Bristol, squadra di rugby cambia nome… ma è lo stesso di un gruppo gay della città

La scelta ha provocato qualche malumore tra i tifosi inglesi.

rugby gay
< 1 min. di lettura

La società di rugby ora si chiama Bristol Bears: e se i dirigenti hanno sorriso all’omonimia, i tifosi sono stati meno contenti.

Bristol, città degli orsi. Da pochi giorni la città inglese ha visto la propria squadra di rugby cambiare nome in Bristol Bears. Una scelta che è piaciuta ai tifosi, almeno finché non hanno cominciato a fare ricerche su internet con la nuova denominazione.

Nella città infatti è attivo lo storico Bristol Bears Bar, ritrovo della comunità gay e unico locale dichiaratamente dedicato alla sottocultura bear nel Regno Unito. Un’omonimia che ha reso equivocabili le ricerche su internet dei fan della squadra.

Alcuni tifosi hanno protestato pubblicamente, inviando messaggi critici verso la decisione della società, che ha replicato su Twitter: “Abbiamo ricevuto diversi tweets e commenti omofobici negli ultimi due giorni. Vogliamo essere chiari: i Bristol Bears sono assolutamente orgogliosi di accogliere fans ad Ashtongate senza differenze di orientamento sessuale, genere, religione o etnia”.

Come ha spiegato al Bristol Post un portavoce del club, la scelta del nome non è stata casuale: “Naturalmente eravamo a conoscenza del locale fin dall’inizio del processo di rebranding.  Abbiamo contattato il gestore del Bristol Bears Bar e siamo convinti di poter coesistere felicemente”. A quanto pare, contrariamente a quanto si dice nei film, la città è abbastanza grande per entrambi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24

Leggere fa bene

Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
gran-bretagna-ruanda-rifugiati-lgbtqia

Gran Bretagna, rifugiati LGBTI+ da deportare in Ruanda, approvato il piano immigrazione

News - Francesca Di Feo 24.4.24
William Wragg - Grindr

Da Grindr a Whatsapp, l’assedio gay al parlamento britannico ha nome e cognome

News - Mandalina Di Biase 9.4.24
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Triptorelina - immagine di repertorio

Gran Bretagna, stop ai farmaci salva vita bloccanti della pubertà per bambinǝ e adolescenti transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 14.3.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive

Corpi - Redazione 7.2.24
"L’imperatore romano Eliogabalo era una donna": affermazione e transizione di genere al museo - Le rose di Eliogabalo - Gay.it

“L’imperatore romano Eliogabalo era una donna”: affermazione e transizione di genere al museo

Culture - Redazione 23.11.23