Festival DiverCity 2022: un evento che supera ogni discriminazione o barriera

Anche quest'anno arriva la quinta edizione del festival che offre uno spazio di rappresentazione e autoaffermazione ad ogni gruppo margnalzizato. Abbiamo intervistato i fondatori Andy Nganso e Maurizio Talanti per saperne di più.

ascolta:
0:00
-
0:00
Festival DiverCity 2022
festival divercity 2022
3 min. di lettura

Arriva anche quest’anno Festival DiverCity 2022, quinta edizione del festival – ideato dal Dr. Andy Nganso e il manager d’impresa Maurizio Talanti – finalizzato a celebrare e sostenere ogni forma di diversità, oltre il colore della pelle, la sessualità, o la disabilità. Dal 24 al 26 Giugno, presso BASE Milano, tre giorni per dare libera espressone a più gruppi marginalizzati, attraverso talk, workshop, performance artistiche, mostre fotografiche e arti visive. Ideato nel 2018, il progetto nasce dalla necessità di creare uno spazio di rappresentanza e narrazione per le persone afrodiscendenti e di seconda generazione, per evolversi gradualmente in una piattaforma che attraverso la divulgazione culturale e artistica dà parola a chiunque vive discriminazione: “Partiamo dalla nostra esperienza in quanto persone nere per poi raccontare ogni difficoltà da un punto di vista intersezionale, cogliendo la vulnerabilizzazione di tutt**” spiega Nganso.

Capitanata dallo slogan”Rest, restare, resistere, restituire“, il tema del riposo e della cura prende un ruolo centrale in questa quinta edizione, in particolar modo per chi ha non ha mai avuto il privilegio di riposarsi: “Ricordo che durante la pandemia una giornalista diceva che ci eravamo tutti fermati” racconta Nganso “In realtà alcune persone si sono fermate, e pensato che abbiamo reagito tutti insieme allo stesso modo. Le persone vittime di razzismo o di omolesbobitransfobia o in un sistema abilista non si sono mai davvero fermate. Il sistema, neanche durante la pandemia, ha fornito degli elementi adeguati per sentirsi sicuri. Nonostante la pandemia, noi non ci siamo mai fermati, è un riposo che non ci appartiene da generazioni. Ma con questo Festival scegliamo di dire: stop, noi ci fermiamo, e vogliamo dichiarare che anche noi dei momenti di pausa ce li possiamo godere“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FestivalDiverCity (@festivaldivercity)

Nell’arco delle tre giornate, il tema della cura e del riposo verrà affrontato da angoli diversi: dallo spettacolo teatrale “Ho Sognato il Mare” di Emmanuel Edson, dedicato alla cura dei rifugiati, sui luoghi e gli spazi messi a disposizione non sono mai equipaggiati nemmeno per le persone più fragili – come le donne incinta –a momenti di musica e spettacolo – come FestivalDiverCity SundayService: celebrazione musicale di Spiritualità, arte e riposo – seguiti da incontri d’approfondimento – come L’educazione all’oppressione: abilismo, razzismo laboratorio di affettività e percorsi di cura – in grado di coalizzare tutte le comunità che ogni giorno si battono per mantenere spazi di benessere e inclusione: “Siamo dell’idea che disegnare gli spazi, ci permette di rendere democratica la realtà” dice Talanti “Rendere la realtà accessibile alle esperienze di non conformità, che sia l’afrodiscendenza, o il background culturale, la religione, la disabilità o l’identità di genere.”. Centrale sarà la mostra “La cura degli Incivili”, dove affiancati da giovani artisti italiani e internazionali, Nganso e Talanti si sono interrogati sull’assenza di design e quali conseguenze comporta l’assenza di una progettualità, come nei centri d’accoglienza per migranti o i luoghi di cura. Ma Talanti specifica che anche la pratica sociale può essere design, e come ricoprire determinati ruoli all’interno della società contribuisce a cambiare la narrazione comune intorno alle persone marginalizzate: “Nel percorso delle persone afrodiscendenti, la nostra vita – ancor più in Italia – è un’antologia inedita, siamo spesso gli unici nella stanza o i primi a fare qualcosa. Occupare una professione che può sembrare irraggiungibile o far studiare i propri figli in un’istituzione d’eccellenza, vuol dire cambiare l’orizzonte come lo conosciamo, o meglio, come ce l’hanno fatto immaginare“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Dede Sonya Agbodan (@sonyaagbodan)

L’obiettivo del Festival DiverCity è di restituire alle persone uno spazio dove essere pienamente sé stesse, dove ritrovare l’energia giusta per prendersi cura di sé e riposare la mente. Ancor più, è un’occasione per sovvertire la narrazione comune, e restituire un nuovo sguardo, a partire dall’esperienza personale dei due fondatori: “La definizione dell’amore nel nostro paese può essere rappresentata anche da un’immagine sovversiva, come due uomini neri che si amano” spiega Talanti “Due soggettività che di solito vengono raccontate attraverso il crimine e la violenza, qui invece esistono all’interno di una dimensione fatta di fatica, compromesso, e confronto perpetuo, ci permette di lasciare un testimone. Creare un’antologia e un nuovo vocabolario, per raccontare cosa vuol dire essere un medico nero o un manager d’impresa nero, e farlo tenendoci per mano.”

Potete registrarvi a tutti gli eventi del Festival DiverCity 2022 a questo link qui.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Lecco, Forza Nuova contro il Pride: "Bestialità che mira a plagiare i bambini" - Lecco Forza Nuova contro il Pride - Gay.it

Lecco, Forza Nuova contro il Pride: “Bestialità che mira a plagiare i bambini”

News - Redazione 21.6.24

Leggere fa bene

Non Voltarti – Storie di Quartiere

Non Voltarti: Levi’s celebra la comunità queer di Porta Venezia

Lifestyle - Redazione Milano 31.5.24
Jeremy Allen White (Calvin Klein)/ Gerrard Woodward (BRLO)

E se lo spot con Jeremy Allen White fosse interpretato da un uomo bear?

Corpi - Redazione Milano 2.2.24
disability pride milano 2024, programmi e orari

Disability Pride Milano 2024: il 15, 16 e 17 giugno

News - Gio Arcuri 11.6.24
(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
Padova Pride Village Virgo 2024, il programma dal 7 giugno al 7 settembre. Si parte con i Ricchi e Poveri e Alfa - Pride Village Virgo Padova - Gay.it

Padova Pride Village Virgo 2024, il programma dal 7 giugno al 7 settembre. Si parte con i Ricchi e Poveri e Alfa

Culture - Federico Boni 4.6.24
Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente - SAFFFO 2024 - Gay.it

Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente

Culture - Redazione 15.5.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24