Burnout: l’importanza di fermarsi senza bruciarsi

Questa estate arriva più agitata, tragica, e torbida che mai. Fermarsi e ricarburare non è un diritto, quanto un'urgenza.

ascolta:
0:00
-
0:00
Flaming June, an 1895 painting by Frederic Leighton
Flaming June, an 1895 painting by Frederic Leighton
3 min. di lettura

Non c’è stagione che aspetto più dell’estate: la romanticizzo, bramo, e accolgo a braccia aperte da quando ho sette anni, con un senso di aspettativa per ciò che mi aspetta in quel lasso di tempo: cosa accadrà in quell’intervallo temporale? Cosa me ne faccio di tutta quell’adrenalina, quando la malinconia dolce amara di Settembre fa capolino e mi accorgo che devo aspettare un altro anno, tocca sorbirsi un altro lungo inverno prima di rifarlo da capo?

La verità è che da quando avevo sette anni l’estate assume nuove forme, o è sempre la stessa stagione, e cambio io e le mie responsabilità: la gioia selvaggia che provavamo da ragazzini quando sapevamo di poter rotolarci nel prato per tre mesi di fila, permettendoci di lasciare il libro delle vacanze nella cartella e non aprirlo nemmeno per sbaglio, fa i conti con i nostri rispettivi lavori: i lavori che abbiamo sempre sognato, quelli che detestiamo, quelli momentanei, quelli che dovremmo trovarci, ci riempiono la valigia di impegni che dobbiamo portare a termine, urgenze e scadenze che ci rincorrono tutto l’anno ma quando subentra l’estate si accavallano l’una sopra l’altra. La retorica del sacrificio e della fatica ci abitua ad assecondare il bisogno di fermarci, rendendo il motore delle nostre giornate, anche quando il nostro corpo e la nostra testa non sono più presenti, equipaggiati, e sostenuti per portarlo avanti come meriterebbe: tutto questo prende anche la parola di burnout, o anche sindorome di burnout. Significa letteralmente bruciarsi, esplodere, scoppiare, esaurirsi. È l’effetto collaterale di un contesto lavorativo che arriva a logorarci, sfibrare ogni nostra energia o risposta creativa, fino al crollo. “Non ce la faccio più” è una frase che potremmo trovarci a ripetere spesso, dopo trenta minuti di jogging o arrivati alla quarta ora di lezione, ma cosa vuol dire non farcela più? Quando arriva il momento di fermarsi?

L’errore più grande che possiamo compiere parlando di burnout è associarlo al singolo: è colpa tua che non hai saputo settare dei paletti, non dici mai di no, non ti organizzi, non chiedi aiuto, non capisci ancora cosa sei in grado di fare e cosa no. Devi ancora imparare, devi ancora abituarti a questi ritmi, devi ancora crescere. Ma andare in burnout è la conseguenza naturale di un sistema improntato sulla produttività immediata e l’efficienza di default: il problema non è l’impostazione capitalistica che ci circonda, quanto noi che non sappiamo starci dietro. L’obiettivo non è più riconsiderare da capo la presunta “etica del lavoro” e la “dedizione al sacrificio”, quanto le nostre capacità, energie, che non sono sufficienti o non disposte come dovrebbero per adattarsi a dei ritmi, che di base, non ci fanno bene. Fermarsi e ricarburare quindi genera sensi di colpa, la sensazione di non star facendo quello che dovremmo, di non adempire ai nostri doveri e quindi non meritarci quel posto di lavoro, e nel peggiore dei casi, portare avanti la carriera dei nostri sogni.

Natalie Brite nel suo articolo Is it burnout or internalized capitalism?, parla di “capitalismo interiorizzato” che la porta a reagire al burnout con degli “approcci cerotto”, delle azioni di risposta che le permettono di ricarburare solo per poter riattivarsi allo stesso sistema lavorativo che l’ha esaurita, ripetendo la stessa danza che ci annienta a ciclo regolare.

Ma anche quando scelgo finalmente di archiviare il lavoro e riprenderlo a seconda dei miei tempi o esigenze, di dire no e settare i miei personali paletti, c’è sempre qualche pulce nell’orecchio che impedisce al mio corpo e mente di accasciarci: dovrei seguire quel corso, dovrei leggere quel manuale, dovrei esercitarmi, dovrei studiare. L’intervallo non è più per rilassarsi, ma per ripassare il capitolo prima dell’interrogazione e anticipare i compiti che non hai fatto il giorno prima. Metti da parte il lavoro per concentrarti su un altro lavoro, per rincorrere un altro impegno, e ancora una volta non ascolti le condizioni della tua mente e del tuo corpo. Cosa succede se sospendo i doveri? Se spegni finalmente cervello e urgenze, e ti lasci dondolare nel vuoto? Dove incanalare l’energia di Giugno? E se va sprecata, se resta soppressa, se non è abbastanza?

È bene anche ricordare che la condizione di ogni persona varia a sé, che il diritto sacrosanto e fondamentale di fermarsi non è sempre una scelta semplice, e che il privilegio gioca spesso un ruolo importante nelle libertà che possiamo concederci o meno. Ma l’urgenza di fermarsi e sostare nel vuoto, di dondolarci nel nostro riposo, rielaborare le nostre paure e dolori, non è una colpa. Siamo un caleidoscopio di pensieri, idee, forze, e spunti che vanno preservati, curati, ma anche lasciati libere di disperdersi, confondersi, e riposarsi insieme a noi. Questa estate potrebbe essere l’occasione  per cominciare a destrutturare i dogmi della produttività nociva che ci ha accompagnato tutto l’anno, e iniziare a capire come vogliamo lavorare e produrre senza smettere di ascoltarci. Senza sorbirsi un altro inverno per rifarlo da capo.

 

Leggi anche: 10 app di self-care per occuparti della tua salute mentale divertendoti!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24
pride di modena, terni e alessandria

Come sono andati i Pride di Alessandria, Terni e Modena il 25 maggio – GALLERY

News - Gio Arcuri 28.5.24

Continua a leggere

aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Triptorelina - immagine di repertorio

Gran Bretagna, stop ai farmaci salva vita bloccanti della pubertà per bambinǝ e adolescenti transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 14.3.24
CARY GRANT IN NORTH BY NORTHWEST

Ma quindi Cary Grant era gay o no? La figlia smentisce tutto

Cinema - Redazione Milano 12.12.23
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
dieta-vegana-livelli-di-libido

I vegani lo fanno meglio: uno studio rivela che una dieta plant-based incrementa i livelli di libido

Corpi - Francesca Di Feo 12.1.24
Sepoltura coppie gay Mario Seghezzi Martinengo

Il sindaco leghista che apre alla sepoltura congiunta per coppie omosessuali

News - Redazione Milano 5.1.24