Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica

Il rapporto tra maschile e femminile deve essere alimentato dal caos: "Vulnerabilità e autenticità possono essere un punto di forza". Il messaggio ai lettori di Gay.it

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - thomasevans - Gay.it
thomas evans photograghy
4 min. di lettura

Il fotografo Thomas Evans è conosciuto per il suo attivismo nella comunità LGBTQ+ di New York. Il suo progetto Feminizing the Masculine Man è una campagna fotografica, che ritrae gli uomini in tutta la loro esplicita mascolinità: la serie serve ad abbattere le etichette prescritte dalla società, per il fotografo infatti il rapporto fra il concetto di mascolinità e femminilità deve essere alimentato unicamente dal caos e dalle contraddizioni.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - 10943076 10152521385492665 2541022459755890450 n - Gay.it
@Thomas Evans

Thomas provoca spostando i confini dell’estetica maschile e femminile, la sua è una lotta alla mascolinità tossica sedimentata nella società odierna, e attraverso l’antitesi uomo/donna ci presenta un’analisi della paura e della libertà di espressione che ogni persona deve affrontare; la variante maschile stereotipata, con il petto muscoloso, tatuato, peloso, e la barba folta è affiancata alla versione femminilizzata dei soggetti che ritrae.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - VinnyP - Gay.it
Femme the Man, Breaking Societies Prescribed Labels

Le persone che vedono le mie foto devono fermarsi e riflettere: “si, sono a disagio eppure è bello, mi piace!” Voglio che ciascuna delle mie fotografie metta in discussione non solo le verità accettate dallo spettatore su genere, classe e bellezza, ma anche il soggetto di ogni ritratto deve giocare con le sue due sfaccettature. Il mio lavoro si sforza di spingere ciascuno soggetto della foto fuori dalla loro zona di comfort. Credo che sia all’interno di quella nuova lotta interiore che diventa possibile il vero potenziamento e la vera trasformazione.
Conosciamolo meglio.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - Gay.it
Femme the Man

Raccontaci il tuo progetto Feminizing the Masculine man.

Per proteggersi dalla società spesso costruiamo un muro di protezione tra noi e la percezione che le altre persone possono avere; se un uomo vuole adattarsi alla società ed essere rispettato deve assumere un aspetto mascolino, ma spesso questa è solo una facciata.
E’ un messaggio non detto che viene  trasmesso ai ragazzi, essere un uomo significa essere mascolini, i ragazzi non devono piangere, ma piuttosto essere duri, combattere e credere che il potere e il denaro siano di fondamentale importanza nella vita.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - image 6487327 17 - Gay.it
Dirty Glam

Credo che tutti in questo mondo abbiano un mix di energia tra Maschile e Femminile. È tempo di rompere lo stigma secondo cui la femminilità è debole, specialmente negli uomini, invece voglio sottolineare che vulnerabilità e autenticità possono essere piuttosto un punto di forza.
Il mio progetto vuole sdoganare il principio per cui gli uomini devono avere tratti classificati come maschili. Parlo di forza, dominio, assertività ed egoismo, e al contrario la società femminile è tradizionalmente pensata con tratti convenzionali, come essere solidale, premurosa e orientata alle relazioni.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - Craigbrandon2 - Gay.it
Femme the Man, Breaking Societies Prescribed Labels

Com’è nato questo progetto?
Nel mio lavoro, sono sempre stato spinto dal  bisogno di mettere in discussione ciò che viene percepito dalla società e quello che invece vogliamo realmente essere; per questo, per tutta la mia carriera mi sono impegnato a esplorare e a combattere le etichette prescritte e imposte dalla società. Il progetto fotografico Feminizing the Masculine Man ci deve far riflettere su chi possa decidere veramente cosa sia “maschile” e “femminile” e quali siano i parametri che la società utilizza per valutare le persone.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - 523A7378 edit - Gay.it
Goddess Series

Parlaci della campagna HIV Advocates.
Per tutta la mia carriera mi sono dedicato a combattere lo stigma sociale dell’HIV e la discriminazione che alcune realtà vivono quotidianamente, impegnandomi  come  direttore creativo del Health Care Advocates International.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - image 6487327 18 - Gay.it
Femme the Man

In HCAI ho creato una campagna fotografica chiamata HIV Advocates che combatte lo stigma dell’HIV e la discriminazione nella società che spesso ne consegue. Questa campagna promuove il test HIV, la conoscenza del proprio stato, il trattamento, l’U=U e una vita autentica per chi l’ha contratta. Le persone che partecipano alla campagna credono che, indipendentemente dal tuo stato di sieropositività, siamo tutti ugualmente preziosi.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - image 6487327 19 - Gay.it
“Feeling the Femme Fantasy”

Quale messaggio ti piacerebbe mandare ai lettori di Gay.it?
Il mio messaggio è sicuramente quello di vivere la vita che vuoi realmente. Esprimi te stesso nel modo in cui preferisci, senza paura o vergogna, essere autentici porterà alla felicità e alla gioia. Abbattiamo insieme la paura e la vergogna e normalizziamo l’autenticità.

Intervista a Thomas Evans, artista che lavora sulla femminilizzazione della mascolinità tossica - unnamed - Gay.it
Femme the Man

https://www.instagram.com/thomasevansphotography/

https://www.thomasevansphotography.com/

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Shannen Doherty Addio

Addio Shannen Doherty, sempre al fianco dei fragili, in bilico tra forza e vulnerabilità

Serie Tv - Mandalina Di Biase 15.7.24
Capire il mostro: cosa fare di Alice Munro? - Matteo B Bianchi11 - Gay.it

Capire il mostro: cosa fare di Alice Munro?

Culture - Federico Colombo 15.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Simon Cowell vorrebbe giovani cantanti trans per una nuova boy band in stile One Direction - Simon Cowell cover - Gay.it

Simon Cowell vorrebbe giovani cantanti trans per una nuova boy band in stile One Direction

Musica - Redazione 16.7.24
Lil Nas X - Rodeo Gay

Da Lil Nas X a Orville Peck: sei mai stato in un rodeo gay? VIDEO

Culture - Mandalina Di Biase 16.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24

Continua a leggere

human pride taranto 2024

Human Pride 2024 a Taranto: “Riportiamo l’umanità al centro dei dibattiti politici” – intervista a Miki Formisano

News - Gio Arcuri 3.7.24
Malika Ayane Napoli Pride Intervista Gay.it

Malika Ayane, intervista alla madrina del Napoli Pride: “Momento politicamente difficile, bisogna fare rumore per spostare l’orizzonte”

Musica - Emanuele Corbo 26.6.24
5 libri su erotismo, ambiente, pratica femminista e queerness - Matteo B Bianchi7 - Gay.it

5 libri su erotismo, ambiente, pratica femminista e queerness

Culture - Federico Colombo 5.7.24
intervista a enna pride

Enna Pride: “Sentiamo che questo Pride è necessario, mancano rappresentanza e visibilità sul territorio”

News - Gio Arcuri 29.5.24
Dennis Altman nel 1972

Dennis Altman, una vita tra attivismo e accademia: intervista

Culture - Alessio Ponzio 8.4.24
Alexandra Drag Queen

La Drag Queen Alexandra a Gay.it: “Voglio vivere una vita dove a casa ho solo giorni belli” – Intervista

Culture - Luca Diana 14.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: "Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer" - Dimitri Cocciuti - Gay.it

Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: “Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer”

Culture - Federico Boni 19.6.24