Manuela e Alessandra, le prime donne sposate in una chiesa valdese

di

La cerimonia si è svolta domenica nella chiesa di Piazza Cavour. A festeggiare con le spose, c'erano amici, parenti e alcuni rappresentanti di associazioni lgbt romane.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
8959 0
Alessandra Brussato e Manuela Vinay durante unam anifestazione per i diritti delle persone lgbt

Alessandra Brussato e Manuela Vinay durante unam anifestazione per i diritti delle persone lgbt

Si sono sposate domenica e sono diventate così, la prima coppia di donne omosessuali ad essere unita in matrimonio in una chiesa valdese italiana.
Loro sono Alessandra Brussato e Manuela Vinay, diventate coniugi secondo il rito valdese nella chiesa di Piazza Cavour a Roma. A festeggiarle e gioire con loro c’erano parenti e amici, come dovrebbe essere in ogni matrimonio, oltre che i rappresentati di alcune associazioni lgbt romane e alla deputata di Sel Ileana Piazzoni. A celebrare il rito, a cui la coppia teneva moltissimo, è stata la pastora Maria Bonafede, moderatore della Tavola valdese, l’organismo esecutivo del Sinodo delle chiese valdesi e metodiste.

Alessandra Brussato e Manuela Vinay (al centro) nel giorno del loro matrimonio valdese, con Guido Allegrezza e Ileana Piazzoni

Alessandra Brussato e Manuela Vinay (al centro) nel giorno del loro matrimonio valdese, con Guido Allegrezza e Ileana Piazzoni

Un momento importante, quello del giurarsi amore eterno davanti a Dio a cui le due donne non hanno voluto rinunciare e che hanno potuto vivere grazie al fatto che dal 2010 la chiesa valdese ha deciso di aprire alle coppie gay utilizzando per loro la formula della presentazione e benedizione della comunità delle persone e gli amori gay. Non il matrimonio vero e proprio, dunque, ma una benedizione, un riconoscimento, comunque, che al momento solo la chiesa valdese, in Italia, permette.
Naturalmente, la loro unione non ha alcun valore agli occhi della legge italiana.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Pro Vita, la Sindaca Raggi fa sparire gli osceni manifesti omofobi: 'offendono tutti i cittadini'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...