Tiziano Ferro vuole un film dal suo romanzo: “Non posso lasciare la California, temono che diventi un criminale”

Impossibilitato a venire in Italia causa divorzio da Victor Allen, Tiziano Ferro sogna l'adattamento cinematografico di "La felicità al principio".

ascolta:
0:00
-
0:00
Tiziano Ferro vuole un film dal suo romanzo: "Non posso lasciare la California, temono che diventi un criminale" - Tiziano Ferro 2 - Gay.it
3 min. di lettura

In promozione editoriale grazie al suo primo romanzo, Tiziano Ferro si è concesso una lunga chiacchierata a Radio2 Happy Family, con Ema Stokholma e i Gemelli di Guidonia. Il cantautore di Latina ha confermato che non può spostarsi dalla California perché nel pieno del divorzio con Victor Allen. Ferro ha parlato di “carcere autoimposto”.

“Sto bene, sto affrontando un divorzio che per motivi legali mi costringe in California, non posso lasciarla, hanno paura che io diventi un criminale internazionale e quindi sto qui. La prendo a ridere”.

Ferro ha poi raccontato la sua giornata tipo a Los Angeles. Tutte feste e red carpet? Anche no.

“Ho due bimbi piccoli, sono loro a rapirmi, sto dalla mattina alla sera con loro, cucino, gioco, conosco tantissime canzoncine nuove. Sono entrato nel mondo delle canzoncine. Una di quelle che va di più è Il Pulcino Pio. Ma non riesco mai a ricordare la successione degli animali, è difficilissima. Amano anche Mimì e la nazionale di pallavolo, adesso è la loro hit del momento. Con due bimbi quando arrivi alle sette e mezza di sera ti sembra quasi mezzanotte, sei già morto”.

Tiziano ha confessato che sta vivendo “un periodo complesso”, per poi precisare: “Io non mi siedo nell’autocommiserazione perché la trovo una cosa noiosissima, andrà bene, sarà un periodo bello, ogni curva a gomito ti porta nel posto successivo della tua vita in cui starai meglio e starai bene. Adesso è così, è un periodo di curva a gomito con strapiombo, ma va bene, sto aspettando la prossima cosa bella”.

La felicità al principio, suo primo romanzo, è nato durante un periodo di insonnia, con il cantante che ha rimarcato le differenze tra lo scrivere un libro e lo scrivere un brano. “La condivisione della canzone è più immediata, la sentono in radio, poi vai a fare un concerto e scopri che diventa parte della storia di tutti quelli che sono lì. Con il libro invece sta succedendo una cosa molto divertente, ognuno crea un finale diverso”. “

Finale da non spoilerare, ma Tiziano è sicuro che non ci sarà un sequel. Ma un film lo realizzerebbe volentieri.

“Non voglio fare un sequel. Mi piace lasciare quel finale al sentire di ognuno. Mi piacerebbe fare un film, non nascondo che vorrei farlo. È una storia molto filmica”. “Ci tenevo a dare la possibilità al lettore di aprire un po’ la mente, di non vederci un’autobiografia, perché non lo è. Angelo, il protagonista, fugge dai suoi problemi, cosa che io assolutamente non ho fatto”.

A sorpresa, il neo romanziere non ha pubblicato alcun tipo di ringraziamento: “Ho smesso di farli perché non li legge nessuno. Ringrazio sempre i miei genitori e la mia famiglia, ho sempre bisogno di dirglielo, ora che capisco ancora meglio quello che hanno fatto per me. L’amore va detto, va dichiarato, non può vivere di silenzio o di scontatezza. Anche ai bambini l’amore va insegnato, se tu non dici a un bambino che gli vuoi bene, quel bambino non impara a dirlo“.

Ferro ha poi ricordato come da giovanissimo il suo nome, Tiziano, fosse a dir poco atipico nella Latina di fine anni ’80.

“Nessuno si chiamava così, era un elemento di unicità ma anche di estraniazione dalla realtà. Perché quando sei piccolo vuoi essere parte dei gruppi, questo Tiziano ti distaccava dalla realtà. Avrei dovuto capire da lì che sarebbe iniziata una vita di senso di alienzazione dalla realtà circostante. Quando mi chiedevano come mi chiamassi, dicevo Antonio o Angelo Ferro”.

Appena 17enne e ancora sconosciuto, Ferro provò ad entrare a Sanremo e fu ad un passo dall’Ariston, tra i giovani, per poi venire scartato.  “Eravamo 12, due andavano a Sanremo. La linea di separazione tra Sanremo e me a 17 anni era un niente, chiaro che ci rimasi male, è normale“.

E qui Ferro ha inviato un messaggio al suo io 17enne: “Gli direi di non piangere e di non rimanerci male per quell’esclusione finale, perché era la cosa più giusta. Non saresti stato pronto, non saresti stato in grado di fare Sanremo a quell’età. Non avevi le canzoni giuste, non era il tuo momento. Credimi il tuo momento arriverà“.

Presto super ospite di Drag Race Italia 3, Tiziano nei giorni scorsi ha puntato il dito contro i giornalisti omobitransfobici che hanno approfittato della sua separazione per attaccare lui e le famiglie arcobaleno.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d'Italia - Pedro Almodovar Rossy de Palma e Veronica Forque sul set di Kika – Foto di Jean Marie Leroy © El Deseo - Gay.it

Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d’Italia

Culture - Redazione 10.5.24
I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 aprile tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 aprile tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 8.4.24
Challengers vola al box office, è il primo film di Luca Guadagnino a conquistare gli USA - Challengers 1 - Gay.it

Challengers vola al box office, è il primo film di Luca Guadagnino a conquistare gli USA

Cinema - Redazione 29.4.24
Gianmarco Saurino

Maschile Plurale, intervista a Gianmarco Saurino: “I diritti LGBT sono in pericolo. Bisogna resistere e il Pride è un atto di resistenza meraviglioso”

Cinema - Federico Boni 20.6.24
Ricky Martin, fu suo padre a spingerlo a fare coming out: "Cosa insegnerai ai tuoi figli, a mentire?" - Ricky Martin - Gay.it

Ricky Martin, fu suo padre a spingerlo a fare coming out: “Cosa insegnerai ai tuoi figli, a mentire?”

News - Redazione 25.3.24
Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+ - Colman Domingo e Trace Lysette - Gay.it

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+

Culture - Redazione 5.2.24
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
Diversity Media Awards 2024, le nomination. Tra i personaggi dell'anno Jankto, Cortellesi e Ghali - DMA 2024 le nomination - Gay.it

Diversity Media Awards 2024, le nomination. Tra i personaggi dell’anno Jankto, Cortellesi e Ghali

Culture - Redazione 19.4.24