La collezione “The Gay Blood” contro le politiche omofobe dell’FDA

L'arte shock di "The Gay Blood" contro le politiche discriminatorie che impediscono alle persone omosessuali di donare il sangue.

ascolta:
0:00
-
0:00
La collezione "The Gay Blood" contro le politiche omofobe dell'FDA - Immagine 2022 09 27 161051 - Gay.it
3 min. di lettura

Nel 2018, un team di artisti fece parlare di sé attraverso la propria idea poco ortodossa di creare e vendere magliette stampate – letteralmente – con il sangue di persone omosessuali. L’iniziativa “Blood is blood” aveva l’obiettivo di protestare contro la regolamentazione imposta dalla FDA in America che impediva agli uomini gay di donare il sangue.

La linea guida, diventata legge durante la crisi AIDS, è in piedi ancora oggi, pur dopo aver subito modifiche sostanziali prima nel 2015 e poi nel 2020. Ad oggi, però, la popolazione gay e bisessuale statunitense subisce ancora pesanti discriminazioni in questo ambito.

Anche perché – gli attivisti dichiarano – secondo l’FDA il sangue di un uomo gay sano sarebbe più pericoloso di quello di un uomo eterosessuale affetto da clamidia o da herpes genitale.

Ecco perché oggi lo stesso gruppo di creativi che nel 2018 aveva dato vita all’iniziativa “Blood is blood” – composto dall’agenzia Mother e dall’artista Stuart Semple – è tornato alla riscossa con la collezione “The Gay Blood”.

Questa volta, l’opera si compone di vari strumenti da pittura, tra cui penne a sfera, un flatting, acrilici e pennarelli indelebili, tutti accomunati da un ingrediente inquietante ma che allo stesso tempo riesce a mandare un messaggio potentissimo: il sangue di persone omosessuali.

Il prezzo è anche relativamente contenuto, parlando di opere d’arte: si parte da 30 dollari per un tubetto di acrilico fino a 200 dollari per la bomboletta di vernice. Ciascuno strumento è stato pensato per “creare qualcosa che vada contro le politiche omofobe dell’FDA, si tratti della firma su una petizione o un cartellone di protesta durante il Pride.

the-gay-blood

Il colore è emozione: sfido chiunque ad osservare un quadro di Van Gogh o di Rothko senza provare qualcosa” – ha dichiarato Semple, già conosciuto per la sua arte “pirata” attraverso la qual aveva clonato le sfumature Tiffany Blue e Vantablack, precedentemente privatizzate e vendute a prezzi esorbitanti. “Una marcia Pride o una manifestazione qualunque sarebe la stessa senza i colori brillanti dei cartelloni e i vestiti variopinti?”.

Con la Gay Blood Collection, tuttavia, l’idea trascende il semplice colore.Il mio sangue ed il tuo non sono così diversi” continua Semple. “Il nostro sangue potrebbe pure essere viola. Il punto è che ci serve per vivere, ed è uguale per me e per te”.

Sample spiega poi che creare una pittura utilizzando materiale organico non è facile come sembra. Il sangue non è un colorante efficace, almeno non nelle quantità consentite. Se conservato in maniera impropria, può essere una fonte di batteri dannosa, ed esposto all’aria diventa marrone.

Quindi, per creare pitture acriliche e inchiostri, il team ha dovuto incapsulare piccole quantità di sangue dentro a contenitori divisi dalla pittura in sé.

Il colore del sangue è quindi un’imitazione – seppur fedelissima – composta da una mistura di pigmenti sintetici e minerali, che rendono l’opera d’arte più che altro simbolica.Il significato è quello: stai dipingendo comunque con uno strumento che contiene sangue di una persona che l’ha donato per la causa. Sì, il tuo quadro, cartellone o opera non conterrà davvero sangue, ma è il significato che conta”.

Manca il sangue, e l’FDA fa la schizzinosa

È importante far notare che la Gay Blood Collection – lanciata negli scorsi giorni – non capita per caso. Proprio in questo periodo, infatti, la Croce Rossa Americana ha dichiarato di trovarsi nella peggiore carestia di sangue in oltre un decennio.

La gente non dona più il sangue, e chi lo vuole donare non può farlo” ha dichiarato il portavoce di Mother.

Se le politiche antiquate dell’FDA venissero modificate, più di 280.000 litri di sangue potrebbero aggiungersi alle scorte ogni anno, utili a salvare la vita di migliaia e migliaia di persone che oggi devono invece affidarsi alle trasfusioni private.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
Candy Darling, 1971. © Jack Mitchell.

Chi era Candy Darling, l’icona trans* degli anni ’70

Culture - Riccardo Conte 27.4.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24