di perdere, la più celebre poesia della statunitense Elizabeth Bishop (1911-1979), cantrice sofisticata di amori e paesaggi, considerata da Josif Brodskij “la Callas della poesia del Novecento”, vincitrice del Pulitzer nel 1956 per la raccolta ‘North & South’. Fino agli anni ’80 fu considerata una voce d’élite eccentrica, “uno scrittore per scrittori” come la definì John Ashbery, poi la pubblicazione dei suoi ‘Complete Poems’ nel ’83 le aprirono la strada a un pubblico più vasto e ora non c’è università americana che non preveda la lettura della sua opera nei corsi di poesia e letteratura.

Reaching for the moon, l’arte d’amare della poetessa Elizabeth Bishop - Reaching for the moon 2 - Gay.it

Ne ricostruisce un decennio di vita l’interessante ma un po’ oleografico biodrama “Reaching for the Moon” del brasiliano Bruno Barreto che ha inaugurato giovedì scorso a Nizza la settima edizione del Ze Festival, piccola ma curata cinerassegna itinerante in Costa Azzurra. Nel 1951, in crisi d’ispirazione, la Bishop (un’impeccabile Miranda Otto) si reca a Rio de Janeiro nella lussureggiante tenuta dove vive l’ex compagnia di college Mary (Tracy Middendorff) insieme alla sua compagna architetto, la volitiva Lota de Macedo Soares (Gloria Pires, assai efficace). Nonostante un’iniziale insofferenza reciproca – troppo raffinata e fredda la Bishop, altrettanto vulcanica e impetuosa Lota – le due donne s’innamoreranno perdutamente e saranno costrette a gestire un complesso ménage à trois con Mary a cui Lota addirittura acquisterà il bambino che tanto desiderava mentre per Elizabeth progetta uno studio tutto per lei sventrando una collinetta della sua proprietà. Ma Lota non accetta la dipendenza di Elizabeth dall’alcol e il suo distacco quando la poetessa decide di trasferirsi per insegnare un anno alla New York University.

Reaching for the moon, l’arte d’amare della poetessa Elizabeth Bishop - Reaching for the moon 1 - Gay.it

Tratto dal romanzo di Carmen L. Oliveira ‘Flores raras e banalissimas’, indugia un po’ troppo nella vita idilliaca delle tre donne evitando ogni approfondimento psicologico (in particolare riguardo al rapporto troppo semplificato con Mary che resta in disparte) e innescando così il motore narrativo del conflitto drammatico nella parte finale che è la più riuscita. Le ottime protagoniste restituiscono con forza espressiva due caratteri seducenti e complementari, la cui omosessualità è descritta con naturalezza e pudore (ma l’agiatezza dell’architetto che progettò il Flamingo Park di Rio – sono magnifiche le scenografie moderniste della tenuta, abbellite da giardini esotici in continua ridefinizione – consente loro di vivere in una sorta di isola felice, protette dal mondo esterno: all’epoca il lesbismo, anche in Sudamerica, era sinonimo di trasgressione sociale).

Reaching for the moon, l’arte d’amare della poetessa Elizabeth Bishop - Reaching for the moon 3 - Gay.it

Troppo sacrificata è invece la figura del mentore della Bishop, il grande poeta Robert Lowell che appare su una panchina all’inizio del film. Elegante, ben girato anche se non scava a fondo né nelle contraddizioni compromissorie del triangolo amoroso né nei tormenti creativi della Bishop la cui poesia rimane un personaggio secondario, “Reaching for the Moon” meriterebbe di essere distribuito nelle sale tradizionali per far conoscere una grande poetessa da noi praticamente ignota.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

"Estranei" - All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro - 003 001 S 02013 - Gay.it

“Estranei” – All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro

Cinema - Federico Boni 29.2.24
The Last Year of Darkness, il doc che racconta una Cina di giovani orgogliosamente queer - The Last Year Of Darkness - Gay.it

The Last Year of Darkness, il doc che racconta una Cina di giovani orgogliosamente queer

Cinema - Redazione 4.12.23
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)

Lily Gladstone vuole decolonizzare il suo genere

Cinema - Redazione Milano 2.1.24
Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Love Lies Bleeding primo trailer del film queer con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Gay.it

Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder

Cinema - Redazione 20.12.23
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 18/24 dicembre tra tv generalista e streaming - film lgbt 18 dicembre - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 18/24 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 18.12.23
Rustin, il film sul celebre attivista LGBTQIA+ è arrivato su Netflix - RSTN 20220808 29938 R f - Gay.it

Rustin, il film sul celebre attivista LGBTQIA+ è arrivato su Netflix

Cinema - Federico Boni 30.11.23