The Crown, una lezione di politica per l’establishment e la sconfitta del populismo

All’indomani del referendum costituzionale, di Trump e Brexit, una serie tv che insegna il senso di responsabilità alle classi dirigenti.

The Crown, una lezione di politica per l'establishment e la sconfitta del populismo - the crown - Gay.it
3 min. di lettura

E se fosse una serie tv sulla monarchia inglese a insegnarci come battere il populismo?

All’indomani del referendum costituzionale la mia analisi politica del risultato è consistita nello spararmi in poche serate la serie del momento, The Crown, disponibile su Netflix.

Premetto che sul corpo avevo ancora fresca la batosta della sconfitta di Hillary Clinton che per me ha rappresentato davvero il fondo del barile. La vittoria di Donald Trump, o meglio la sconfitta della prima donna candidata alla Casa Bianca per mano di un uomo che rappresenta tutto ciò che il femminismo ha combattuto è stata un terribile shock. Qualche mese prima c’era stata Brexit che pure non era stata una passeggiata. Insomma questo 2016 è stato segnato da un grande scoramento: molto meglio dunque sfuggire dalla realtà, e rifugiarsi nella serialità.

In questo senso, The Crown offre un rifugio a tutti coloro che credono ancora nelle istituzioni e non si arrendono all’idea populista che i processi democratici possano autogovernarsi: basta guardare alla storia per capire che l’anarchia di solito si risolve nella legge del più forte. Certo, è molto importante chi abita le istituzioni e come ci si rapporta con esse. The Crown, serie inglese scritta da Pete Morgan (già autore del film The Queen con Hellen Mirren), racconta proprio questo: il conflitto tra personale e politico, che trascende tutti i ruoli di potere. Non basta infatti essere nominati – o consacrati come nel caso del monarca inglese – per poter svolgere al meglio la propria funzione istituzionale; non basta cioè trovarsi lì per caso, piuttosto occorre abitare il ruolo che si ricopre, essendo consapevoli dei propri privilegi e soprattutto dei propri doveri. In questa difficile presa di coscienza da parte di chi riveste ruoli di potere, si cela un meccanismo fondamentale della democrazia rappresentativa e costituzionale, oggi furiosamente sotto attacco dalla demagogia imperante.

The Crown racconta proprio questo, il travaglio che porta la giovane Lilibeth Windsor a svanire per lasciare il posto ad Elisabetta II, regina.  E questo travaglio non sarà certo privo di costi: a farne le spese sarà la vita familiare, il rapporto coniugale col marito Filippo, l’affetto della sorella, persino la propria individualità di giovane donna. Tutto sacrificato per il bene più alto, l’istituzione che si rappresenta. A differenza dello zio Edoardo che rinuncia al trono per sposare l’amore della sua vita, la divorziata americana Wallis Simpson, Lilibeth dimostra di essere capace di sopportare il peso della corona, appunto The Crown, che deve vincere sempre, per citare una scena cult della serie.

La Elisabetta di The Crown è una donna che sente il peso del servizio che sta svolgendo per conto del popolo, ma anche il dovere dell’esempio nei confronti dei suoi sudditi. Forse il sentimento anti-establishment che sta dilagando in questi mesi è proprio legato alla venuta meno di questo senso di responsabilità da parte delle classi dirigenti, che è il presupposto di ogni base di legittimità. A pensarci bene, non c’è forse nessuno al mondo che sia più establishment della regina Elisabetta, eppure questa figura – parlo del personaggio della serie, non del personaggio realmente esistito (non essendo uno storico, non esprimo un giudizio sul monarca inglese attuale) – pone le basi della propria autorevolezza non certo nell’empatia, ma nel senso del proprio ruolo e nello spirito di servizio, inteso come public service.

The Crown insegna insomma una grande lezione all’establishment di questi tempi sotto attacco, lo fa con lo stile del period drama, del grande romanzo in costume che delizia gli occhi degli appassionati del genere, attraverso la messa in scena della storia. Qualsiasi leadership, elettiva o ereditaria che sia, si esercita innanzitutto avendo il senso del limite, altrimenti il potere diventa sopraffazione. Certo, il problema è che troppo spesso questo “senso del limite” viene tradotto maldestramente, almeno in Italia, in istinto di conservazione dello status quo, bigottismo e elitarismo. Non c’è da stupirsi poi se la fiducia nelle istituzioni crolla e il sentimento popolare si coagula esclusivamente nel dissenso. E’ quello che sta accadendo in Europa, dove un’intera classe dirigente ormai teme come la peste il suffragio universale. Per non morire elitari e al contempo non arrendersi al qualunquismo dell’anti-politica, occorrerebbe una nuova generazione di leadership visionarie che riscoprano la passione politica come spirito di servizio verso i cittadini. Sembra scontato, ma oggi non lo è.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 12.12.16 - 17:49

"Until the Queen like" recita la formula della condanna all'ergastolo in Inghilterra. Come si nota il congiuntivo, questo sconosciuto ai più, soprattutto in politica,, c'è persino in inglese per chi lo sa.

Trending

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain - QUEER by Luca Guadagnino from left Drew Starkey and Daniel Craig photo by Yannis Drakoulidis - Gay.it

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain

Cinema - Federico Boni 23.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Roberto Bolle

Roberto Bolle lo ha fatto di nuovo: lo spettacolo con i suoi “friends” conquista l’Arena di Verona – FOTO

Culture - Emanuele Corbo 25.7.24
Deadpool & Wolverine, trionfo queer tra risate, allusioni sessuali, celebrazione mutante e un'iconica Madonna - TDW 14349 R - Gay.it

Deadpool & Wolverine, trionfo queer tra risate, allusioni sessuali, celebrazione mutante e un’iconica Madonna

Cinema - Federico Boni 24.7.24
Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico? - grindr olympic - Gay.it

Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico?

News - Redazione 24.7.24
Perché amiamo Tom Daley - Tom Daley - Gay.it

Perché amiamo Tom Daley

News - Federico Boni 23.7.24

Leggere fa bene

Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Eurovision 2024, prima semifinale da urlo. Trionfo queer tra Grindr, Orgoglio e senso dello spettacolo (VIDEO) - persona non binaria in rappresentanza dellIrlanda ha vestito i colori della bandiera transgender dopo aver - Gay.it

Eurovision 2024, prima semifinale da urlo. Trionfo queer tra Grindr, Orgoglio e senso dello spettacolo (VIDEO)

Culture - Federico Boni 8.5.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Antonio Vaglica, L'acchiappatalenti

Antonio Vaglica vince la prima puntata de “L’Acchiappatalenti”

Culture - Luca Diana 12.5.24
Barbara D'Urso sul Nove?

Barbara D’Urso torna in tv e sfida Myrta Merlino: ecco dove la vedremo

Culture - Emanuele Corbo 19.6.24
Filippo Bisciglia, Temptation Island

Temptation Island torna in tv, ma ancora una volta senza coppie queer

Culture - Luca Diana 20.6.24
Sarah Paulson: "Ryan Murphy mi ha dato una carriera, e ora è mio amico prima di ogni altra cosa" - Sarah Paulson AHS - Gay.it

Sarah Paulson: “Ryan Murphy mi ha dato una carriera, e ora è mio amico prima di ogni altra cosa”

News - Redazione 19.4.24
Amedeo Minghi vs. Eurovision e Nemo: "Sodoma e Gomorra da non trasmettere, ha vinto uno con la gonna" (VIDEO) - Amedeo Minghi vs. Nemo - Gay.it

Amedeo Minghi vs. Eurovision e Nemo: “Sodoma e Gomorra da non trasmettere, ha vinto uno con la gonna” (VIDEO)

Musica - Redazione 13.5.24