Centrodestra francese espelle deputato omofobo

di

Il partito di Sarkozy prende provvedimenti contro un deputato che aveva definito la deportazione degli omosessuali nei campi di concentramento da parte della Germania nazista "una leggenda".

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2004 0

La notizia dell’espulsione di un deputato omofobo da parte dell’Ump, il partito di centrodestra francese, suona ancora più strana in Italia dove solo pochi giorni fa il senatore del Pdl Carlo Giovanardi ha fatto le sue solite esternazioni rimanendo come al solito impunito. Il politico d’Oltralpe è Christian Vanneste, deputato del partito di Sarkozy, l’Ump. La sua colpa è stata quella di aver negato la deportazione di omosessuali francesi da parte dei nazisti durante la seconda guerra mondiale.

E’ stato lo stesso segretario del partito Jean-Francois Copè – l’equivalente francese di Angelino Alfano – ad annunciare il provvedimento. In un video diffuso da un sito internet lo scorso 10 febbraio, il deputato – che fa parte della corrente di destra del partito – afferma: "c’è la famosa leggenda della deportazione degli omosessuali". Aggiungendo poi che "Himmler aveva chiaramente un conto aperto con gli omosessuali. In Germania c’è stata una repressione e la deportazione che ha portato a circa 30.000 deportati, ma non è stato così altrove. In Francia non c’è stata deportazione di omosessuali".

Il parlamentare, fra l’altro, è recidivo: nel 2010 si era fatto notare per aver azzardato sul suo blog un legame fra pedofilia e omosessualità.

Leggi   Francia, respinti gli immigrati sieropositivi
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...