Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Danza, arti visive, cinema, e letteratura diventano i mezzi per condividere esperienze nuove, cambiare prospettiva, e (ri)scoprirci ancora una volta.

ascolta:
0:00
-
0:00
i want you to know my story di Jess Dugan
i want you to know my story di Jess Dugan
3 min. di lettura

Un anno fa ci chiedevamo se l’arte non solo può migliorarci. Non solo, ma è il veicolo perfetto per metterci in discussione, scuotere dentro, e toccare corde essenziali per la nostra crescita personale.

Ce lo riconferma il Gender Bender Festival, appuntamento annuale che fa di nuovo tappa anche quest’autunno dal 31 Ottobre al all’11 novembre 2023 a Bologna.

Per la sua 21esima edizione, il festival diretto da Daniele Del Pozzo e Mauro Meneghelli, e prodotto da Il Cassero LGBTI+ Center insieme al sostegno del Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, MIC, e Unione europea, torna ad esplorare il rapporto tra genere, corpo, e desiderio attraverso una molteplicità di lenti: danza, arti visive, cinema, e letteratura diventano i mezzi per condividere esperienze nuove, cambiare prospettiva, e creare un dialogo più ampio e stratificato.

““Questa edizione invita trasversalmente pubblico, artiste e operatori a riconoscere le impronte lasciate in noi dagli altri, intese come le memorie che archiviamo
nei nostri corpi o come quei repertori condivisi di movimenti e gesti che costituiscono le nostre storie personali. Per giungere infine a rileggere e indagare i miti e gli archetipi fuori schema, o per riscriverne le storie” dichiarano i direttori Del Pozzo e Meneghelli.

Da I want you to know my story, mostra fotografica di Jess Dugan (ne avevamo parlato qui), fotografa americana che attraverso i suoi scatti ha ripercorso la sua storia e quella di altre persone queer (tanto che il 23 novembre 2015, l’amministrazione Obama l’ha invitata alla Casa Bianca per darle il premio “Champions of Change”, celebrando “persone ordinarie che facevano cose straordinarie per la loro comunità”) alla prima nazionale di Atlas da Boca, dove la coreografa trans brasiliana Gaya De Medeiros – scappata a Lisbona nel 2019 dopo la vittoria del presidente Bolsonaro in Brasile – porta sul palco due persone trans e ne celebra i corpi tra fisicità e simbolismo, in uno spazio che interseca parola, identità, e voce.

Alla coreografa irlandese Oona Doherty, che nel suo Hope Hunt and the ascension into Lazarus (vincitore del Leone d’Argento alla Biennale Danza di Venezia nel 2021) destruttura lo stereotipo della mascolinità misogina della classe operaia irlandese, fino al sabba magico di Dewey Dell in I’ll do I’ll do I’ll do.

Non mancherà di certo il cinema, come la premiere italiana di Acsexybility, documentario diretto dal brasiliano Daniel Gonçalves che esplora la sessualità dal punto di vista delle persone disabili, smontando quell’eterno cliché che le vorrebbe innocenti e infantilizzate a vita. Il corpo continua ad essere esplorato da più angolazioni in Big Boys di Corey Sherman, Piaf di Ann Oren, e il debutto alla regia dell’attrice rumena Tünde Skovrán, Who I am not, offre una rappresentazione onesta e potente delle persone intersex.

Tra i tantissimi titoli in lista, si aggiungono anche rivisitazioni di grandi classici – come The life and strange surprising adventures of Robinson Cruso, che racconta in salsa irriverente e queer il celebre personaggio di Daniel Defoe, o Conan il Barbaro rivisitato in chiave femminile dal regista Bertrand Mandico in She is Conann.

Ma le storie continuano anche sul palco con NOBODY NOBODY NOBODY It’s Ok Not To Be Ok, dove partendo dall’esperienza autobiografica di bullismo subito in adolescenza, il coreografo Ninarello esplora la vulnerabilità del corpo bullizzato e segnato dalla cultura della violenza o Nulle part est un endroit di Nach (nome d’arte della coreografa francese di origine senegalese Anne-Marie Van) che ci immerge nel mondo del krumping, danza risalente alla Los Angeles dei primi anni 2000, e utilizza il linguaggio del corpo come mezzo di protesta contro la violenza sulla comunità afroamericana, o la prima nazionale di Epic Everyday, dell’inglese TC Howard prodotto assieme alla comunità del progetto europeo Performing Gender – Dancing In Your Shoes.

Non mancheranno nemmeno i talk, come l’incontro con gli autori Huw Lemmey e Ben Miller, che in Bad gays. Crudeli e spietati: una storia omosessuale ripercorrono “i gay più cattivi di sempre”, da Alessandro Magno a Ernst Röhm, da Margaret Mead a Lawrence d’Arabia, o Alessandra Sarchi che in Vive! riscrive il corso della storia, salvando le donne più famose della letteratura occidentale da un tragico destino, fino al fumetto anti-abilista di Maria Chiara e Elena Paolini, Che brava che sei! 8 storie di abilismo quotidiano che attraverso otto storie dissacranti e ironiche chiama in causa tutti gli stereotipi ricondotti alle persone disabili.

Un tripudio di spunti, esperienze, e idee diverse che potrete portare a ballare con voi con il party di chiusura tenuto dal Cassero LGBTI+ Center.

Potete trovare il programma completo del Gender Bender qui.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Leggere fa bene

bottoms

Bottoms fa il boom: la commedia queer è un successo al box office americano

Cinema - Redazione Milano 29.8.23
A sinistra il carrellino delle pulizie con bambina, a destra aspirapolvere tecnologica con bambino - Foto scattata al supermercato Esselunga di Milano in data 30 Novembre 2023 ore 12.30

A Natale carrello delle pulizie per lei, aspirapolvere tecnologica per lui, giocattoli e stereotipi di genere

Culture - Giuliano Federico 1.12.23
Chapell-Roan

Chi è Chappell Roan, la sfacciata principessa queer della musica pop

Musica - Riccardo Conte 2.10.23
Il rosa è solo un colore Claudio Volpe

Bullismo omofobico: ce lo racconta Claudio Volpe nel suo nuovo libro “Il rosa è solo un colore”

Culture - Emanuele Cellini 23.10.23
amanda Bynes in she's the man

She’s The Man è ancora un (inconsapevole) classico queer del cinema

Cinema - Riccardo Conte 22.11.23
bari BIG gender festival puglia lgbtqia

Bari International Gender Festival: i nostri sogni transfemministi devono continuare ad essere grandi

Culture - Redazione Milano 3.11.23
Life Is Not a Competition, But I’m Winning

Corpi non conformi e sport a Venezia 2023: come Julia Fuhr Man (ri)scrive la storia

Cinema - Redazione Milano 5.9.23
Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24