Il ciclismo inglese scende in pista contro l’omotransfobia: “non è accettabile nel nostro sport”

Clay Davies, ciclista gay dichiarato, ha denunciato insulti omofobi ricevuti da colleghi nel pieno delle corse. Ora si muove il governo inglese.

Il ciclismo inglese scende in pista contro l'omotransfobia: "non è accettabile nel nostro sport" - Clay Davies - Gay.it
2 min. di lettura

British Cycling ha pubblicamente condannato l’omofobia e la transfobia nel mondo del ciclismo inglese. Brian Facer, amministratore delegato dell’organo di governo britannico per lo sport, ha dichiarato che è “profondamente preoccupante” leggere nelle “ultime settimane” dell’odio anti-LGBT+ incontrato da “alcuni dei nostri compagni ciclisti”.

Facer ha precisato che British Cycling ha contattato le persone interessate, chiedendo da dove arrivassero questi insulti. Facer ha ammesso che l’organizzazione deve essere “più inclusiva e deve diventare diversificata come la stessa Gran Bretagna”, insistendo sul fatto che British Cycling è impegnata nella lotta all’omofobia e alla transfobia.

Ha spiegato che il codice di condotta del British Cycling “offre protezione contro i comportamenti discriminatori” e ha concesso all’organo di governo il potere di espellere qualsiasi membro per contrastare la discriminazione.

Ma nonostante ciò, Facer ha riconosciuto che British Cycling dovrebbe fare di più, perché l’odio omotransfobico si è insinuato anche nel mondo del ciclismo. Ha detto che un “numero di persone” si è “coraggiosamente fatto avanti per condividere le proprie esperienze”, ma l’organizzazione non l’ha visto “tradursi in lamentele formali”. In tal senso, ha affermato che British Cycling non è stata in grado di “indagare e intraprendere le azioni appropriate” per affrontare l’odio anti-LGBT+.

Dobbiamo fare di più per capire perché ciò non sta accadendo, ma volevo cogliere l’occasione per dirlo: l’omofobia e la transfobia non sono accettabili nel nostro sport.

Combattere l’omofobia e la transfobia è un dovere “che dobbiamo condividere tutti”, ha tuonato Facer. “Tutti coloro che hanno a cuore il nostro sport devono assumersi questa responsabilità ed è fondamentale che tutti noi che abbiamo a cuore il ciclismo agiamo ogni volta che sentiamo l’omotransfobia, ogni volta che la vediamo”. Questa netta dichiarazione arriva poche settimane dopo le parole del ciclista britannico Clay Davies, che ha criticato British Cycling per non aver fatto abbastanza per eliminare l’omofobia nel ciclismo. Davies, che ha dichiarato pubblicamente di essere gay all’inizio di quest’anno, ha detto a British Continental di aver assistito a “calunnie omofobe lanciate in corsa” dai ciclisti durante i campionati su strada, un paio di anni fa. Davies ha ricordato che gli insulti omofobi non erano “solo battute”, aggiungendo che il tono era decisamente “cattivo”.

In una successiva intervista con il podcast Quicklink che British Cycling, Davies ha etichettato British Cycling come datato, rimasto a “10 anni nel passato” se non “probabilmente di più, a voler essere brutalmente onesti”. A suo dire il British Cycling avrebbe bisogno di “ricominciare da zero”, dando vita ad una sorta “tavola della diversità”. “Ma a meno che il pregiudizio LGBTQ+ non sia in cima alla lista delle priorità e collegato a finanziamenti e sponsor”, allora tutto questo non cambierà mai.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

Continua a leggere

Parigi 2024, Campbell Harrison bacia il fidanzato dopo essersi qualificato per le Olimpiadi (VIDEO) - Parigi 2024 Campbell Harrison bacia il fidanzato dopo essersi qualificato per le Olimpiadi - Gay.it

Parigi 2024, Campbell Harrison bacia il fidanzato dopo essersi qualificato per le Olimpiadi (VIDEO)

News - Redazione 24.4.24
Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte - Josh Cavallo - Gay.it

Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte

Corpi - Redazione 20.12.23
Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari - Lewis Hamilton - Gay.it

Lewis Hamilton, il campionissimo di Formula 1 e strenuo difensore dei diritti LGBTQIA+ sarà un pilota Ferrari

Corpi - Federico Boni 2.2.24
Tom Daley, il figlio lo accoglie al ritorno dai mondiali vinti. L'emozionante abbraccio (VIDEO) - Tom Daley - Gay.it

Tom Daley, il figlio lo accoglie al ritorno dai mondiali vinti. L’emozionante abbraccio (VIDEO)

Corpi - Redazione 12.2.24
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: "L'amore per il pallone la batte" - Campagna social contro lomofobia 1200x686 copia - Gay.it

La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: “L’amore per il pallone la batte”

Corpi - Redazione 16.5.24
Giorgio Minisini vince l'oro mondiale nel nuoto sincronizzato e contro gli stereotipi di genere - Giorgio Minisini - Gay.it

Giorgio Minisini vince l’oro mondiale nel nuoto sincronizzato e contro gli stereotipi di genere

Corpi - Redazione 8.2.24
aics-sport-inclusione-intervista-bruno-molea

Da GayCS al tesseramento ALIAS, la storia di AiCS nel promuovere l’inclusione nello sport – Intervista al presidente Bruno Molea

Corpi - Francesca Di Feo 5.1.24