Berlusconi conferma il no al ddl Zan, ma non tutti in Forza Italia sono d’accordo

Berlusconi ripete: no al ddl Zan. Ma una decina di senatori potrebbe decidere di appoggiare il testo.

berlusconi
Silvio Berlusconi.
2 min. di lettura

Più volte, nel corso degli ultimi mesi, Silvio Berlusconi si era detto contrario al ddl Zan. Lo ha ribadito in un messaggio, pubblicato ieri, in cui – oltre a ringraziare tutti coloro che gli sono stati vicini in questo periodo, a seguito del peggioramento della sue condizioni di salute – ha sferrato un ulteriore colpo ribadendo il no di Forza Italia.

Nel suo messaggio, è appunto tornato a parlare anche della legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo, definendola un pericolo per la libertà di opinione. Come i peggiori diffusori di fake news sul ddl, anche il leader del partito di centro destra sfrutta la disinformazione per infangare la legge, proponendo invece di inasprire le pene previste dalle leggi già vigenti.

È un grave errore, perché non allarga la platea dei diritti e pone una grave questione di libertà. Io sono ovviamente per l’assoluta parità fra tutti i cittadini, che sono portatori di diritti in quanto persone. Ogni distinzione basata sugli stili di vita, sul sesso, sull’orientamento sessuale, sulle opinioni, sull’etnia di appartenenza, sulle convinzioni religiose, sulle disabilità, sulla classe sociale è assolutamente inaccettabile.

Per questo le tutele devono riguardare tutti i cittadini, non determinate categorie in particolare. Ma le leggi a questo proposito esistono già. E se non bastano possiamo aggravarle e inasprirle. La legge Zan non aggiunge nulla a questa tutela. Invece porta invece con sé un grave rischio: quello di limitare la libertà di opinione.

Secondo l’ex premier,La difesa della famiglia tradizionale proposta come valore, o l’opposizione a pratiche come la maternità surrogata, potrebbero essere definite come atti di discriminazione. E quindi diventare perseguibili“. U’ulteriore falsità, dato che ognuno potrà continuare a dire quello che pensa, se questo non comporterà l’incitamento all’odio.

Il no di Berlusconi non è condiviso da tutta Forza Italia

Berlusconi, Tajani, e altri politici del partito avevano confermato il loro no, ma non è condiviso da tutti i parlamentari FI.

Ad esempio, è da marzo che il deputato forzista Elio Vito conferma il voto favorevole al ddl Zan, nonostante la posizione del suo partito. Secondo lo stesso Vito, ci sarebbero un gran numero di parlamentari che sarebbero disposti a votare sì. In un scambio di battute sui social con Simone Alliva, Vito ha spiegato che anche alla Camera in molti aveva espresso il loro no, per poi cambiare idea al momento del voto, contribuendo così a far approvare il testo. Secondo il deputato, quindi, ci potrebbero essere una decina di “dissidenti” che andranno contro il volere di Berlusconi, sostenendo il testo anche al Senato.

Inutile ricordare però che occorrono anche i numeri di Italia Viva, che ancora una volta sarà l’ago della bilancia. Per Elio Vito, ci sarà il sostegno anche renziani. Basterà aspettare per avere la conferma.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anonimo 4.6.21 - 16:55

Ma ancora sta mummia?!

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24

Leggere fa bene

giorgia-meloni-uomo-dell-anno (2)

Giorgia Meloni “Uomo dell’Anno” per Libero: se il potere è concepibile solo al maschile

News - Francesca Di Feo 29.12.23
Suella Braverman elton john

Rifugiati LGBTIQ+ non sono da proteggere? Elton John risponde così alla ministra britannica

News - Francesca Di Feo 29.9.23
rischi sunak twitter

Regno Unito, Rishi Sunak vuole cestinare la legge contro le teorie riparative

News - Redazione 27.9.23
meloni orban

Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

News - Redazione 22.1.24
famiglie-arcobaleno

Padova, colpo di scena dalla Procura: si può tornare alla Corte costituzionale per difendere l’uguaglianza di tutte le famiglie

News - Redazione 14.11.23
Alessandro Zan intervistato da Report a proposito del suo ruolo nell'ambito dell'organizzazione del Padova Pride Village

Inchiesta di Report su Alessandro Zan e il Padova Pride Village

News - Redazione Milano 10.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23