Russia, manifestazione globale di All Out il 16 marzo contro la persecuzione sistematica della comunità LGBTQIA+

Un appello a non ignorare il grido d'aiuto di attivistə e soggettività queer in fuga dalla Russia dell'omobitransfobia: come siamo arrivatə a questo punto?

ascolta:
0:00
-
0:00
russia-manifestazione-all-out-roma
2 min. di lettura

Una manifestazione globale per esprimere solidarietà alla comunità LGBTQIA+ in Russia, da oltre un decennio oppressa dal regime ultraconservatore di Vladimir Putin: la organizza All Out, movimento transazionale per la difesa dei diritti LGBTQIA+.

Questo sabato, 16 marzo, da Londra a New York, da Helsinki a Taipei passando per San Paolo, Bogotà, fino a Roma, attivistə di tutto il mondo scenderanno in piazza, davanti alle ambasciate russe, agli edifici governativi e nei centri cittadini per chiedere ai governi occidentali di non rimanere in silenzio davanti alla sistematica persecuzione delle identità queer da parte delle autorità russe, in seguito alla qualificazione del movimento LGBTQIA+ come “estremista”.

Non è un caso che la manifestazione cada proprio il giorno delle elezioni presidenziali fantoccio in Russia: sono centinaia le persone oggi perseguitate dalla folle crociata ideologica portata avanti da Putin e dai suoi funzionari, e in moltə sono costrettə a lasciare il proprio paese.

A partire dal 2012, quando la prima legge contro la cosiddetta “propaganda gay e la pedofilia” fu emanata dal Cremlino, i diritti civili e la dignità delle identità queer sono stati lentamente ma sistematicamente erosi dal rafforzamento dei regolamenti contro la libertà di espressione. Ai tempi, Coming Out – gruppo di attivist* di Mosca – profetizzò:

“La storia d’Europa ci insegna che tutti i totalitarismi sono cominciati con la repressione delle persone LGBTQIA+. Se questa legge passerà, potrebbe essere un segnale che la Russia sta scivolando verso un altro totalitarismo”.

E così fu, quando lə prime attivistə, artistə e politicə accusatə di propaganda gay furono silenziatə, arrestaə e perseguitatə. A poco servirono le raccomandazioni della Commissione Europea, che nel 2017 bocciò la legge definendola “discriminatoria e in violazione del diritto e della libertà di espressione”: il piano era già in atto.

Gradualmente, la comunità LGBTQIA+ fu privata di tutele fondamentali, sociali, lavorative, sanitarie e legali. Una violenta repressione, a suon di raid nelle sedi delle associazioni, nei club, e negli spazi queer tra arresti, cariche della polizia, multe e segnalazioni gettò le basi per la persecuzione sistematica a cui assistiamo oggi.

Grazie anche alle linee volutamente sfocate del vago regolamento contro “propaganda gay”, qualsiasi lontano riferimento alle identità non conformi e alle relazioni tra persone dello stesso sesso fu bandito – emblematico fu il caso del gelato arcobaleno ritirato dal mercato.

Fino ad arrivare al 2022. Con lo scoppio della guerra in Ucraina, la Russia – che già a inizio anno aveva annunciato di voler inasprire il proprio regolamento anti-LGBTQIA+si trovò ancora più isolata dal blocco progressista europeo. Le iniziative di censura peggiorarono e, a luglio 2023, il regime fu libero di imporre un atroce divieto alla transizione di genere.

Fino al breve iter legislativo che a novembre 2023 portò il movimento LGBTQIA+ ad essere categorizzato come estremista. Altri raid, altri arresti sommari, altra censura in un’escalation persecutoria che oggi costringe le identità queer a muoversi nell’ombra per rifugiarsi in Europa.

Da qui, l’appello ai All Out ai governi europei per velocizzare l’ottenimento dei visti e dello status di rifugiati per attivisti e soggettività in fuga dalla Russia dell’omobitransfobia.

Con la manifestazione di sabato – che in Italia avverrà per ora solo a Roma, alle ore 11:00 nel Piazzale antistante la Biblioteca nazionale – le organizzazioni per i diritti LGBTQIA+ rinnovano il proprio sostegno alla causa russa, offrendo rappresentazione a quelle identità queer che oggi non possono più far sentire la propria voce.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24

Continua a leggere

Russia, Putin vieta ai minori i Mini Pony perché LGBTQIA+ e si ricandida alle elezioni del 2024 - Vladimir Putin Miny Pony 3 - Gay.it

Russia, Putin vieta ai minori i Mini Pony perché LGBTQIA+ e si ricandida alle elezioni del 2024

News - Redazione 11.12.23
Russia LGBTI donna arrestata per orecchini rainbow

Russia: iniziano gli arresti alle persone LGBTI+, una donna incriminata per gli orecchini arcobaleno

News - Francesca Di Feo 2.2.24
olanda-rifugiato-lgbtqia

Olanda, rifugiato LGBTQIA+ dalla Russia si toglie la vita dopo 14 mesi di attesa per il visto

News - Francesca Di Feo 16.12.23
Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia - Rizvan Dadayev - Gay.it

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia

News - Redazione 23.1.24
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
russia lgbt estremisti

Russia, Corte Suprema dichiara estremista il movimento LGBT: escalation persecutoria

News - Redazione Milano 30.11.23
Russia, l'app Duolingo sotto indagine per "propaganda LGBTQIA+" - Russia lapp Dualingo - Gay.it

Russia, l’app Duolingo sotto indagine per “propaganda LGBTQIA+”

News - Redazione 13.2.24
Armenia LGBT

Cos’è la Gayropa: “Quasi tutti gli Europei sono gay, noi no!”, così parlano i giovani in Armenia

News - Redazione Milano 8.5.24