Foto

Le “beurette” del Marocco: il prezzo del colonialismo per le donne maghrebine

Gli effetti del colonialismo sul Marocco di ieri e di oggi.

ascolta:
0:00
-
0:00
beurette-donne-marocchine
2 min. di lettura

Può una cartolina, superato e innocuo ricordo di viaggi in terre lontane da inviare ad amici e parenti, rappresentare un simbolo di oppressione colonialista? In Marocco, sì.

Come sottolineato da un articolo di Hamza Bensouda su Mykalimag.com, cartoline come quelle in copertina hanno svolto un ruolo chiave nella creazione e perpetuazione di un’immagine sessualizzata delle donne maghrebine, soprannominate “beurette“, svelando un intricato e dannoso groviglio di stereotipi di cui gli effetti percepiscono ancora oggi.

Foto che rappresentavano spesso queste donne in pose seducenti, a petto nudo e in posizioni di sottomissione, configurando un’immagine dell’Oriente esotico e facilmente accessibile. Questa rappresentazione visiva non era solo un riflesso dei desideri coloniali, ma uno strumento per giustificare e consolidare il potere europeo.

Le cartoline erano diffuse non solo tra i colonizzatori in Marocco ma anche in Francia, rafforzando ulteriormente il mito dell’esotico Oriente e contribuendo alla costruzione dell’immagine della “beurette“.

Non erano solo semplici foto ricordo, ma potenti strumenti di propaganda che hanno lasciato un’eredità di percezioni distorte e stereotipate.

Il prezzo del colonialismo: l’Orientalismo e la sessualizzazione delle donne maghrebine

L’impatto devastante del colonialismo ha plasmato profondamente la percezione delle donne maghrebine in Europa e nel Mondo. Attraverso il prisma dell’Orientalismo, il Marocco e il Maghreb in generale sono visti come luoghi esotici e misteriosi, le cui donne erano oggetti di desiderio e fantasie.

Queste percezioni, alimentate da opere d’arte, letteratura e, soprattutto, cartoline, hanno contribuito alla sessualizzazione delle donne maghrebine, rappresentate come oggetti da conquistare.

Il distretto di Bousbir, situato nella vibrante città di Casablanca in Marocco, rappresenta un capitolo particolare nella storia coloniale e urbana del paese. Durante il periodo coloniale francese, Bousbir fu designato come “quartiere riservato”, divenendo essenzialmente un distretto a luci rosse organizzato e supervisionato dalle autorità coloniali.

Le donne che si prostituivano in questo quartiere erano spesso sfruttate e presentate come attrazioni esotiche ai visitatori, principalmente ai soldati e ai coloni europei. Le strade di Bousbir erano piene di cabaret, bar e bordelli, e il quartiere divenne noto per la sua atmosfera di “decadenza orientalista”.

Oltre alla sessualizzazione, la visione colonialista ha portato a una semplificazione e generalizzazione delle donne maghrebine. Le distinte identità culturali e nazionali sono state fuse in una singola narrativa, quella della “donna araba” esotica e seducente. Questa costruzione ha avuto ripercussioni durature, influenzando la percezione delle donne maghrebine non solo in Europa ma in tutto il mondo.

Il passato, presente e futuro della “donna araba”

Mentre le cartoline e le opere d’arte dell’era coloniale sono ormai relitti del passato, le loro ripercussioni persistono nel presente. Come sottolineato dall’articolo su Mykalimag.com, le donne maghrebine affrontano ancora oppressioni, discriminazioni e abusi derivanti da queste vecchie percezioni.

Ad esempio, nel mondo arabo, la sessualizzazione delle donne maghrebine continua a essere una realtà, con etichette come “donna marocchina” che vengono utilizzate per alludere a promiscuità o disponibilità.

Tuttavia, dove c’è oppressione, c’è resistenza. Da qui, la nascita di un movimento – #enazeda – crescente per sfidare e de-costruire questi stereotipi, contro la resistenza sia da parte delle forze conservative all’interno delle società maghrebine che da coloro nel mondo occidentale che si attaccano alle vecchie percezioni.

Donne e attivisti in tutto il Maghreb e oltre stanno alzando la voce contro le rappresentazioni coloniali e orientaliste, cercando di creare un futuro in cui le donne maghrebine siano viste per chi sono veramente, al di là dei vecchi cliché.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24

Continua a leggere

Un posto al sole rai governo meloni destra Michele Saviani

Rai, così anche “Un posto al sole” scivola nell’ombra a destra

Serie Tv - Francesca Di Feo 11.10.23
“Voglio sfondare come Mahmood”, la commovente storia di Feisal, 16 anni, su un barchino dalla Tunisia in Europa

“Voglio sfondare come Mahmood”, la commovente storia di Feisal, 16 anni, su un barchino dalla Tunisia in Europa

Musica - Mandalina Di Biase 12.10.23
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
stereotipi di genere barbie

Le lacrime di Barbie in un mondo oppresso dagli stereotipi di genere: il rapporto shock delle Nazioni Unite

News - Redazione Milano 28.8.23
questo libro non parla di sesso

La pericolosa censura italiana al libro che spiega la sessualità agli adolescenti

Culture - Federico Colombo 16.10.23
performativita-omosessuale-donne-etero

Performatività omosessuale: perché due donne etero dovrebbero baciarsi?

News - Francesca Di Feo 30.11.23
uganda legge anti gay

Attivisti LGBTQIA+ trascinano l’Uganda in tribunale per la legge “Kill the Gays”

News - Redazione 21.12.23
africa lgbtiq occidente

Se in Africa vedono la questione LGBTIQ+ come arroganza occidentale e le autocrazie ne approfittano

News - Giuliano Federico 18.10.23