Bulgaria, candidato presidente accusato di aver partecipato a raid contro centro LGBTQ+

Boyan Rassate avrebbe devastato il Rainbow Hub di Sofia insieme ad altri nove teppisti.

Bulgaria, candidato presidente accusato di aver partecipato a raid contro centro LGBTQ+ - Boyan Rassate - Gay.it
2 min. di lettura

Uno dei candidati presidenziali dell’estrema destra bulgara è sospettato di aver guidato una banda di teppisti in un attacco ad un centro comunitario LGBTQ+. Il 30 ottobre il Rainbow Hub di Sofia, in Bulgaria, è stato devastato da un gruppo di 10 uomini, presumibilmente guidati da Boyan Rassate, 50enne leader del partito ultranazionalista Unione nazionale bulgara. Rassate è in corsa per la carica presidenziale alle elezioni del prossimo 14 novembre.

I 10 assalitori hanno vandalizzato il Rainbow Hub, distruggendone le attreazzature. Parlando con Euronews, Gloriya Filipova, coordinatrice del progetto della Fondazione, ha dichiarato: “Ho cercato di fermarli. Ho iniziato a urlare “no”, ho allargato le braccia e ho cercato di impedire loro di entrare. Ma sono entrati e si sono sparsi per tutte le stanze e hanno iniziato a rompere tutto”.

Filipova ha raccontato che Rassate le avrebbe dato un pugno in faccia, mentre un altro aggressore le avrebbe tagliato le gomme dello scooter, parcheggiato all’interno dello stabilimento. La Commissione elettorale centrale bulgara ha revocato l’immunità a Rassate su richiesta del procuratore generale, il che significa che potrebbe essere perseguito prima delle elezioni. In una dichiarazione ufficiale, il procuratore generale ha sottolineato come Rassate abbia “commesso atti indecenti, violando gravemente l’ordine pubblico ed esprimendo una manifesta mancanza di rispetto per la società“.

Le immagini del centro devastato sono state diffuse sui social media dalla Fondazione Bilitis, la più antica organizzazione LGBTQ+ attiva nel paese che gestisce il Rainbow Hub. “Il nostro ufficio e centro comunitario LGBTI a Sofia – Rainbow Hub – è stato attaccato stanotte durante una riunione della comunità trans”, hanno scritto su Twitter. “Il leader dell’attacco Boyan Rassate è ben noto per le sue azioni e dichiarazioni LGBTI-fobiche ed è attualmente candidato alla presidenza in Bulgaria“.

Amnesty International ha chiesto un’indagine completa sia sul candidato che sugli eventi del fine settimana. Massimo Moratti, vicedirettore per l’Europa di Amnesty International, ha dichiarato: “Si dice che Boyan Rassate sia stato tra coloro che hanno attaccato il Rainbow Hub Community Center, distruggendo proprietà e aggredendo almeno una persona. La decisione di revocare l’immunità politica di Boyan Rassate deve essere un primo passo per garantire che tutti i responsabili di questo feroce attacco siano indagati e assicurati alla giustizia. Le autorità bulgare devono ora adottare misure urgenti per impedire a politici e ai partiti politici di fare della comunità LGBTI un capro espiatorio e chiarire che questo tipo di violenza non ha posto in politica“.

Amnesty International ha inoltre chiesto alla Bulgaria di proteggere la comunità LGBT attraverso leggi ad hoc. “Fondamentalmente, devono modificare la legge per riconoscere la violenza omofobica e transfobica come crimini d’odio“, ha aggiunto Moratti. “Non c’è dubbio che l’attacco al Rainbow Hub Community Center sia stato motivato dall’odio, questo spaventoso incidente ha messo in luce le carenze delle leggi e del sistema giudiziario bulgaro. Il Rainbow Hub Community Center è un’iniziativa che fornisce capacità e supporto alla comunità LGBTI in Bulgaria per mobilitarsi e difendere i propri diritti. Applaudiamo il loro lavoro vitale in difesa dei diritti LGBTI e siamo al loro fianco di fronte all’odio“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

Leggere fa bene

Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb - Pekka Haavisto - Gay.it

Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb

News - Federico Boni 29.1.24
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di 'Stati Uniti d'Europa': "Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell'UE"" - Matteo Di Maio Europa - Gay.it

Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di ‘Stati Uniti d’Europa’: “Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell’UE””

News - Federico Boni 21.5.24
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
meloni-gpa-reato-universale-prodotti-da-banco

“L’utero in affitto una pratica disumana”, Meloni torna ad attaccare la GPA

News - Francesca Di Feo 12.4.24