Poliziotto gay rischia sospensione: “Mai sfilato in divisa”

Fabrizio Caiazza, il poliziotto gay che ha vinto ad un concorso di bellezza, smentisce di aver sfilato in divisa. E rivela: “Mi hanno offerto la partecipazione all’Isola dei Famosi”

Fabrizio Caiazza, 33enne originario di Napoli ma residente a Milano, si dice stupito per l’articolo apparso oggi sulle pagine di Corriere Milano. Secondo il quotidiano, Caiazza, che di professione fa il poliziotto municipale al Comune di Milano, sarebbe stato richiamato dal proprio comandante per aver partecipato ad un concorso di bellezza americano con indosso la divisa di ordinanza. La "punzione" sarebbe la sospensione della professione per 6 mesi.

«Il mio comandante non ha rilasciato nessuna dichiarazione sulla vicenda e i fatti si sono svolti in modo molto diverso da come scritto oggi dal Corriere» ha detto Caiazza a Gay.it. «È vero che è stata convocata una commissione disciplinare ma solo dopo che è comparsa una mia foto in divisa in copertina di Clubbing Magazine», il mensile free-press a target gay. «Il concorso americano non richiedeva la presenza fisica negli States, per cui non ho sfilato in divisa come riporta Corriere Milano."

"Riconosco di aver commesso una leggerezza nel farmi fotografare in divisa senza prima chiedere il permesso. Ma quando ho spiegato al mio comandante che per quegli scatti non ho percepito nessun compenso extra, la vicenda è stata ridimensionata dal comandante stesso."

"Per non creare problemi – rivela Caiazza – ho anche rifiutato una partecipazione all’Isola dei Famosi. Il mio lavoro non è fare il modello, ma il poliziotto, e la mia professione non la metterei a repentaglio per nessun motivo."

di Daniele Nardini

LEGGI ANCHE

Storie

Milano, torna l’Arcobaleno nella metro Porta Venezia – passo indietro...

Travolti dalle polemiche, ATM e Nike hanno deciso di lasciare i colori rainbow nella metro Porta Venezia, in quanto simbolo...

di Federico Boni | 12 Febbraio 2019

Storie

Milano, cancellata la metro rainbow per lasciar spazio alla Nike

Polemica per la scelta ATM di cancellare l'arcobaleno dalla fermata metro di Porta Venezia in favore di una pubblicità Nike.

di Federico Boni | 11 Febbraio 2019

Storie

Milano, il tribunale ordina per la quinta volta di trascrivere...

Il Comune di Milano si era rifiutato di procedere alla rettificazione dell’atto di nascita trascritto in Italia.

di Federico Boni | 7 Febbraio 2019