Foto

Le “beurette” del Marocco: il prezzo del colonialismo per le donne maghrebine

Gli effetti del colonialismo sul Marocco di ieri e di oggi.

ascolta:
0:00
-
0:00
beurette-donne-marocchine
2 min. di lettura

Può una cartolina, superato e innocuo ricordo di viaggi in terre lontane da inviare ad amici e parenti, rappresentare un simbolo di oppressione colonialista? In Marocco, sì.

Come sottolineato da un articolo di Hamza Bensouda su Mykalimag.com, cartoline come quelle in copertina hanno svolto un ruolo chiave nella creazione e perpetuazione di un’immagine sessualizzata delle donne maghrebine, soprannominate “beurette“, svelando un intricato e dannoso groviglio di stereotipi di cui gli effetti percepiscono ancora oggi.

Foto che rappresentavano spesso queste donne in pose seducenti, a petto nudo e in posizioni di sottomissione, configurando un’immagine dell’Oriente esotico e facilmente accessibile. Questa rappresentazione visiva non era solo un riflesso dei desideri coloniali, ma uno strumento per giustificare e consolidare il potere europeo.

Le cartoline erano diffuse non solo tra i colonizzatori in Marocco ma anche in Francia, rafforzando ulteriormente il mito dell’esotico Oriente e contribuendo alla costruzione dell’immagine della “beurette“.

Non erano solo semplici foto ricordo, ma potenti strumenti di propaganda che hanno lasciato un’eredità di percezioni distorte e stereotipate.

Il prezzo del colonialismo: l’Orientalismo e la sessualizzazione delle donne maghrebine

L’impatto devastante del colonialismo ha plasmato profondamente la percezione delle donne maghrebine in Europa e nel Mondo. Attraverso il prisma dell’Orientalismo, il Marocco e il Maghreb in generale sono visti come luoghi esotici e misteriosi, le cui donne erano oggetti di desiderio e fantasie.

Queste percezioni, alimentate da opere d’arte, letteratura e, soprattutto, cartoline, hanno contribuito alla sessualizzazione delle donne maghrebine, rappresentate come oggetti da conquistare.

Il distretto di Bousbir, situato nella vibrante città di Casablanca in Marocco, rappresenta un capitolo particolare nella storia coloniale e urbana del paese. Durante il periodo coloniale francese, Bousbir fu designato come “quartiere riservato”, divenendo essenzialmente un distretto a luci rosse organizzato e supervisionato dalle autorità coloniali.

Le donne che si prostituivano in questo quartiere erano spesso sfruttate e presentate come attrazioni esotiche ai visitatori, principalmente ai soldati e ai coloni europei. Le strade di Bousbir erano piene di cabaret, bar e bordelli, e il quartiere divenne noto per la sua atmosfera di “decadenza orientalista”.

Oltre alla sessualizzazione, la visione colonialista ha portato a una semplificazione e generalizzazione delle donne maghrebine. Le distinte identità culturali e nazionali sono state fuse in una singola narrativa, quella della “donna araba” esotica e seducente. Questa costruzione ha avuto ripercussioni durature, influenzando la percezione delle donne maghrebine non solo in Europa ma in tutto il mondo.

Il passato, presente e futuro della “donna araba”

Mentre le cartoline e le opere d’arte dell’era coloniale sono ormai relitti del passato, le loro ripercussioni persistono nel presente. Come sottolineato dall’articolo su Mykalimag.com, le donne maghrebine affrontano ancora oppressioni, discriminazioni e abusi derivanti da queste vecchie percezioni.

Ad esempio, nel mondo arabo, la sessualizzazione delle donne maghrebine continua a essere una realtà, con etichette come “donna marocchina” che vengono utilizzate per alludere a promiscuità o disponibilità.

Tuttavia, dove c’è oppressione, c’è resistenza. Da qui, la nascita di un movimento – #enazeda – crescente per sfidare e de-costruire questi stereotipi, contro la resistenza sia da parte delle forze conservative all’interno delle società maghrebine che da coloro nel mondo occidentale che si attaccano alle vecchie percezioni.

Donne e attivisti in tutto il Maghreb e oltre stanno alzando la voce contro le rappresentazioni coloniali e orientaliste, cercando di creare un futuro in cui le donne maghrebine siano viste per chi sono veramente, al di là dei vecchi cliché.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: "Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer" - Dimitri Cocciuti - Gay.it

Non lasciarti sfuggire, intervista a Dimitri Cocciuti: “Il mio romanzo orgogliosamente inclusivo e queer”

Culture - Federico Boni 19.6.24
Calciatori Gay Italia Nazionale Europei 2024

“Uno o due calciatori gay nella Nazionale italiana agli Europei di Germania 2024”

Lifestyle - Redazione Milano 18.6.24
Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano! La proposta di matrimonio durante il concerto di Ultimo – video

Culture - Luca Diana 15.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

Continua a leggere

uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane - Sessp 27 - Gay.it

Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane

News - Federico Colombo 7.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
africa-comunita-lgbtqia-amnesty-international

Africa, la comunità LGBTQIA+ “verso l’estinzione”: il rapporto di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 12.1.24
Giocattoli gender neutral

Finalmente arriva la sezione per giocattoli gender neutral

News - Redazione Milano 4.1.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
sudafrica-pride-2024

Sudafrica, l’isola felice della comunità LGBTQIA+ africana, celebra il suo 31esimo Pride

News - Francesca Di Feo 6.3.24