Fanny Ardant inedita al Festival di Locarno: “Sono trans, chiamatemi Lola Pater”

La charmantissima e ribelle attrice francese ha presentato alla cinekermesse svizzera il dramma di Nadir Moknèche in cui interpreta una trans con un figlio.

Fanny Ardant inedita al Festival di Locarno: “Sono trans, chiamatemi Lola Pater” - fannyardant - Gay.it
3 min. di lettura

Charmantissima in blu notte, otto vistosi anelli alle dita, la grazia di sempre: Fanny Ardant ha sedotto il 70esimo Festival di Locarno, la più rilassante e deliziosa tra le grandi cinekermesse europee (non si fanno code, il clima è primaverile, i locali magnifici) diretto dal bravissimo Carlo Chatrian, sostenitore del talento ebraico di Avishai Sivan – l’eccentrico Tikkun – della conferma di Hong-Sang Soo, dell’addio di Chantal Akerman.

Fanny Ardant inedita al Festival di Locarno: “Sono trans, chiamatemi Lola Pater” - Fanny Ardant - Gay.it

Ma ecco la sorpresa: Fanny Ardant è una trans paterna. Sì, la suprema attrice francese, amore della porta accanto di François Truffaut che le avrebbe dato Josephine – La Signora della Porta Accanto resta il suo capolavoro inarrivabile – amante della Deneuve in Otto donne un mistero di Ozon, sodomizzata per piacere ne L’odore del sangue di Mario Martone, si è evoluta in una splendida trans (del resto nella vita ha avuto solo figlie femmine).

Sì, la Regina Eva della pochade gay Di giorno e di notte ha presentato ai Ghepardini, l’affezionato pubblico e critica del Festival di Locarno, il dramma franco-belga Lola Pater – inizialmente i finanziatori volevano una commedia – del regista franco-marocchino Nadir Moknèche, presentato nella sezione Piazza Grande, la magnifica sala a cielo aperto da 8000 posti nel cuore di Locarno.

Tutto su mia madre e mio padre: lei è Farid, un uomo che ha abbandonato da piccolo il figlio Zinedine detto Zino (il fascinoso Tewfik Jallab) e lo ritrova dopo venticinque anni, quando ha terminato la transizione nella bellissima Lola“se cambiassi sesso, sceglierei questo nome” ha dichiarato il regista – ma l’incontro col ragazzo è traumatico: lui non accetta questa madre ‘paterna’, lei cerca una riconciliazione che si rivela estremamente complesso.

Fanny Ardant inedita al Festival di Locarno: “Sono trans, chiamatemi Lola Pater” - Fanny Ardant Lola Pater - Gay.it“Ho molto amato la sceneggiatura – ha dichiarato la Ardant – ci sono sentimenti forti, amori incredibili. Del mio personaggio ho amato il carattere, il mix tra fantasia e il resto, l’incontro col figlio. Mi premeva capire se il sentimento femminile è diverso da quello paterno. Tante cose. Ho poi incontrato il regista, una persona intelligente. Ogni film è un’avventura ma questo di più: è un ruolo che non ha mai interpretato prima. Cerco registi che guardino oltre le apparenze, avevo fiducia in Nadir. Ho interpretato il ruolo con una forma di incoscienza, come i cani che vanno nella foresta. Non ho visto transessuali, non ho frequentato bar orientali di danza del ventre: sapevo che Nadir sarebbe stato una specie di angelo guardiano, una sorta di giardiniere per me […] L’attore non è un mestiere come gli altri: c’è l’ambiguità. Ci vuole passione, il piacere di ricominciare da capo. Non è un mestiere, in realtà: è uno stato dell’anima”.

La domanda sorge spontanea al regista: Ha pensato di affidare la parte un attore realmente transgender?”.

Fanny Ardant inedita al Festival di Locarno: “Sono trans, chiamatemi Lola Pater” - Lola Pater - Gay.it“Sì e no. Ci ho pensato al fatto di prendere un attore transgender. Il motivo è che non esistono ancora attori transgender di professione e io sento il bisogno di lavorare con gente ben formata nel mestiere. Ma questo non è un mestiere come gli altri. Spero che tra dieci, vent’anni ce ne saranno: allora, però, non dovrebbero vedersi affidare solo parti di transessuali, ma anche, per esempio, quella di Lady Macbeth o simili. Non ho visto Transparent ma ho letto vari articoli su questa serie. […]

Mia mamma a pranzo però mi diceva: ‘Prendi l’Ardant, prendi l’Ardant!’”.

C’è chi chiede come la destra frontista francese accoglierà il film: “Ci sono movimenti contro, conservatori – risponde il regista – ma molti vedranno soprattutto l’incontro tra un padre e un figlio: ho perso mio padre quando avevo tre anni. Non l’ho conosciuto e mi sono chiesto come sarebbe stato se fosse rimasto con me, come sarebbe stato bere un bicchiere con lui. Sarei stato in conflitto con lui?”

Fanny Ardant inedita al Festival di Locarno: “Sono trans, chiamatemi Lola Pater” - Fanny Ardant 2 - Gay.it

Il mio personaggio di Lola, con un grande amore per la vita, – conclude la Ardantha dovuto combattere da piccolo col padre e con la sua scelta da adulta. L’unico amore era sua moglie che le ha dato il permesso di fare la vita che voleva. È trans e continua ad amare le donne”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto3 - Gay.it

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome

Cinema - Federico Boni 7.12.23
alfortville arrestato 14enne bullo che insultava 15enne transgender

I suicidi delle persone transgender sono omicidi di Stato

News - Redazione Milano 7.11.23
@tracelysette

C’è possibilità per le attrici trans agli Oscar?

Cinema - Redazione Milano 29.9.23
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
ariete-la-notte-22-settembre

Ariete e l’amore per suo fratello in transizione: “Io sono LGBTQ+ e faccio il mio da sempre”

Musica - Francesca Di Feo 21.9.23
Dylan Mulvaney Blue Christmas

Il Blue Christmas transgender di Dylan Mulvaney è una bomba

Musica - Mandalina Di Biase 18.12.23
giappone-corte-suprema-diritti-trans

Giappone, sì all’autodeterminazione delle persone trans da parte della Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 26.10.23