Dancing Queen, la docu-serie Netflix con la drag Alyssa Edwards

Di notte drag queen e di giorno insegnante di danza per giovanissimi. Docu-reality da applausi per Netflix, è Dancing Queen.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

E’ in onda dal 5 ottobre scorso l’ultima delizia a tinte rainbow di Netflix.

Dancing Queen il titolo, docu-serie di otto puntate con protagonista assoluta Alyssa Edwards, Justin Dwayne Lee Johnson all’anagrafe, drag superstar vista in due stagioni di “RuPaul’s Drag Race”.

“Colleziona trofei, si fa bella e se la spassa. Di giorno, Alyssa Edwards detta legge alla scuola di danza e di notte nel mondo delle drag queen”, questa la sinossi ufficiale dello show, fusione tra Mamme sull’orlo di una crisi da ballo e un Drag Race più intimo e personale.

Lontano dal palco tv di RuPaul, infatti, Justin Dwayne Lee Johnson insegna danza a a Mesquite, in Texas, allenando giovani ballerini per competere nelle gare nazionali. Tutto questo tra mamme stravaganti e l’alter-ego Alyssa Edwards, che al calar della sera torna a farsi strada.

Una docu-serie divertente, solare e al tempo stesso istruttiva, perché in grado di abbattere pregiudizi e luoghi comuni nei confronti del mondo drag, qui a stretto contatto con i più piccoli.

Ti suggeriamo anche  Olivia Colman favorevole alle lezioni d’inclusività LGBT+ nelle scuole
Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni