Le 10 scene gay più sensuali della storia del cinema

Anche il cinema parla di storie gay. Ecco una classica con i film più interessanti.

Le scene di sesso gay più belle e sensuali della storia del cinema? Out ha stilato una classica per rispondere a questa domanda stilando una vera e propria classifica.
Ve la proponiamo.

1. Plata Quemada

Film del 2000 di Marcelo Pineyro, Plata Quemada racconta una storia vera di due criminali, Ángel e Nene, che tra varie burrascose vicissitudini, vivono un’intensa storia d’amore. La scena cult è sicuramente quella del sensuale bacio durante lo scontro a fuoco.

2. Wet Hot American Summer
Al secondo post c’è la commedia del 2001 “Wet Hot American Summer” diretta da David Wain. Protagonisti della scena i protagonisti della scena gay sono Michael Ian Black e un giovane Bradley Cooper alla prima esperienza sul grande schermo.

3. Weekend

Uscito nel 2011, Weekend è il secondo lungometraggio del regista Andrew Haigh.
Nonostante le ottime recensioni della critica, il film non ha trovato un distributore e per questo non è mi uscito nei cinema italiani.

4. Shelter

Girato in soli 21 giorni attraverso una produzione low budget, il film di Jonah Markowitz si è aggiudicato numerosi premi: al Vancouver Queer Film Festival del 2007 per la migliore presentazione, al Seattle Lesbian & Gay Film Festival per il miglior nuovo regista, al Philadelphia International Gay & Lesbian Film Festival per il migliore regista e al Tampa International Gay and Lesbian Film Festival per il migliore attore e la migliore fotografia.

Ti suggeriamo anche  Scandalo ad Hollywood, agente licenziato per molestie su giovani attori

5. The bubble
Ci può essere amore tra un israeliano e un palestinese? Il film israeliano The Bubble, diretto da Eytan Fox, racconta proprio la storia tra il giovane soldato Noam (Ohad Knoller) e il giovane palestinese Ashraf. Un film drammatico che entra di diritto nella classifica di Out.

6. Querelle de Brest
Il comandante Seblon nutre un tenero e inconfessato amore nei confronti del marinaio Querelle. In Italia il film, oltre a subire una censura di 110 secondi, fu vietato ai minori di 18 anni.
Il film venne presentato al Festival di Venezia 1982 e Marcel Carné, Presidente della Giura, ne parlò così: “Voglio aggiungere alcune parole a titolo personale. Come Presidente della Giuria non sono riuscito a convincere i miei colleghi a premiare il film “Querelle” di Rainer Werner Fassbinder. Sono stato il solo a difenderlo. Tuttavia continuo a credere che l’ultima opera di Fassbinder, che lo si voglia o no, che la si deplori o no, avrà un giorno il suo posto nella storia del cinema”.

7. Shortbus
Presentato fuori concorso al 59esimo Festival di Cannes, il lungometraggio di John Cameron Mitchell presenta diverse scene sessuali esplicite. Il film racconta la storia di Jamie e James, una coppia omosessuale che decide di allargare la propria sfera sessuale ad altri. Per realizzare il loro desiderio si recheranno allo Shortbus, un locale notturno dove tutto è permesso.

Ti suggeriamo anche  Croce e Delizia: il nuovo film con Gassman, Bentivoglio e una storia d'amore gay

8. Bent
L’amore gay ai tempi della Germania nazista. Diretta da Sean Mathias nel 1997, la pellicola si ispira all’opera teatrale di Martin Sherman e racconta della lotta per la sopravvivenza di Max e di Horst, entrambi rinchiusi a Dachau: uno una stella gialla sul petto e l’altro con un triangolo rosa.

9. Un Chant D’Amour
Opera del 1950, Un chant d’amour descrive triangolo tra due giovani maschi rinchiusi in una prigione e il loro secondino. I due prigionieri, posti in celle contigue, sfogano i loro desideri erotici strusciandosi le pareti e soffiando il fumo di sigaretta attraverso dei fori scavanti nei muri. In tutto questo, la guardia carceraria li spia, e talora questi si esibiscono per lui. Un mix di scene dove realtà e sogno si intrecciano inestricabilmente.

10. Maurice

Film inglese del 1987, Maurice narra la storia di uno studente universitario che si innamora di un suo compagno di corso. Ne nasce una una relazione complicata, quasi priva di contatto fisico che, però, gli permetterà di raggiunge una consapevolezza più profonda del proprio orientamento sessuale.