Beyoncé canta a Dubai ed è polemica, perché Paese anti-LGBTQIA+

L'artista si è esibita in uno strapagato mega concerto privato in un Paese omotransfobico, e i suoi fan non hanno apprezzato.

ascolta:
0:00
-
0:00
Beyonce renaissance
Beyoncé renaissance
2 min. di lettura

Beyoncé è tornata sul palco dopo 4 anni.

Reduce del successo planetario di Renaissance, la diva ha deliziato occhio e orecchie di una ristrettissima (e privilegiatissima) parte di pubblico al teatro dell’hotel di lusso Atlantis The Royal, proprietà del gruppo Istithmar World, capo de governo di Dubai.

Primo concerto dopo Global Citizen Festival a Johannesburg, in Sudafrica nel 2018, dove per un’ora e mezza Miss Knowles ha intascato 330 mila euro al minuto per una performance costata ben 24 milioni di dollari. Un concerto blindatissimo ma che ha comunque lasciato trapelare qualche breve video amatoriale, per fornire al web una vaga idea: sullo sfondo di una mastodontica riproduzione della “Scuola di Atene” di Raffaello, Beyoncé si è esibita sulle note di grandi classici come Halo, XO, Crazy in love, Drink In Love, incluso un duetto con Blue Ivy in Brown skin girl tra fuochi d’artificio, ballerini, piume, e opulenza.

Un’ora di ritardo per un totale di 11 brani, nessuno di questi estratto da Renaissance, scelta che per molti fan è tutt’altro che casuale: la cantante è stata aspramente criticata nelle ultime ore per essersi esibiti in un paese dove l’omosessualità è ancora considerata un crimine punibile di morte, in totale opposizione alle tematiche queer e liberatorie del suo ultimo album (abbiamo scritto di come tutto Renaissance sia una celebrazione della cultura LGBTQIA+, dai pionieri alle ballroom).

Innumerevoli artisti, dai Big Thief ai Pearl Jam fino a Nicki Minaj, negli ultimi anni si sono rifiutati di esibirsi presso i Emirati Arabi Uniti in protesta alle violazioni dei diritti umani regolarmente permessi dal governo arabo, ma Queen B sembra non essersi fatta troppi problemi: “Faccio fatica a comprendere perché Beyoncé, che ha almeno miliardi di dollari, dovrebbe accettare 20 milioni per la sua prima performance in occasione di Renaissance, album sostenuto pesantemente dalla cultura queer, a Dubai, un paese dove i diritti LGBTQIA+ non sono nemmeno riconosciuti” twitta il giornalista Douglas Greenwood.

Sui social è bufera: tra chi dice che Beyoncé non è un esempio da prendere come punto di riferimento, definendola “avida, opportunista, e capitalista” e “come ogni milionari*, non gliene frega niente”  ma anche chi sottolinea che polemiche del genere dimenticano la presenza di persone queer anche in Arabia Saudita, a favore di un punto di vista sempre occidentale e bianco: “La cancellazione delle persone queer arabe da parte dei bianchi gay è onestamente disgustosa” scrive un altro utente, accusando le critiche di essere ‘tone deaf’ (ndr. prive d’orecchio, termine anglofono per indicare opinioni prive di empatia o reale contatto con la società).

Numerosi fan hanno difeso la beniamina non era lì per promuovere il nuovo album, ma solo come ospite presso il grandhotel, e che il Renaissance Tour deve ancora davvero prendere il via (rumors confermano che inizierà per l’estate 2023).

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

I nostri contenuti
sono diversi

Ariana Grande (Billboard)

Nel nuovo singolo di Ariana Grande c’è un po’ di Madonna?

Musica - Redazione Milano 10.1.24
russia lgbt estremisti

Russia, Corte Suprema dichiara estremista il movimento LGBT: escalation persecutoria

News - Redazione Milano 30.11.23
Raye ha trionfato ai Brit Awards 2024

Raye, chi è l’artista che ha sbancato ai Brit Awards e perché è entrata nella storia

Musica - Emanuele Corbo 5.3.24
madonna icona pop

Perché Madonna è la più grande artista pop della storia

Musica - Giuliano Federico 24.11.23
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Annalisa Mon Amour è da record

Annalisa, “Mon Amour” fa ‘strage’ con 5 dischi di platino ed entra nella storia

Musica - Emanuele Corbo 19.3.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Beyoncé, il nuovo album è "Cowboy Carter"

Beyoncé, l’album country “Cowboy Carter” sta già facendo la storia ancora prima di uscire

Musica - Emanuele Corbo 15.3.24