Mahmood e Lucio Dalla, un’utopia che tiene insieme tutto, tra vertigine e grazia

A Sanremo per la serata duetti, insieme ai Tenores Bitti, Mahmood interpreterà "Com’è profondo il mare", title-track di un album che Lucio Dalla pubblica nel 1977, cambiando il corso della sua carriera.

ascolta:
0:00
-
0:00
Febbraio 2024, Sanremo: Mahmood interpreta "Com'è profondo il mare" di Lucio Dalla, in duetto con i Tenores Bitti
Febbraio 2024, Sanremo: Mahmood interpreta "Com'è profondo il mare" di Lucio Dalla, in duetto con i Tenores Bitti
3 min. di lettura

Bitti è un borgo antichissimo nei pressi di Nuoro, in Sardegna. A vederlo dall’alto sembra un presepio in miniatura, una piccola pietra bianca nel verde della Barbagia. Se si tende un orecchio, invece, se ci si prepara all’ascolto, si sente il suo canto ancestrale, un suono altrettanto antico, nato insieme al paese, che è patrimonio immateriale dell’UNESCO. Bitti, infatti, è il luogo magico del canto a tenore, una forma polifonica tipicamente sarda e maschile. Quattro uomini, da tradizione, si serrano in un cerchio stretto. Uno di loro, al centro, canta l’amore o la rabbia, gli sberleffi o i racconti epici. Gli altri accompagnano, danno vita a un coro spontaneo di puro suono e accostamento fonetico. È l’espressione della vita di comunità di un mondo agro-pastorale ormai perduto, che sopravvive solo nelle memorie di pochi e, appunto, nel lascito folkloristico. Il canto dei Tenores di Bitti, che ha conquistato artisti come Peter Gabriel, Ornette Coleman, Lester Bowie e Frank Zappa, ha fatto il giro del mondo, dall’Europa al Cile, dagli Emirati Arabi al Giappone e stasera approderà al Teatro Ariston.

Mahmood e Lucio Dalla, un'utopia che tiene insieme tutto, tra vertigine e grazia - Sessp 32 - Gay.it

Nella quarta serata del Festival di Sanremo, quella dedicata alle cover e ai duetti, infatti, i quattro tenori affiancheranno Mahmood nell’interpretazione di Com’è profondo il mare, title-track di un album che Lucio Dalla pubblica nel 1977 cambiando il corso della sua carriera. Una canzone complessa sotto ogni punto di vista, che mescola piani e tematiche: la Storia (dalla Rivoluzione russa della quarta strofa alla bomba nucleare della settima) insieme all’autobiografismo («Babbo, che eri un gran cacciatore di quaglie e di fagiani») e alla riflessione generale sulle sorti dell’umanità («È chiaro che il pensiero dà fastidio, anche se chi pensa, è muto come un pesce, anzi è un pesce e come pesce è difficile da bloccare»). Un inno degli ultimi che si rivolgono ai penultimi, e viceversa, e a un dio che ha smesso di esserci.

Un mescolamento, questo, che potrebbe apparire straniante se associato al repertorio di Mahmood, ma che invece è il perfetto paradigma della sua cifra artistica. È evidente, anche da questo Sanremo, che il cantautore ha trovato la sua personalissima misura nella commistione di linguaggi e codici apparentemente inconciliabili. Il suo immaginario, così riconoscibile, brulica di visioni estetiche e contenuti alieni l’uno all’altro. Le immagini del barrio – polaroid di un reportage che non lascia spazio all’immaginazione – si affiancano al racconto di un cuore mai sazio di amore e interrogativi. I suoi ragazzi, che sfrecciano ai margini e crescono in contesti desolati e semi-criminali, poi piangono di fronte al Love e masticano la polaroid di chi amano, poi di notte, singhiozzando, chiamano la mamma.

Mahmood, Tuta Gold: "Ritornello di Un'Emergenza D'Amore della Pausini"

È come se Mahmood fosse capace, e non è scontato, di tenere tra le mani un pianeta inventato e ancora sconosciuto, un piccolo mondo ancora da brevettare, un’utopia che tiene insieme tutto e che trova la sua forza in un miracoloso equilibrio tra la vertigine e la grazia. I cyborg, le creature del futuro che abdicano ai generi sessuali e alle certezze, parlano il dialetto di Orosei e si siedono sui gradini della casba. Le divinità greche incontrano Gundam e Inuyasha, e insieme abitano il cielo sopra Milano o sopra Berlino per poi precipitare nell’Ade o nel Naviglio. Anche musicalmente, il cantautore ci ha abituati alla piena ibridazione del linguaggio: il baile-funk incontra il folklore, che a sua volta chiama in causa il blues e il cantautorato, la black music e il rap, la trap e il pop più spudorato, addirittura il gospel, la musica sacra e quella elettronica. La sua estetica, poi, gioca con i confini e le soglie, scontenta tutti e piace a chiunque. Il grillz sui denti, tipico del maschio ipertrofico e disgraziato, diventa un dispositivo queer e completa egregiamente uno stile che si nutre di gonne, corsetti e camicie monospalla.

Mahmood - Nei letti degli altri - Album, acquista - SENTIREASCOLTARE

Mahmood è un gitano della nostra musica, uno zingaro libero, come direbbe proprio Lucio Dalla. Non ha appartenenze, se non quelle dettate dalla sua stessa visione estetica. Non ha punti fissi, né immagini di sé a cui è troppo affezionato. Così risulta credibile, al fianco di Blanco o di Carmen Consoli, a Sanremo e nei club, a cantare la sua terra o Nina Simone.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🌍🪐✨ (@gayit)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24

Leggere fa bene

Loredana Bertè Pazza Sanremo 2024

Sanremo 2024 è scomodo, Loredana Bertè: “Quando ti obbligano…”

Musica - Redazione Milano 28.1.24
Paris Hilton al lavoro sul nuovo album

Paris Hilton, nuovo album dopo 18 anni. Ecco con chi sta lavorando e quando uscirà

Musica - Emanuele Corbo 18.1.24
Annalisa il suo tallone d'Achille ora punto di forza

Annalisa, quel lato caratteriale “debole”, diventato ora il suo punto di forza

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Sanremo 2024, 3a serata. Ecco l’ordine d’uscita degli ultimi 15 BIG in gara con Teresa Mannino co-conduttrice - Sanremo 2024 3a serata - Gay.it

Sanremo 2024, 3a serata. Ecco l’ordine d’uscita degli ultimi 15 BIG in gara con Teresa Mannino co-conduttrice

Culture - Redazione 8.2.24
Tony Effe e Gaia, Sesso e Samba

“Sesso e Samba è diseducativa”: Tony Effe risponde a una mamma che non approva gli ascolti della figlia

Musica - Emanuele Corbo 21.6.24
Taylor Swift concerto Milano

Taylor Swift travolge l’economia di Milano: ecco il giro d’affari intorno ai due concerti a San Siro

Musica - Emanuele Corbo 9.7.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Ariana Grande, è uscito l'album "Eternal Sunshine"

Ariana Grande, nel nuovo album “Eternal Sunshine” il grande rompicapo dell’amore

Musica - Emanuele Corbo 8.3.24