“Lei è Giorgia”: Marina Terragni e le linee sfocate di una frangia femminista pronta a votare Meloni

"Lei è Giorgia": schieramento netto o riflessione pour parler? Marina Terragni non si sbilancia.

ascolta:
0:00
-
0:00
marina-terragni-giorgia-meloni
3 min. di lettura

Sul fatto che Giorgia Meloni sia una donna ambiziosa, carismatica e determinata non ci piove. Un simbolo femminista? Forse, secondo Marina Terragni, che nell’articolo pubblicato sul celeberrimo blog femminista radicale “RadFem Italia” l’ha definita, parafrasando, una paladina dell’identità femminile contro una sinistra che – a suo dire – vuole rendere il concetto di donna obsoleto.

Ne ha parlato lungamente Natalia Aspesi, nel suo articolo “La falsa illusione delle femministe che votano Meloni solo perché donna”, analizzando la retorica di Terragni, snocciolandone i punti e dando la propria interpretazione del manifesto – innegabilmente a sostegno di una donna, sì, ma una donna di estrema destra, con ideali di estrema destra.

Non è un segreto che RadFem Italia sia stato più volte etichettato come un gruppo di TERF – trans exclusionary radical feminists – e, come tale, criticato aspramente dai movimenti transfemministi. Tuttavia, forse qui si è andati un po’ troppo oltre.

Ma non c’è neanche da stupirsi, se si parla di Marina Terragni. Nell’articolo, la giornalista si dilunga in un’aspra critica verso la sinistra attuale, accusata di scaricare le donne come “soggetti ormai vecchi e obsoleti in favore di nuovi e postmoderni clientes nell’orizzonte della fluidità sessuale”.

Un poco velato riferimento alla questione transgender, intersex e non binaria portata avanti dal transfemminismo. L’abbattimento del binarismo, per Terragni, è una guerra alle donne e alla maternità, lo specchio del neopatriarcato travestito da lotta LGBTQIA+.

Ma non solo: alcune idee conservatrici di Giorgia Meloni si sposano perfettamente anche con quelle che sono le proposte di RadFem: contro l’utero in affitto, contro la semplificazione del processo di transizione.

La sinistra ha deluso questa frangia femminista, e forse l’estrema destra è rimasto l’unico baluardo ancora in piedi a sostegno dell’ideologia TERF? Non ci sbilanciamo.

A scapito di decenni di lotta femminista per la liberazione del corpo femminile, per il riconoscimento e la normalizzazione della comunità LGBTQIA+, per i diritti fondamentali, RadFem, nella figura di Marina Terragni, però, sembra un po’ tornare indietro. Viene da chiedersi se avrebbe fatto lo stesso con un esponente maschio eterosessuale.

Perché è molto facile giocare la carta della donna al potere per smuovere le coscienze di donne deluse, arrabbiate con una sinistra effettivamente immobile, e non solo sulla questione femminista.

Per quelle fra noi – non tante, ma ci sono – che sostengono la destra, non può esserci dubbio: la sfida di Giorgia va sostenuta. Ma le altre? Potranno continuare, in coerenza con le proprie vite, a supportare una sinistra che le ha letteralmente cancellate?”.

Cauta e astuta, Marina Terragni non si schiera, ma mette la pulce nell’orecchio lasciandosi però aperta la possibilità di controbattere a fronte delle inevitabili critiche.

Ci sono, fra noi, in esigua minoranza, anche delle elettrici di Meloni, ma quasi tutte veniamo dalla sinistra. Il femminismo è storicamente legato alla sinistra”.

Salvo poi fare marcia indietro, continuando comunque a sostenere l’idea che un’ascesa al potere di Giorgia Meloni sarebbe una “novità storica di grande rilievo, che potrebbe portare una ventata di aria fresca in un ambiente a dominanza maschile, intervenendo su temi come l’utero in affitto e la centralità della relazione materna, tanto cari a RadFem.

Ed è proprio questo che accomuna Terragni, Meloni e persino Rowling: l’ideale femminista che non ha problemi a cancellare l’identità di centinaia di migliaia di persone per difendere una definizione di “donna” che non è in nessun modo in pericolo, per chi vi si vuole identificare.

Secondo questo tipo di femminismo, esistono mostri come la teoria del gender creati dal neopatriarcato per opprimere ancora una volta il genere femminile, “per cui si sostituiscono i corpi sessuati e chiunque vuole può essere una donna”.

In realtà, quello che il movimento – TERF? Femminista radicale? Tradizionale? Conservatore? – fallisce nel comprendere è che il transfemminismo difende la possibilità di autodeterminazione di chiunque nel sentirsi a proprio agio con la propria identità, nel costruire una famiglia – o nel non costruirla! – e nel potersi configurare come parte di una società al pari del proprio vicino in coda alla Posta.

Il succo del discorso è che non si può parlare in termini di “schieramento” e “svolta conservatrice” leggendo l’articolo di Marina Terragni prima su RadFem, e poi la sua intervista in risposta all’articolo di Aspesi. Le linee sono troppo sfocate per il momento.

In ogni caso, alcune fra noi pensano di poter interloquire principalmente con il Partito Democratico, altre non più, altre ancora stanno dalla parte di Meloni. Però se lei diventasse premier e avesse bisogno di noi su qualunque tema, se volesse un contributo, ecco secondo me è assolutamente impensabile dire di no solo perché non è di sinistra”.

Per onestà intellettuale, “Lei è Giorgia” rimane solo un’elegia a una donna il cui atteggiamento riesce a soddisfare alcuni criteri della “donna forte e determinata” che il femminismo ha sempre elogiato, nonché una riflessione su temi cari alle idee di RadFem, e non una presa di posizione netta.

Tuttavia, sempre per onestà intellettuale, non possiamo che dichiararci sconcertati quando una certa frangia femminista si riduce anche solo a paventare l’idea di sostenere l’estrema destra – e tutte le sue implicazioni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

Leggere fa bene

ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
Lotto Marzo: cinque scrittrici femministe da (ri)scoprire - Sessp 40 - Gay.it

Lotto Marzo: cinque scrittrici femministe da (ri)scoprire

Culture - Federico Colombo 7.3.24
Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024 - Sessp 24 - Gay.it

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024

Musica - Federico Colombo 31.1.24