Giocatore di hockey rinuncia a diventare professionista pur di fare coming out

19enne promettente giocatore di hockey, Benjamin Fredell ha scritto una lettera in cui ha raccontato la propria drammatica esperienza di omofobia nello sport.

Giocatore di hockey rinuncia a diventare professionista pur di fare coming out - benjamin fredell instagram - Gay.it
2 min. di lettura

Benjamin Fredell è un giocatore di hockey che ha pubblicamente fatto coming out dalle pagine di Outsports, denunciando l’omofobia dilagante che lo ha di fatto costretto ad abbandonare una promettente carriera da professionista. Ma dovendo scegliere tra la verità e la carriera, Benjamin ha optato per la prima ipotesi.

“Ricordo la prima volta che qualcuno mi chiamò ‘gay’, erano le elementari”, ha scritto Fredell. “Ricordo che mi sembrava di essere stato scoperto, mi sentivo come se fossi stato chiamato “gay” più di tutti gli altri in quel momento, quindi ho iniziato a fingere”.

19 anni, Fredell è una matricola all’Università di Washington-Tacoma e non ha certamente dimenticato la mascolinità tossica tipica di certi sport: “Non è stata la comunità dell’hockey a farmi conoscere l’omofobia, ma piuttosto è stato l’ambiente che ha contribuito a rafforzare quei temi che hanno poi amplificato il mio odio nei suoi confronti. Non avevo mai sperimentato la parola “fr*cio” così tante volte, prima di entrare in uno spogliatoio di hockey“.

Sebbene non tutti coloro che sono coinvolti nell’hockey siano omofobi, il ragazzo ha sottolineato come l’ambiente normalizzi e incoraggi questo tipo di odio. “Ero così preso dall’hockey che ho trascurato gli effetti collaterali della normalizzazione di queste forme di aggressione. Ho anche iniziato a trascurare cosa significasse nascondere chi fossi veramente”. Bullismo, purtroppo, che è andato di pari passo a depressione e pensieri autolesionistici.

Alla fine ho iniziato a odiare il modo in cui mi sentivo, e ho pensato che forse c’era qualcosa che potevo fare al riguardo”, ricorda Fredell, che ha così iniziato a praticare l’autolesionismo fisico. “È stato meglio così. Era una specie di dolore che capivo. Un dolore virile. Mi presentavo a scuola con i lividi in faccia e dicevo che era colpa dell’hockey. La svolta è arrivata quando ho avuto la possibilità di andare in California, per giocare a hockey in una squadra d’élite di Los Angeles. Ho capito che questo poteva essere il mio nuovo inizio, e se non avesse funzionato, mi sarei semplicemente suicidato.

Fortunatamente, sebbene stesse ancora lottando con sè stesso, le cose sono leggermente migliorate una volta in California, ma è stato davvero “un singolo evento che mi ha salvato la vita”, ricorda Benjamin. Un amico aveva infatti tentato il suicidio. Un evento che è suonato come un campanello d’allarme nella sua testa. Poco dopo, Fredell ha lasciato la squadra, è tornato a casa, ha iniziato la terapia e ha lentamente iniziato a fare coming out. Prima con gli amici, poi in famiglia.

Sono ancora solo un bambino spaventato, ma almeno ora esisto in un regno in cui mi sento sicuro di essere me stesso. Se venisse costruita una macchina del tempo, tornerei indietro e mi direi che è solo un gioco, nonostante tutto quello che tutti nell’hockey ti dicono. Non vale la pena rovinare la tua salute mentale per un gioco. E mi direi che non sei solo. E se qualcuno ti chiede se sei gay, guardalo in faccia e digli, “Sì, e allora?”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Mara Sattei nel nuovo singolo "Tempo" in uscita il 19 Aprile, campiona un vecchio successo dei primi 2000 delle t.A.t.U.

Mara Sattei nel nuovo singolo “Tempo” campiona le t.A.T.u. che si finsero lesbiche: ma che fine hanno fatto?

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

nigeria-arrestate-76-persone

Nigeria, arrestate 76 persone perché omosessuali a una festa di compleanno

News - Francesca Di Feo 24.10.23
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
andria omofobia 18 anni gay

Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

News - Francesca Di Feo 26.10.23