Arnold Schwarzenegger a nudo: “Mia madre pensava fossi gay e mi portò dal dottore”

In uscita una colossale opera fotografica sul grande divo.

ascolta:
0:00
-
0:00
Arnold Schwarzenegger nudo gay
Arnold Schwarzenegger nudo gay
3 min. di lettura

Arnold Schwarzenegger celebra la sua eccezionale carriera nel culturismo, cinema e politica con un’imponente monografia fotografica in due volumi, pubblicata dalla casa editrice Taschen, pubblicata il 19 luglio. Questo progetto segue di pochi giorni la sua recente docuserie su Netflix, entrambi intitolati semplicemente Arnold. “Ad Hollywood hanno imparato a pronunciare Lollobrigida, impareranno anche il mio,” ha commentato scherzosamente Schwarzenegger.

Arnold Schwarzenegger a nudo mia madre pensava fossi gay
La copertina del libro fotografico “Arnold” edito da Taschen

La monumentale biografia fotografica, composta da 800 pagine, presenta una vasta selezione di foto d’archivio e ritratti realizzati da rinomati maestri della fotografia che lo hanno immortalato nel corso degli anni, tra cui Avedon, Leibovitz, Erwitt, Scavullo, Ritts e Warhol. Presenti anche alcune foto dell’italiano Giampaolo Sgura.

Schwarzenegger racconta che, insieme al curatore Dian Hanson, ha impiegato dieci anni per completare quest’opera, suddividendola in quattro sezioni: l’atleta, l’attore, l’americano e l’attivista. Ironicamente, Schwarzenegger commenta: “È stato più semplice diventare Mr. Universo.

Schwarzenegger riflette sulle sue prime esperienze nel bodybuilding, ricordando come, da giovane, appendeva i poster di Steve Reeves, l’Ercole di Cinecittà, nelle pareti della sua cameretta.

Scherzando, ricorda che sua madre chiamò un dottore pensando che potesse essere gay: “”Mia madre pensava fossi gay e mi portò dal dottore” ha spiegato la star.

Dopo il titolo di Mister Universo a soli 20 anni, riuscì finalmente a realizzare il suo sogno e si stabilì in California nel 1968, lasciandosi alle spalle un’Austria devastata dalla guerra.

Arnold Schwarzenegger a nudo mia madre pensava fossi gay
Un interno del libro fotografico “Arnold” edito da Taschen

Uno dei primi fotografi di Schwarzenegger, Jimmy Caruso, ricorda come Arnold avesse compreso l’importanza dell’immagine nella promozione del bodybuilding. Andy Warhol fu il primo a invitarlo alla Factory e a ritrarlo con una Polaroid (immagine di copertina del libro). Warhol lo fece anche posare per la sua rivista, Interview. Francesco Scavullo volle fotografarlo nudo, ma non completamente frontale, per un servizio su Cosmopolitan. Schwarzenegger commenta: “Ero diventato un sex symbol.” Un altro fotografo che contribuì a consacrare il suo mito fu Robert Mapplethorpe nel 1976, dando plasticità alla sua pelle, animandola come se fosse una scultura di Rodin.

La sezione dedicata ai suoi successi cinematografici copre gli anni ’80 dell’ottimismo reaganiano e dei film d’azione, da “Conan il barbaro” di John Milius a “Terminator” e alla sua collaborazione con James Cameron. Il regista rivela scherzosamente: “Con il suo accento tedesco, parlava già come una macchina.

Con le copertine di Vanity Fair degli anni ’90, realizzate da Annie Leibovitz, maestra delle atmosfere, Schwarzenegger raggiunge l’apice del ritratto. In una copertina viene ripreso con uno sfondo alpino, in omaggio all’iconografia del Terzo Reich di Leni Riefenstahl, mentre in un’altra lo vediamo a cavallo, torace nudo, con un tocco di ironia che si riflette anche nei suoi film, da “True Lies” alla commedia “I Gemelli”.

Gli ultimi capitoli del libro sono dedicati alla sua vita politica e alle sue battaglie per la difesa dell’ambiente. Viene fotografato insieme a Greta Thunberg. Si esplora il suo periodo come governatore della California e si menziona il suo matrimonio del 1986 con Maria Shriver, erede della famiglia Kennedy, che lo ha lasciato nel 2011 a seguito di un tradimento con la governante. Tuttavia, in questa sezione, con le retoriche foto patriottiche di Nigel Parry, si rischia di trasformare il progetto in un monumento al marchio Schwarzenegger, che rappresenta anche il limite della docuserie su Netflix, giudicata da molti critici come eccessivamente autocelebrativa.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
DDL Varchi, Alessia Crocini in commissione al Senato smonta le fake news sulla GPA: "Propaganda omofoba" - DDL Varchi Alessia Crocini in commissione al Senato smonta le fake news sulla GPA - Gay.it

DDL Varchi, Alessia Crocini in commissione al Senato smonta le fake news sulla GPA: “Propaganda omofoba”

News - Redazione 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Annalisa e Nada, Amore disperato

Annalisa e Nada cantano insieme “Amore disperato” al Forum di Assago: guarda il video

Musica - Luca Diana 11.4.24
Una, nessuna, centomila: i mille volti di Raffaella Carrà - Sessp 17 - Gay.it

Una, nessuna, centomila: i mille volti di Raffaella Carrà

Culture - Federico Colombo 8.1.24
Miguel Bernardeau

Miguel Bernardeau, chi è l’attore spagnolo che interpreterà Diego de la Vega?

Culture - Luca Diana 26.4.24
Gabriel Guevara

Gabriel Guevara, chi è l’attore spagnolo sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 27.4.24
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Lenny Kravitz e la comunità LGBTQIA+: "Mi ha protetto, educato e dato da mangiare" - Lenny Kravitz - Gay.it

Lenny Kravitz e la comunità LGBTQIA+: “Mi ha protetto, educato e dato da mangiare”

Musica - Redazione 1.12.23
Xmas Queer 2023 - La playlist di Natale di Gay.it

Xmas Queer 2023, da Annalisa a Ariana Grande e Sam Smith: la playlist di Gay.it perfetta per le feste

Musica - Luca Diana 19.12.23