Video

Boys Don’t Cry compie 20 anni: omaggio a un classico LGBT

20 anni fa Hilary Swank vinceva tutto quel che c'era da vincere grazie al drammatico ruolo di Brandon Teena.

2 min. di lettura

20 anni fa, era l’8 ottobre del 1999, usciva nei cinema d’America Boys Don’t Cry di Kimberly Peirce, film tratto dalla tragica storia vera di Brandon Teena, transgender biologicamente femmina nato Teena Brandon. Costata appena 2 milioni di dollari, la pellicola divenne un autentico caso, portando l’allora quasi sconosciuta Hilary Swank a vincere tutto quel che c’era da vincere. Un premio Oscar come miglior attrice protagonista e un Golden Globe, un Independent Spirit Award, un Satellite Award e un National Board of Review Award.

Ambientato a Lincoln, piccolo centro del Nebraska, il film vede il ventunenne Brandon Teena vivere una fase di grande confusione interiore. Deciso ad allontanarsi per poter partire da zero dove nessuno lo conosce, arriva a Falls City, un centinaio di chilometri lontano, incontra Lana e viene accolto a casa di lei: ci sono la mamma di lei, e John e Tom, due balordi che hanno passato alcuni periodi in carcere. Brandon e Lana stringono una forte amicizia, finché lui la bacia con grande passione. Ad un certo punto però Brandon non può più eludere le domande su se stesso e la sua provenienza. Processato per furto d’auto, viene rinchiuso in carcere, e qui rivela a Lana di chiamarsi in realtà Teena Brandon

Ad un anno dal terrificante omicidio di Matthew Shepard, che sconvolse l’America tutta, Boys Don’t Cry portò al cinema il dramma reale della transfobia a stelle e strisce, tanto dall’incassare oltre 11 milioni di dollari solo negli Usa, anche se mai andato oltre le 46 sale sull’intero territorio nazionale. Un piccolo film impreziosito dalla strepitosa prova d’attrice della Swank, affiancata per l’occasione da una grande Chloë Sevigny, nominata sia agli Oscar che ai Golden Globe come miglior attrice non protagonista. Kimberly Peirce, all’epoca esordiente alla regia, difende oggi la scelta di casting relativa alla Swank, donna eterosessuale chiamata ad interpretare un ragazzo transgender. Opzione forse impraticamente, nella Hollywood odierna, ma nel 1999 le cose erano decisamente differenti.

Hillary è stata l’unica persona che ha interpretato quel ruolo in un modo tale che avrebbe funzionato per il film. E questo è fondamentale. Penso che le persone transgender dovrebbero interpretare chiunque vogliano, al cinema. All’epoca non avevamo la parola ‘cisgender’, stavano cercando una persona che potesse dar vita a Brandon. Il mio primo istinto fu quello di attingere dalla comunità, ho fatto audizioni con persone transessuali e ragazze lesbiche. Volevo una rappresentazione autentica. Ma abbiamo sicuramente trovato il volto migliore che avremmo potuto abbracciare. Quando Hillary venne da me e recitò in quel modo, era evidente che il personaggio fosse lei. Ho scelto la persona migliore per quel ruolo nel momento in cui quel ruolo avrebbe potuto essere interpretato solo da quella persona. Ed è quello che ha fatto Hillary.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24

Continua a leggere

barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24
Joker: Folie À Deux, ecco il primo esplosivo trailer italiano con Lady Gaga - Joker Folie a Deux - Gay.it

Joker: Folie À Deux, ecco il primo esplosivo trailer italiano con Lady Gaga

Cinema - Redazione 10.4.24
The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - The Room Next Door Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar

Cinema - Federico Boni 25.1.24
Crossroads, il film con Britney Spears arriva per la prima volta in streaming. Ecco dove e quando - Crossroads - Gay.it

Crossroads, il film con Britney Spears arriva per la prima volta in streaming. Ecco dove e quando

Cinema - Federico Boni 23.1.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls, parlano Rebel Wilson, Rachel McAdams e Lindsay Lohan - Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls parlano Rebel Wilson Rachel McAdams e Lindsay Lohan - Gay.it

Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls, parlano Rebel Wilson, Rachel McAdams e Lindsay Lohan

Cinema - Redazione 3.5.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
C'è Ancora Domani maggior incasso del 2023 davanti a Barbie, per la prima volta il Cinema italiano è donna - barbie ce ancora domani - Gay.it

C’è Ancora Domani maggior incasso del 2023 davanti a Barbie, per la prima volta il Cinema italiano è donna

Cinema - Federico Boni 29.12.23