Aldo Mieli, pioniere della liberazione omosessuale troppo spesso dimenticato

L’omosessualità fu decriminalizzata in Italia nel 1889 grazie al Codice Zanardelli. Nel 1927, nella prima stesura del nuovo Codice penale fascista, i rapporti tra persone dello stesso sesso furono nuovamente criminalizzate.

ascolta:
0:00
-
0:00
Aldo Mieli storia lgbtqia storia omosessuale omosessualità e fascismo gay.it
Aldo Mieli storia lgbtqia storia omosessuale omosessualità e fascismo gay.it
5 min. di lettura

L’omosessualità fu decriminalizzata in Italia nel 1889 grazie al Codice Zanardelli.

Nel 1927, nella prima stesura del nuovo Codice penale fascista, i rapporti tra persone dello stesso sesso furono nuovamente criminalizzate.

Tuttavia, nel 1931, nella versione finale del Codice Rocco si decise di non includere delle norme penali specifiche contro l’omosessualità perché, secondo la commissione parlamentare, “fortunatamente” in Italia l’“abominevole vizio” non era così diffuso da giustificare un intervento legislativo.

Cartolina omofobica del periodo Fascista (Fonte Centro Aldo Mieli, Carrara)
Cartolina Omofobica del periodo Fascista (Fonte Centro Aldo Mieli, Carrara)

Norme relative a stupro, corruzione di minore e atti osceni in luogo pubblico erano viste come sufficienti a regolamentare l’omosessualità senza nominarla. Inoltre, le leggi di pubblica sicurezza del 1926 avrebbero fornito alla polizia poteri sufficienti per controllare le attività degli omosessuali italiani.

Nonostante il silenzio del Codice Rocco, i fascisti potevano ricorrere a una varietà di mezzi repressivi per regolamentare l’omosessualità: il manicomio; il confino; l’ammonizione; la diffida. L’amministrazione fascista non aveva bisogno di prove per mandare al confino un individuo. Gli omosessuali scomparivano senza un processo e senza la possibilità di difendersi.
I fascisti italiani volevano che gli omosessuali mantenessero segreta la loro condizione. Per questo motivo manicomi, confino, ammonizione e diffida emersero come gli strumenti migliori per punire evitando ogni forma di “pubblicità”. Il “vizio” omosessuale era indicibile e tale doveva rimanere.

Aldo Mieli
Aldo Mieli

Sin dal gennaio 1926 “vizio” e “perversione” vennero censurati. I giornali non potevano riportare eventi scabrosi e non potevano parlare di “pederastia” o altre “nefandezze” legate alla sfera sessuale. Medicine o cure per l’impotenza, e altre disfunzioni sessuali, non potevano avere spazio nelle pagine dei giornali. I fascisti censurarono anche enciclopedie e riviste dedicate allo studio della sessualità. E tale opera di censura andò a colpire direttamente Aldo Mieli.

Nato a Livorno il 4 dicembre 1879 da una famiglia ebraica, Aldo Mieli fu storico della scienza e appassionato socialista. Si laureò in Chimica all’Università di Pisa nel 1904 e, a partire dal 1908, iniziò a lavorare presso l’Università di Roma. Dopo la Grande Guerra insegnò Storia della scienza presso “La Sapienza” fino al 1928. Nel 1919 fondò la rivista Archeion, dedicata alla Storia della scienza, che continuò a curare fino a tre anni prima di morire.

Primo Numero della Rassegna di Studi Sessuali (1921)
Primo Numero della Rassegna di Studi Sessuali (1921)

Interessato alla sessuologia e alla sua divulgazione, Mieli fondò nel 1921 la “Società italiana per lo studio delle questioni sessuali”. Nello stesso anno inaugurò anche la pubblicazione di una nuova rivista, la Rassegna di Studi Sessuali, che uscì in Italia fino al 1932. Nel corso degli anni la rivista cambiò denominazione a causa delle pressioni del regime. Nel 1924 il periodico divenne Rassegna di studi sessuali e di eugenica e nel 1927 venne ribattezzata come Rassegna di studi sessuali, demografia ed eugenica.

Cartolina dell’Istituto di Sessuologia di Berlino (Archivio della Magnus-Hirschfeld-Gesellschaft)
Cartolina dell’Istituto di Sessuologia di Berlino (Archivio della Magnus-Hirschfeld-Gesellschaft)

Nel 1921 Mieli partecipò, unico italiano, al congresso internazionale organizzato dal sessuologo tedesco Magnus Hirschfeld a Berlino. Tale incontro mise in luce la necessità di liberalizzare la sessualità e garantire il giusto trattamento di tutti gli individui, qualsiasi fosse il loro orientamento e il loro genere, attraverso la piena applicazione delle conoscenze scientifiche.

Nella Rassegna di Studi Sessuali Mieli diede grande spazio ad articoli italiani ed esteri. Egli, in particolare, dedicò attenzione alle ricerche scientifiche condotte da Hirschfeld presso l’Institut für Sexualwissenschaft di Berlino. L’Istituto per le scienze sessuali divenne un centro di riferimento per il nascente movimento omosessuale internazionale e per la lotta a favore della decriminalizzazione dell’omosessualità in Germania.

Mieli cercò di incoraggiare un dibattito pubblico sulle questioni sessuali in Italia e presentò l’omosessualità come un comportamento naturale. Dal 1924 al 1926 vennero pubblicati nella Rassegna innumerevoli contributi sul tema dell’omosessualità. Dopodiché, a causa di un regime sempre più opprimente rispetto a stampa e pubblicazioni, gli articoli iniziarono a ridursi. Essi scomparvero del tutto dopo che Mieli lasciò la direzione della rivista nel 1928.

L’Amore Omosessuale pubblicato nella Biblioteca dei curiosi nel 1926.
L’Amore Omosessuale pubblicato nella Biblioteca dei curiosi nel 1926.

Nel 1925 Mieli pubblicò per la “Biblioteca dei curiosi”, una iniziativa editoriale legata alla Società italiana per lo studio delle questioni sessuali, un libretto completamente dedicato all’Amore omosessuale.

Data la sua attività scientifica, il suo attivismo nell’ambito sessuologico, le sue posizioni politiche e il suo orientamento sessuale Mieli decise, per il suo bene, di lasciare l’Italia nel 1928.

Trasferitosi a Parigi, visse nella capitale francese fino al 1939 dove continuò ad occuparsi di storia della scienza. Abbandonata l’Europa, Mieli si traferì in Argentina dove lavorò presso l’Universidad Nacional del Litoral di Santa Fé dal 1940 al 1943. In seguito al colpo di stato argentino del 1943 e alla conseguente riorganizzazione del sistema universitario, il contratto di Mieli venne annullato.

Trasferitosi a Buenos Aires, Mieli iniziò a dedicarsi alla stesura del Panorama general de historia de la ciencia, un’indagine sulla storia della scienza organizzata in otto volumi. Prima della sua morte, avvenuta nel 1950 in Argentina, lo studioso riuscì a completare e pubblicare solo i primi due volumi del progetto editoriale.

Una delle sale del Centro Documentazione Aldo Mieli
Una delle sale del Centro Documentazione Aldo Mieli

Il Centro di Documentazione, nato a Carrara nell’agosto 2021 e fortemente voluto da Luca Locati Luciani, ha deciso di dedicare l’archivio ad Aldo Mieli – un pioniere della liberazione sessuale ancora troppo poco conosciuto nell’ambito degli studi queer.

 

fascismo gay it isola degli arrusi
Fascismo – Gay.it > Leggi >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
"L’imperatore romano Eliogabalo era una donna": affermazione e transizione di genere al museo - Le rose di Eliogabalo - Gay.it

“L’imperatore romano Eliogabalo era una donna”: affermazione e transizione di genere al museo

Culture - Redazione 23.11.23
Verona Circolo Pink Aggressione neofascista

Aggressione squadrista a Gianni Zardini del circolo Pink Arcigay di Verona: cosa è successo

News - Francesca Di Feo 6.5.24
Re Giacomo I d'Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George - Mary and George - Gay.it

Re Giacomo I d’Inghilterra era davvero gay? La storia vera dietro la serie Mary & George

Serie Tv - Federico Boni 21.3.24
Dennis Altman nel 1972

Dennis Altman, una vita tra attivismo e accademia: intervista

Culture - Alessio Ponzio 8.4.24
5 libri antifascisti

5 libri italiani per liberarci dai vecchi e nuovi fascismi

Culture - Federico Colombo 3.5.24
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24