Foto

Cronenenberg, anatomia dell’ossessione per il corpo

Attesa per la mostra a Milano: un disturbante viaggio a contatto con la propria intima reazione davanti all'avvicinamento al corpo, osservato nella sua più profonda nudità biologica.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cere anatomiche - La Specola di Firenze - David Cronenberg
Cere anatomiche - La Specola di Firenze - David Cronenberg
3 min. di lettura

David Cronenberg indaga la propria ossessione per il corpo umano, confrontandosi con le cere anatomiche della Specola di Firenze, nella nuova mostra in Fondazione Prada, dal 24 Marzo al 17 Luglio 2023.

Nel museo milanese, all’interno della mostra, in una sorta di mini teatro che nella sua forma rimanda agli osservatori a forma di piccola arena delle sale di studio anatomico, viene proiettato il video del regista di “Crash”, “Videodrome” e “Il pasto nudo” (per citarne solo alcuni). Titolo dell’opera:

Four Unloved Women, Adrift on a Purposeless Sea, Experience the Ecstasy of Dissection (Quattro donne mai amate, alla deriva su un mare senza scopo, sperimentano l’estasi della dissezione)

Croneneberg indaga con la camera su corpi di donna realizzati in cera dal ceroplasta siciliano Gaetano Zumbo nel XVIII secolo. E conservati grazie alla Specola di Firenze, uno dei più antichi musei naturalistici d’Europa.

Si tratta di statue di cera che raffigurano corpi umani e sezioni di corpi umani, all’epoca realizzate per gli studi di anatomia. Ma nel video, lo sguardo di Cronenber risveglia, in quelle sculture di cera adagiate su lettighe che fluttuano in un non meglio definito mare blu, una conturbante vitalità che provoca una sottile e indicibile vergogna in chi guarda.

E così budella, stomaci, cuori, reticoli venosi, tessuti e mucose rovesciati da ventri e addomi di donne che mantengono tuttavia in volto espressioni eteree di estasi mistica: donne immadonnate sventrate per lasciar curiosare l’osservatore scientifico, interiora di veneri rivolte al cielo, cullate dalla camera di Cronenenberg con delicata e impietosa volontà guardona. È una celebrazione sincera di quell’ossessione cronenberghiana per il corpo umano e le sue amputazioni e mutazioni. Esercitato su strumenti scientifici del passato.

Visto il video di Cronenberg, si sale al primo piano (Podium) dellaa F.P., dove le cere sono esposte sotto vetro, come fossimo – ancora – in un ambiente di indagine anatomica: un po’ a metà tra una scena di C.S.I. e un museo naturalistico. Insieme a corpi e sezioni di corpi, e feti (anche gemellari), e apparati digerente, respiratorio, genitale eccetera, sono esposti anche disegni anatomici accompagnati da testi che, nella lingua italiana in cui furono scritti, riportano informazioni scientifiche tipo: “Intestino duodeno aperto, perché si veggano le origini dei condotti epato-cistici, e l’ingresso in quell’intestino”.

Cere anatomiche - La Specola di Firenze - David Cronenberg
Cere anatomiche – La Specola di Firenze – David Cronenberg

Spiega Cronenberg nel materiale per la stampa:

“Le figure di cera della Specola furono create prima di tutto come strumento didattico, in grado di svelare i misteri del corpo umano a chi non poteva accedere alle rare lezioni anatomiche con veri cadaveri tenute nelle università e negli ospedali. Nel loro tentativo di creare delle figure intere parzialmente dissezionate, il cui linguaggio corporeo ed espressione facciale non mostrassero sofferenza o agonia e non suggerissero l’idea di torture, punizioni o interventi chirurgici, gli scultori finirono col produrre personaggi viventi apparentemente travolti dall’estasi. È stata questa sorprendente scelta stilistica che ha catturato la mia immaginazione: e se fosse stata la dissezione stessa a indurre quella tensione, quel rapimento quasi religioso?”

Spirito del tempo a parte – quell’idea civile della borghesia liberal-democratica di creare connessioni tra passato e contemporaneo, tra memoria e progresso, tra un vecchio museo naturalistico e una piattaforma di linguaggi contemporanei come la Fondazione dei P. – la mostra è un disturbante viaggio a contatto con la propria intima reazione davanti all’avvicinamento al corpo, osservato nella sua più profonda nudità biologica, capace di comunicare vita e a suo modo dignità, anche in presenza della morte. Tutto vissuto a contatto con corpi di cera. Roba da David Cronenberg.

 

Le statue provengono dall’archivio dell’Imperiale e Reale Museo di Fisica e Storia Naturale di Firenze.
Per avere più informazioni visitate il sito della F.P.

La mostra presenta immagini che potrebbero urtare la sensibilità di alcuni visitatori. È preferibile che i minori siano accompagnati durante la visita.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe? - Kit Connor di Heartstopper sara Hulkling supereroe gay nel Marvel Cinematic Universe - Gay.it

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe?

Culture - Redazione 17.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
tormentoni queer dal 2000 al 2023

Tormentoni queer, dal 2000 al 2023 le canzoni che hanno reso indimenticabili le nostre estati

Musica - Emanuele Corbo 15.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Credit:Pooneh Ghana

La curiosità psichedelica di Cassandra Jenkins, intervista

Musica - Riccardo Conte 9.7.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Giorgio Ramondetta nudo

Giorgio Ramondetta nudo per il nuovo calendario di Yummy Magazine: guarda la cover

Corpi - Luca Diana 4.7.24
Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente - SAFFFO 2024 - Gay.it

Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente

Culture - Redazione 15.5.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24