USA: Pastore anti-gay ammette pubblicamente, in chiesa, abuso di minore

Il pastore di una chiesa battista dell'Alabama ha avuto un crollo mentre era sul pulpito e ha ammesso di avere una "relazione" con un ragazzo minorenne di fronte a tutta la sua congregazione. É stato arrestato.

Pastore anti-gay arrestato in Alabama, USA, per aver confessati abusi sessuali su minore
2 min. di lettura

Il pastore anti-gay di una chiesa battista dell’Alabama ha avuto un crollo mentre era sul pulpito e ha ammesso di avere una “relazione” con un ragazzo minorenne di fronte a tutta la sua congrega.

John Martin, pastore principale di Lighthouse Baptist Church, si è dimesso dalla sua posizione subito dopo la confessione.

I fedeli hanno riferito la sua confessione alle autorità locali, che lo hanno successivamente accusato ed arrestato per un totale di 4 crimini a sfondo sessuale.

Il pastore, sposato da cinque anni, predicava sui mali dell’omosessualità dal 2010. La pagina web della chiesa afferma:

“Crediamo che Dio abbia comandato che nessuna attività sessuale intima sia impegnata al di fuori di un matrimonio tra un uomo e una donna. Crediamo che qualsiasi forma di omosessualità, lesbismo, bisessualità, bestialità, incesto, fornicazione, adulterio e pornografia siano perversioni peccaminose del dono del sesso di Dio. Crediamo che Dio disapprovi e proibisca qualsiasi tentativo di alterare il proprio genere attraverso la chirurgia o l’apparenza. “

Martin ha ammesso davanti ai suoi fedeli, oltremodo sconvolti, di aver abusato del ragazzo 16enne in diverse occasioni, a casa sua e durante un viaggio.

Ha anche ammesso di aver inviato al ragazzo dei messaggi a sfondo erotico.

Molteplici potenziali vittime in altri Stati

Lighthouse Baptist Church Alabama, USA

Martin ha lavorato in diversi altri Stati prima di entrare nella chiesa dell’Alabama nel 2010 e, alla luce dei fatti, i pubblici ministeri ritengono che potrebbero esserci più vittime e stanno chiedendo a chiunque abbia informazioni di farsi avanti.

Abbiamo già identificato diverse potenziali vittime“, ha detto Angie Hamilton, assistente procuratore distrettuale della Contea di Lauderdale, in Alabama, “Riteniamo che altri oneri siano imminenti.

Dopo la confessione alla sua congregazione, il pastore si è rivolto ad un’unità psichiatrica per una perizia e ha consegnato loro due pistole che gli appartenevano.

Attualmente John Martin è detenuto nella prigione della contea di Lauderdale con una cauzione fissata a 60.000$.

Se condannato, rischia fino a 10 anni di carcere per ogni accusa e sarà per tutta la vita nel registro dei reati sessuali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Continua a leggere

andrea-saltini-gratia-plena-aggredito

L’artista Andrea Saltini aggredito da un integralista cattolico: le sue opere erano state definite “blasfeme”

News - Francesca Di Feo 29.3.24