La toccante storia dietro la fotografia che svelò al mondo il dramma dell’AIDS

Una giovane studentessa di fotografia che con il suo scatto ha fatto la storia.

La toccante storia dietro la fotografia che svelò al mondo il dramma dell'AIDS - aids 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Quando David Kirby è morto aveva 32 anni, stava sul letto col volto prosciugato dalla malattia e il corpo ormai devastato dall’AIDS. È morto circondato dalla sua famiglia e quell’istante è stato catturato dalla macchina fotografica di Therese Frare, all’epoca una giovane studentessa di fotogiornalismo in un’università dell’Ohio.

Therese Frare immortalò quel momento e diede un volto umano a quella malattia così ferocemente stigmatizzata. Nel mese di novembre del 1990, la celebre rivista Life decise di pubblicare quella foto che divenne rapidamente un simbolo.

Dopo molto tempo la rivista ha voluto condividere con i suoi lettori la storia commovente che si cela dietro quello scatto e lo ha fatto proprio attraverso i ricordi quella giovane fotoreporter: “Avevo iniziato un corso di foto-giornalismo presso l’Università dell’Ohio nel gennaio del 1990”, ha raccontato Therese Frare. “In quel periodo prestavo anche volontariato presso il Pater Noster House, una struttura che ospitava i malati di Aids a Columbus. Nel mese di marzo ho iniziato a scattare foto lì e ho avuto modo di conoscere il personale, in particolare un volontario di nome Peta che si prendeva cura di alcuni pazienti. Tra loro c’era anche David Kirby”.

Kirby veniva da una piccola cittadina dell’Ohio: negli anni ’80 era stato un attivista molto impegnato per i diritti della comunità LGBT e proprio per questo Kirby aveva dovuto lasciare casa sua, trasferirsi in California, per allontanarsi da una famiglia che viveva male il suo orientamento sessuale e la sua scelta di visibilità e militanza. Ma alla fine degli anni ’80 Kirby scoprì di aver contratto il virus dell’HIV. A quel il giovane punto decise di contattare i suoi genitori: chiese loro di far rientro a casa per morire circondato dalla sua famiglia. Ed è proprio quello che accadde. 

“Il giorno che David è morto, stavo facendo visita a Peta”, ha raccontato ancora Frare, che oggi vive e lavora a Seattle. Alcuni infermieri avevano chiamato Peta chiedendogli di far compagnia a David. Lui portò anche me, ma mi fermai fuori dalla stanza di David, assorta nei miei pensieri, quando a un certo punto la madre di David venne fuori e mi disse che volevano una foto che li immortalasse mentre davano l’ultimo saluto al loro figlio. Entrai, rimasi in silenzio in un angolo, l’unica parte del mio corpo che muovevo erano le mani che stringevano la macchina fotografica. Puntai l’obiettivo e scattai. Solo in seguito, ho capito che lì dentro era accaduto qualcosa di veramente incredibile. Ed era avvenuto proprio di fronte a me. L’immagine scattata dalla giovane fotografa aveva restituito un volto umano a quella malattia che stava uccidendo migliaia di persone.

La foto scattata da Tehrese Frare infatti guadagnò numerosi riconoscimenti, tra cui il World Press Photo Award, quando venne pubblicata sulla rivista Life, ma esplose due anni più tardi quando l’azienda Benetton decise di usarla – nella versione a colori – per lanciare una provocatoria campagna pubblicitaria, che generò critiche e polemiche, sia tra i gruppi cattolici (che ritenevano la foto offensiva perché richiamava alla mente l’iconografia della Pietà) sia tra gli attivisti che lottavano contro HIV/AIDS, perché ritenevano fosse un uso a fini esclusivamente commerciali.

La toccante storia dietro la fotografia che svelò al mondo il dramma dell'AIDS - david kirby aids benetton - Gay.it

In ogni caso la foto di Therese Frere aveva fatto qualcosa di importante: aveva dato all’opinione pubblica la possibilità di vedere con i propri occhi la realtà concreta di una malattia di cui ben poco si era parlato in quegli anni, a causa dello stigma e dei pregiudizi. 

La famiglia del giovane acconsentì tra l’altro al libero utilizzo della foto, ritenendo che essa potesse aiutare a sensibilizzare l’opinione pubblica piuttosto critica verso i malati affetti da Aids: “Abbiamo sentito che quello era il momento giusto per mostrare la verità sull’Aids”, ha spiegato la madre di David, Kay Kirby. Ed è proprio quello che hanno fatto permettendo a Therese di scattare quella foto, apparentemente violando qualcosa di molto intimo ma permettendo allo stesso tempo che quella scena straziante diventasse un manifesto di un’emergenza della quale istituzioni e politica dovevano farsi carico.

Immagine di copertina: The Face of AIDS by Therese Frare

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Silver 8.9.18 - 15:43

Ah quindi l'Aids colpisce solo gli omosessuali? Non lo sapevo

    Avatar
    Andrea 8.9.18 - 16:24

    Chiaramente non colpisce solo gli omosessuali perché, purtroppo, da loro, il contagio si è allargato anche alle persone con normale condotta eterosessuale Ma le modalità di rapporto proprie dei sodomiti sono quelle che, per ovvie ragioni, veicolano il virus per la via più diretta

      Avatar
      Silver 8.9.18 - 16:28

      Ma quante cosa sa.

      Avatar
      Fabrizio Anselmi 8.9.18 - 16:32

      Direi "le modalità proprie di coloro che hanno rapporti non protetti" perché di infezioni se ne prendono anche nei rapporti etero.

        Avatar
        Andrea 8.9.18 - 16:48

        Nei rapporti secondo natura, ove sono implicati il membro maschile e il sesso femminile, congegnato appositamente per accoglierlo, anche se rischioso, è più difficile che vi sia un contagio. Nel rapporto contro natura, invece, ove a fronte di un membro maschile forzato a incunearsi per una via innaturale, vi è chiamato a riceverlo l’orifizio anale, strutturato, al contrario, attraverso apposite contrazioni, per azioni espulsive ed escrementizie, è molto probabile che l’azione del primo, sfregando innaturalmente all’interno delle cavità del secondo, possa, in questo come in quello, complice l’ipervascolarizzazione di entrambi, causare lacerazioni o micro lesioni, con perdite ematiche e apertura immediata al passaggio dell’AIDS C’è poco da scherzare ! Riguardatevi quella foto e cercate di uscire da questa condizione. Finché siete in tempo...

          Avatar
          Fabrizio Anselmi 8.9.18 - 17:45

          Chi è omosessuale non può uscire dalla sua condizione. Comunque è sempre questione di rapporti non protetti. Sifilide e blenorragia non sono state provocate dai gay ma dall'assenza di protezione. Ci sono gay che sono sanissimi ed etero malati.

          Avatar
          Silver 8.9.18 - 17:54

          Fabrizio, sprechi il tuo tempo con questo

          Avatar
          Fabrizio Anselmi 9.9.18 - 10:21

          La speranza non muore mai.

          Avatar
          Rocco Smith 8.9.18 - 19:32

          Se vuoi dire le tue cazzate cerca almeno di essere corretto. Non esiste il passaggio dell'AIDS. L'AIDS è la patologia mentre l'agente patogeno di cui l'AIDS è la patologia è l'HIV. Ti chiaro ora piccolo idiota?

    Avatar
    Fabrizio Anselmi 8.9.18 - 16:33

    Un tempo. Ora colpisce tutti.

Trending

Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau - emmy 2024 cover - Gay.it

Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau

Culture - Federico Boni 18.7.24

Continua a leggere

Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
Vivere bene, vivere meglio con l’Hiv: quanto è importante prendere bene la terapia? - pexels maksgelatin 4883435 1 - Gay.it

Vivere bene, vivere meglio con l’Hiv: quanto è importante prendere bene la terapia?

Corpi - Daniele Calzavara 11.7.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24
Giorgio Ramondetta nudo

Giorgio Ramondetta nudo per il nuovo calendario di Yummy Magazine: guarda la cover

Corpi - Luca Diana 4.7.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24