Taylor Swift è la Persona dell’Anno per Time: un brindisi a un 2023 straordinario

Capelli biondi e signature red lipstick, per la cantautrice della Pennsylvania il 2023 è stato l’anno delle meraviglie.

ascolta:
0:00
-
0:00
taylor-swift-persona-dell-anno-2023
3 min. di lettura

Taylor Swift mi sta raccontando una storia, e quando Taylor Swift ti racconta una storia, tu ascolti, perché sai che sarà bella, non solo perché ha avuto una vita straordinaria, ma perché è una narratrice straordinaria”.

Così il Time introduce un lungo, lunghissimo pezzo che è anche un viaggio nella storia di una delle artiste più influenti del nostro tempo, Taylor Swift, oggi insignita del titolo di Persona dell’Anno 2023 dalla prestigiosa testata statunitense.

Ogni anno, la redazione del Time stilla una lista dei personaggi che nei dodici mesi precedenti hanno avuto il maggiore impatto su più fronti: dalla politica all’attivismo, alla cultura pop fino alla finanza, all’innovazione scientifica e tecnologica. Ma quest’anno, nessuno più di Taylor merita il primo posto. 

Capelli biondi e signature red lipstick, per la cantautrice della Pennsylvania, che ha saputo trasformare la propria vita in un racconto in musica capace di risuonare con milioni di fan in tutto il mondo, il 2023 è stato l’anno delle meraviglie.

A partire dall’”avventura di una vita”, l’Eras Tour, una celebrazione delle diverse ‘epoche’ artistiche di quella che è ormai diventata una delle più acclamate icone della musica contemporanea, che con incassi che superano le nove cifre è diventato l’evento musicale più remunerativo della storia.  

Gli esperti hanno già iniziato a parlare dell’effetto Taylor, un fenomeno che testimonia l’eccezionale impatto culturale e commerciale di Eras, tale da portare i capi di stato di Ungheria, Tailandia e Cile a implorare l’artista di esibirsi nel proprio paese.

taylor-swift-persona-dell-anno-2023

Poi, il trionfo ai VMA 2023, dove l’artista ha stabilito un altro record mondiale, portandosi a casa il più alto numero di premi mai ricevuti da un’artista in questa occasione: ben nove tra Video dell’Anno, Artista dell’Anno, Canzone dell’Anno, Miglior Pop, Miglior Regia, Miglior Fotografia, Migliori Effetti Visivi, Spettacolo dell’Estate e Album dell’Anno per “Midnights”.

E pensare che, come racconta Taylor stessa al Time, tutto è partito con una sconfitta. Chitarra in mano, un talento ancora immaturo e inespresso, una giovanissima Taylor ricevette la sua prima batosta a 17 anni, quando l’”occasione della vita” le scivolò dalle mani.

Al tempo, era stata chiamata ad aprire un concerto di Kenny Chesney, superstar della scena country in cui la cantante bazzicava in quegli anni. Ma per un problema di sponsor, dovette annullarla.

Eppure, la storia di Taylor ci insegna che quel treno non passa mai una volta sola. La sua resilienza come donna capace di scalare un’industria che l’avrebbe voluta docile, prona alle dinamiche di mercato e spettatrice passiva del proprio successo, mescolando arte e attivismo, è una lezione antipatriarcale fondamentale per le nuove generazioni.

Taylor è oggi persona dell’anno su quella vetta solitaria raggiunta solo da poche altre persone dell’industria musicale – tra cui citiamo, Michael Jackson e Madonna – proprio perché, attraverso ognuna delle sue epoche, ha tenuto stretta la propria autenticità, la stessa che l’ha resa, nell’ultimo decennio, amica e confidente prima dei millennials, e poi della Generazione Z.

taylor-swift-persona-dell-anno-2023 (2)

Chiunque può rivedersi in una delle storie narrate da quella talentuosa voce talvolta sospirata, talvolta travolgente in un equilibrio che – senza peccare di superbia – sa raccontare nella sua semplicità l’esperienza umana, scevra di sovrastrutture patinate.

Taylor parla delle sue storie d’amore e non solo, celebrando gli alti e riflettendo sui bassi, indossando il proprio cuore e le proprie fragilità davanti al suo pubblico senza mai parlare di rimpianti, bensì di esperienze.

Ed è forse anche questo il motivo dei continui affondi, non alla sua inattaccabile integrità artistica, bensì alla sua persona: Taylor è una “mangiauomini”, una che “non si sa tenere un uomo” e una “megera psicopatica”.

Epiteti su cui, con proverbiale classe e distacco, Taylor è capace di scherzare, rivelando al contempo la radice di tutto quell’astio con cui un certo pubblico guarda ad artiste del suo calibro. Nessuno avrebbe mai osato riservare il trattamento alla Kanye West a un uomo nella sua stessa posizione, o sbagliamo?

Di questo, ne parla in The Man, che – come Barbie – è capace di veicolare l’attivismo in maniera semplice e digeribile, seppur con un impatto straordinario sulle nuove generazioni.

Ed è anche per questo che vedere Taylor prendere il suo spazio, fare rumore, finire addirittura sulla copertina del Time di quest’anno, ed essere meravigliosamente umana – con pregi e difetti al seguito – è un apprezzatissimo cambio di paradigma che va ben oltre il girlboss feminism.

È la storia di ogni donna che lotta per elevare la propria condizione come meglio sa farlo, senza mai rigettare la propria femminilità. È la donna che, senza inutili preamboli e senza doversi fare piccola per nessuno, si prende ciò che è suo di diritto. Più dà fastidio, più sta funzionando.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24

I nostri contenuti
sono diversi

Loredana Bertè, icona queer e maestra di coraggio - Sessp 22 - Gay.it

Loredana Bertè, icona queer e maestra di coraggio

Musica - Federico Colombo 22.1.24
harry styles gay.it

Harry Styles, il prossimo film e il nuovo libro che lo vuole “gentiluomo della musica pop”

Culture - Redazione Milano 21.9.23
ddlovato

Chi è la donna famosa con cui stava Demi Lovato?

Culture - Redazione Milano 18.9.23
ILARY BLASI IN 'UNICA' (NETFLIX)

Per sempre dalla tua parte, Ilary

Culture - Riccardo Conte 28.11.23
kylie minogue tension

Kylie Minogue è tornata, trepidiamo tuttə per “Tension”, il nuovo album tutto da ballare

Musica - Redazione Milano 21.9.23
Dua Lipa per Rolling Stone (2024)

Dua Lipa: tutto quello che sappiamo sul nuovo album

News - Redazione Milano 17.1.24
sony

Ancora non sapevate che Miley Cyrus fosse bisessuale?

Culture - Redazione Milano 4.9.23
Annalisa, cover brano "Sinceramente"

Cara Annalisa, ti scrivo

Musica - Luca Diana 1.2.24