Arezzo, consigliere celebra unioni gay: “Insulti sul web, ma non mi fermano”

di

Preso di mira sul web per aver semplicemente fatto il suo dovere. E non è la prima volta.

CONDIVIDI
815 Condivisioni Facebook 815 Twitter Google WhatsApp
2866 1

Un consigliere di Arezzo è stato preso di mira sul web per aver semplicemente fatto il suo dovere. E non è la prima volta.

Una normalissima fotografia, scattata subito dopo la cerimonia insieme alla coppia gay unitasi civilmente e postata sul web, ha scatenato i primi insulti. Non è una novità per Angelo Rossi, consigliere comunale (gruppo misto) ad Arezzo. Lui non si scompone: cancella e banna i mittenti.

“Non è la prima volta che mi succede e non sarà nemmeno l’ultima”, dice. Da quando ha accettato di celebrare unioni omosessuali, non è stato risparmiato dai commentatori omofobi che in quest’ultimo caso non si sono nascosti dietro uno pseudonimo: hanno un nome e un cognome.

Tra i commenti offensivi alla foto che auguravano felicità agli sposi, ne spiccavano due: primo diceva: “Vergognati” e l’altro “Che pena” ai quali seguivano commenti di risposte. “Prendo atto che esistono anche queste persone”, dice Angelo Rossi. “Quasi non ci faccio più caso. Ormai è diventata un’abitudine (brutta) che ogni volta che posto una foto dopo un’unione gay, ci siano commenti omofobi”.

Ma il consigliere di fronte alle provocazioni e alle offese, si dichiara pronto a continuare con le celebrazioni: “Non mi interessa quello che possono pensare gli altri. Ciò che mi possono scrivere. Io continuerò a celebrare le unioni gay. Se dò noia a qualcuno, pazienza”.

Fonte: CorrierediArezzo.it

Leggi   Cile, approvata la legge: sarà possibile rettificare l'identità di genere
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...