Sciogliere Pro Vita e vietare le terapie riparative

Convegno "Sei come sei" di Gaynet nei giorni del Roma Pride. Alliva "Ripresa della retorica della devianza". Grillini "Quelli di Pro Vita sono parafascisti".

ascolta:
0:00
-
0:00
pro vita terapie riparative
pro vita terapie riparative
3 min. di lettura

Durante il convegno “Sei come sei” organizzato da Gaynet come parte degli eventi del Roma Pride, Simone Alliva, ha sollevato preoccupazioni riguardo alla ripresa della retorica della devianza. Alliva ha evidenziato come sui social media e nella politica si stia verificando una stigmatizzazione crescente, con la promozione di conferenze che, sotto titoli apparentemente innocui, spiegano dettagliatamente strategie per reprimere orientamenti sessuali e identità di genere considerati devianti. Questi eventi sono organizzati dalle stesse realtà che hanno ritirato il patrocinio al Roma Pride da parte della Regione Lazio.

Alliva ha condiviso storie di ragazzi minorenni che sono stati vittime di abusi legati alla messa in pratica delle teorie riparative.

Teorie riparative, il racconto di E. a Gay.it: «Avevo bisogno di aiuto ma la psicologa voleva farmi tornare ‘normale’»

Sciogliere Pro Vita e vietare le terapie riparative - Teorie riparative - Gay.it
Teorie riparative, il racconto di E. a Gay.it: «Avevo bisogno di aiuto ma la psicologa voleva farmi tornare ‘normale’»

 

Franco Grillini ha introdotto il tema della depatologizzazione dell’omosessualità e delle identità LGBT+, sottolineando la necessità di implementare in Italia l’ICD 11 per garantire pieno supporto anche alle persone trans. Grillini ha menzionato la presenza di gruppi parafascisti come Pro Vita, che si dedicano a denunce e intimidazioni contro coloro che cercano di diffondere informazioni scientifiche corrette, e ha sostenuto la chiara richiesta del loro scioglimento.

L’avvocato e legista Antonio Rotelli ha illustrato le differenze nelle normative contro queste pratiche in Spagna, Francia, Germania e Malta, evidenziando che in alcuni casi queste normative che vietano le terapie riparative si applicano non solo alle persone minorenni, ma a tutta la popolazione.

Successivamente, Cathy Renna, Direttrice della Comunicazione della NationalLGBTQTaskForce degli Stati Uniti, ha sottolineato l’importanza di raccontare le esperienze delle persone sopravvissute a questi trattamenti per coinvolgere l’opinione pubblica nel sostegno alle normative di intervento.

Jack Dresher, un noto psichiatra e psicoanalista, ha discusso del percorso che ha portato alla depatologizzazione dell’omosessualità e dell’incongruenza di genere, essendo stato lui stesso il protagonista principale del gruppo di lavoro che ha revisionato la classificazione internazionale delle malattie (ICD 11).

Cristina Leo, Vice Presidente di Gender X e psicologa, ha sottolineato l’importanza di includere le persone transgender nella lotta contro le terapie riparative in Italia. Ha citato uno studio pubblicato nel 2019 da Jama Psychiatric, secondo cui negli Stati Uniti una persona transgender su cinque che ha cercato assistenza professionale ha subito trattamenti di conversione, i quali aumentano il rischio di suicidio e lo quadruplicano per i minori.

Durante l’evento, anche l’attivista transgender Yasmin Incretolli ha condiviso la sua testimonianza, raccontando di essere stata portata da un prete a Trastevere che, secondo le informazioni raccolte dalla madre, affermava di essere in grado di curare l’omosessualità. Incretolli ha descritto le terapie riparative come un controllo sul corpo e sui genitali, condotte da individui spesso legati all’ambiente religioso, che manifestano morbosa curiosità e interesse sessuale per i minori, alimentando gli stereotipi di pedofilia spesso associati al movimento LGBTQIA+.

Gay.it: articoli sulle terapie riparative su Gay.it >

Rosario Coco, presidente di Gaynet, ha concluso l’evento affermando che si tratta di evidenti forme di abuso nei confronti del corpo, dell’identità e dell’autodeterminazione delle persone, che devono essere fermate. Ha annunciato l’inizio di un percorso di sensibilizzazione coinvolgendo associazioni, esperti e la cittadinanza per chiedere con forza che l’Italia proibisca i trattamenti di conversione.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Da’ Voce Al Rispetto (@davocealrispetto)

 

Immagine di copertina: Foto di Stormseeker su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - Elezioni Europee ecco i 26 candidati italiani - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

Hai già letto
queste storie?

bandiera progress pride

Come Gay.it condanniamo senza esitazione i vergognosi atti violenti contro Pro Vita

News - Gay.it 28.11.23
Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: "Basta confondere l'identità sessuale dei bambini" - Pro Vita nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma - Gay.it

Pro Vita, nuovi aberranti manifesti contro la carriera alias a Roma: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Redazione 22.11.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24
Russia LGBT - terapia riparativa

Russia: “curare le persone LGBTI”, smascherati 12 enti che operano indisturbati tra abusi fisici, sessuali e psicologici

Corpi - Francesca Di Feo 5.3.24
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23