Il primissimo Aosta Pride 2022 e la grande unione di una piccola comunità LGBTQIA+

Grande partecipazione per il primo Pride di Aosta, che ha chiuso l’Onda Pride 2022.

ascolta:
0:00
-
0:00
aosta-pride
Foto di @PadoGC su Twitter
2 min. di lettura

L’ultimo Pride in Italia, e forse uno dei più significativi: ad Aosta la marcia arcobaleno parla di una comunità piccola eppure stretta e unita, un tripudio di colori e musica che ha ridipinto le vie della città andando oltre le aspettative.

Sì, 4000 persone possono sembrare poche rispetto ai numeri delle grandi città come Roma o Torino, ma qui – tra bolle di sapone, palloncini e bandiere – si racconta di uno dei capoluoghi più piccoli che diventa sempre più accogliente e che ieri ha ospitato la prima marcia Pride segnando una svolta per un territorio apparentemente poco propenso.

E lo si fa con le testimonianze dei partecipanti: video e foto che rimbalzano oggi tra tutti i principali social, e che mostrano una platea di tutte le età. Giovani e meno giovani, persone queer e ally, tutti insieme a danzare celebrando la propria libertà e manifestare per quella di tutti.

[tweet id=”1578791625584947200″ /]

Il primissimo Pride ad Aosta prevedeva la partecipazione – secondo le forze dell’ordine – di non più di 2000 persone. Un numero piccolo, ma che avrebbe già determinato il successo della manifestazione. Alla comunità LGBTQIA+, però, non bastava il successo: bisognava superare ogni aspettativa.

Ed è così che gli organizzatori hanno riscontrato partecipazione non solo dalla Valle D’Aosta, ma anche dal Piemonte nonché qualcuno che arrivava addirittura da altre regioni. Ed è così che il Pride ha superato quasi tutte le sagre e gli eventi valdostani degli ultimi anni.

L’adunata è stata alle 14:30 in piazza Cavalieri di Vittorio Veneto, ancora in procinto di smontare i banchi del mercato svoltosi la stessa mattina. Iconica, la frase di apertura di Cristy McBacon – drag queen madrina e speaker del corteo – che ha aperto la manifestazione al grido di:

«Mettiamoci tutti a sinistra, perché oggi la destra non si nomina»

aosta-pride-cristy-mcbacon

Non sono infatti mancati i cartelloni contro la coalizione di destra, in particolare verso Giorgia Meloni e Matteo Salvini, naturalmente a tema gogliardico e perfettamente in linea con l’atmosfera allegra e scanzonata della manifestazione.

Altre ospiti d’eccezione sono Vladimir Luxuria, co-madrina e grande personalità che quest’anno ha presenziato a diverse manifestazioni e l’ex sindaca di Torino Chiara Appendino.

L’unico carro presente si è preso il suo tempo per attraversare la città, permettendo ai partecipanti di godersi ogni passo della marcia, iniziata ben quasi un’ora dopo l’adunata. Un fiume di persone lento e armonioso, ma rumoroso e colorato: ci sono bambini, genitori, ragazzi appena maggiorenni e studenti delle scuole superiori.

A dimostrazione della grande unità dimostrata dalla comunità LGBTQIA+ c’è la grande bandiera arcobaleno sorretta da tutti, e che nelle due ore di corteo non ha mai toccato terra neanche una volta, neanche durante i discorsi in piazza Chanoux.

[twitter_video id=”1578744927915511812″ /]

«Sono orgogliosa, sono davvero orgogliosa. La nostra città ha risposto in maniera democratica al Pride – ha dichiarato Clotilde Forcellati, assessora alle Politiche sociali del Comune –. I diritti sostanziano la nostra cittadinanza, il nostro essere cittadini. Le persone sono costrette a una lotta per la sopravvivenza, e noi non lo vogliamo. Un diritto su tutti: il diritto alla felicità».

«Aosta è oggi la capitale dei diritti – ha concluso Samuele Tedesco, assessore alla Cultura –. Aosta me fait tourner la tête».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

Leggere fa bene

Maurizio Landini

CGIL, diritti LGBTIQ+ non menzionati nella manifestazione di Sabato 7 ottobre a Roma

News - Redazione Milano 5.10.23
aosta pride week 2023

Tutto esaurito per l’Aosta Pride Week 2023, la sfida alla “normalità” della comunità LGBTQIA+ valdostana

News - Francesca Di Feo 9.10.23
aosta-pride-week-2023

Aosta Pride Week: dal 30 settembre al 7 ottobre, una settimana di eventi a conclusione dell’Onda Pride 2023 – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.9.23
cosa significa 2SLGBTQIA+

Cosa significa 2SLGBTQIA+ e perché c’è 2SL

Culture - Redazione Milano 8.9.23
aosta pride 2024, 12 ottobre

Aosta Pride 2024: il 12 ottobre

News - Redazione 15.1.24
Trino e Adam coppia gay Messico macho messicani

“Abbraccia chi sei e impara ad amare te stesso ora”, ecco Trino e Adam, coppia gay tra i macho messicani

Culture - Luca Cantarelli 4.9.23
Vittorio Menozzi, Federico Massaro e Stefano Miele, Grande Fratello

Grande Fratello, le parole di Stefano Miele suscitano polemiche: “Secondo me Federico è gay”

Culture - Luca Diana 22.1.24
incontro-ambasciata-americana-diritti-lgbt

Condizioni della comunità LGBTIQ+ in Italia, così l’alleato USA è stato informato

News - Francesca Di Feo 29.9.23