Aggredito a Torino il coordinatore nazionale di GayLib

È stata resa pubblica l'aggressione omofoba nella notte di dieci giorni fa ai danni del torinese Davide Betti. Insulti e spintoni per terra da parte di due trentenni vicino alla stazione di Porta Susa

Aggredito a Torino il coordinatore nazionale di GayLib - davide betti 1 - Gay.it
2 min. di lettura

«Sono vivo». E non sembra nemmeno una battuta. Così ci risponde al telefono Davide Betti, il coordinatore nazionale dell’associazione liberal di centrodestra GayLib, aggredito brutalmente a Torino nella notte di dieci giorni fa, tra il 22 e il 23 ottobre, ma la cui vicenda è stata resa nota solo ora per paura di ritorsioni. L’umore è migliorato, anche perché sa che non dovrà essere operato al pancreas come si temeva inizialmente.

Aggredito a Torino il coordinatore nazionale di GayLib - Davide Betti 2 - Gay.it

«Tornavo da casa di amici in via Cernaia – ci racconta con voce ferma – verso le due di notte. Ero in una via laterale nella zona della stazione ferroviaria di Porta Susa e mi stavo recando verso piazza Statuto. Stavo fumando un sigaro e scrivendo al cellulare quando, di colpo, sono stato spintonato da due ragazzi sulla trentina d’anni, italiani, sul metro e ottanta, piuttosto robusti. Dall’accento sembravano calabresi. Mi ricordo che uno aveva i capelli corti col gel. Urlavano “Frocio di merda!”. Mi hanno preso dalle spalle, inizialmente non mi sono accorto di nulla. Intorno non c’era anima viva ma qualche telecamera potrebbe avere registrato la scena. Gli spintoni erano così forti che sembravano pugni a mani aperte. Non mi hanno però tirato pugni allo stomaco, come invece è stato scritto. A un certo punto il mio ginocchio, che ha dei problemi, cede improvvisamente e mi sfracello sull’asfalto: un lago di sangue. I due aggressori si allontanano. Io vado nel vicino ospedale Maria Vittoria dove mi medicano le ferite facciali e torno a casa».

«Il giorno dopo – continua Betti – stavo abbastanza bene, pensavo di non fare nemmeno denuncia. La sera esco con gli amici e nel weekend vado a trovare i miei genitori. Ma lunedì a mezzogiorno sento un dolore lancinante allo stomaco, petto e braccia. La situazione era così drammatica che volevano venirmi a prendere con un elicottero ma non avrebbero saputo dove atterrare. È poi arrivata un’ambulanza. Avevo dolori mostruosi. Pensavano di dovermi operare al pancreas: ho avuto riversamenti di sangue e liquido pancreatico. Poi l’allarme è rientrato. Ho una prognosi di quaranta giorni ma già a fine settimana dovrei poter lasciare l’ospedale. La diagnosi esatta è “trauma pancreatico con ematoma del retroperitoneo in politrauma”».

Gli chiediamo se aveva già visto gli aggressori, ma la risposta è negativa: «Eppure penso che mi abbiano riconosciuto per la mia attività in GayLib che abbraccia tutti i movimenti liberali e moderati di Centro Destra. Avevo già ricevuto minacce e insulti ma mai aggressioni fisiche. Secondo i Carabinieri mi stavano cercando apposta».

«Se si vogliono aiutare altre persone perché non succeda nulla di simile – conclude Betti – posso dare un unico consiglio: denunciate. È l’unico segnale che si può dare allo Stato e alle Istituzioni. Tutti i nostri parlamentari si rendono complici di questi omofobi. La legge sull’omofobia non è bella perché sembra che ci voglia prendere in giro ma a questo punto preferisco che passi una legge così piuttosto che il nulla».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo - stella cadente 2 - Gay.it

Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo

News - Redazione Milano 13.11.23
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
Manuel Aspidi, l’ex cantante di Amici vittima di omofobia social: "Dovete crepare, fate vomitare" - Manuel Aspidi 2 - Gay.it

Manuel Aspidi, l’ex cantante di Amici vittima di omofobia social: “Dovete crepare, fate vomitare”

Musica - Redazione 19.9.23
torino gay

I migliori locali gay a Torino 2024: la guida aggiornata dei bar, discoteche, saune e serate queer della città

Viaggi - Redazione 1.1.24
tdor-2023-torino

TDOR Torino 2023: “Marciamo per noi stessə, per chi non può farlo e per chi non c’è più”

News - Francesca Di Feo 13.11.23
Milano aggressione

Milano, coppia gay pestata da tre uomini davanti ai bambini, insulti: “Fr*ci di m**da”

News - Redazione Milano 11.10.23
USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022 - La transfobia istituzionale dilaga negli USA - Gay.it

USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022

News - Federico Boni 19.10.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24