L’Honduras è l’inferno per le persone trans*

La delegazione ha partecipato alle celebrazioni per il TDOR, ospitata poi negli eventi di Arcigay

ascolta:
0:00
-
0:00
Delegazione LGBT Sud America Honduras Gay.it
3 min. di lettura

In occasione del Transgender Day of Remembrance, Arcigay e Terra Nuova hanno accolto una delegazione di attivistə provenienti dal Sud America nell’ambito del progetto Centro America Diversa. Si tratta di un progetto co-finanziato dall’Unione Europea per fare luce sulla situazione dei diritti LGBTQIA+ nei Paesi di provenienza dei vari attivistə.

El Salvador, Honduras, Guatemala e Nicaragua sono i Paesi che hanno formato la delegazione e che, oltre ad aver partecipato agli eventi del Transgender Day of Remembrance, hanno preso a parte ad eventi organizzati da Arcigay nelle principali città italiane. Incontri ricchi di significato e di testimonianze che hanno permesso di dialogare sulle difficoltà dell’attivismo nelle Nazioni interessate.

Delegazione LGBT Sud America Honduras Gay.it
Nei Paesi del Sud America la situazione della comunità LGBTQIA+ è spesso lasciata in ombra

La delegazione si è composta di Gabriela Abigail Redondo del Colectivo Unidad Color Rosa dell’Honduras, attivista trans che lavora per i diritti delle persone transgender; Britany Monserrath Castillo Lovo dell’associazione ASPIDH di El Salvador; Esteban Gonzàlez, rappresentante dell’associazione Lambda in Guatemala; José Ignacio Lopez, attivista per i diritti umani della comunità LGBTQIA+ in Nicaragua e Xiomara Rodriguez Flores, femminista salvadoregna e attivista per i diritti sessuali e riproduttivi.

In particolare, Gabriela Redondo ha rilasciato un’intervista a L’Espresso (qui) sottolineando la situazione critica in cui versa la comunità in Honduras. Infatti, nonostante negli anni il Paese abbia fatto progressi dal punto di vista legislativo per quanto riguarda i diritti LGBTQIA+, ha ancora un fondamentale problema che riguarda soprattutto la violenza nei confronti delle persone queer.

Delegazione LGBT Sud America Honduras Gay.it
Gabriela Redondo, attivista trans* dell’Honduras

Di per sé l’omosessualità non è illegale in Honduras, ma il matrimonio egualitario, le unioni civili e le adozioni da parte delle coppie dello stesso sono state negate nel 2005 e nulla è ancora stato fatto a riguardo. Il problema critico è appunto l’alto tasso di violenza e omicidi che vedono coinvolte le persone LGBTQIA+: uno studio passato aveva evidenziato come, tra il 2009 e il 2017, 264 persone queer sono state vittime di attacchi o uccisioni. I numeri stimati indicano un incremento annuale da allora.

Gabriela, attivista transgender, ha raccontato in dialogo su L’Espresso con Simone Alliva che :«Il 28 giugno di 2009 quando c’è stato il colpo di stato, sono aumentati gli assassinii nella nostra comunità trans. Viky è stata tra le prime vittime. Era una volontaria e attivista del collettivo. Era uscita durante il coprifuoco, non lo sapeva. Doveva lavorare in strada, l’unico lavoro che possiamo portare avanti per sopravvivere. Fermata dai militari, le hanno sparato alla testa».

L’accanimento si verifica, appunto, soprattutto nei confronti della comunità trans*, subisce discriminazioni e vessazioni quotidiane. L’obiettivo del Colectivo Unidad Color Rosa, di cui Gabriela fa parte, è proprio quello di lottare, difendere e monitorare i diritti delle persone transgender nel Paese, chiedendo rispetto dell’identità di genere e accesso completo alla sanità, all’istruzione e alla giustizia.

Delegazione LGBT Sud America Honduras Gay.it
In Honduras le persone trans* sono tra le più colpite da attacchi violenti e omicidi

«Come direttrice del Colectivo Unidad Color Rosa sono sempre esposta mediaticamente, soprattutto nel chiedere giuste indagini e giustizia per la morte delle mie compagne trans. Questa visibilità costa. Subisco continue minacce dalle bande armate e anche dalla stessa polizia. Vengo perseguitata. Ma non posso lasciare il Paese», racconta Gabriela. «Dovete sapere che l’Honduras ha all’attivo dieci sentenze che le impongono di rispettare la legge sul riconoscimento anagrafico delle persone trans*».

Nonostante l’esistenza di queste sentenze, tuttavia, gli attacchi alle persone trans* non sono diminuiti e le istituzioni non sono troppo interessate ad impegnarsi affinché la situazione cambi. La speranza è che le cose possano cambiare ora che l’Honduras ha un nuovo Presidente, una donna di sinistra. Xiaomara Castro è stata lo scorso gennaio e in lei la comunità ripone le speranze affinché qualcosa si muova concretamente. Come sottolinea Gabriela, le aspettative nei suoi confronti sono molto alte: ne va della vita delle persone trans* nel Paese.

«L’Honduras è l’inferno per le persone trans. Molte sono costrette a immigrare, chi non può perché non ha i soldi o non è istruita, rimane e subisce. Chiediamo solo il diritto di essere libere. Di vivere dignitosamente. Di non dover affrontare il pericolo di morte ogni volta che ci svegliamo la mattina. E soprattutto il diritto al nostro nome»

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
Eurovision 2024, il cantante queer Silvester Belt rappresenterà la Lituania - Silvester Belt - Gay.it

Eurovision 2024, il cantante queer Silvester Belt rappresenterà la Lituania

Culture - Redazione 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

alice-cooper-transizione-di-genere-minori

Secondo Alice Cooper la transizione di genere per i minori è “una moda passeggera”

News - Francesca Di Feo 30.8.23
acet-team-persone-trans-non-binarie

ACETeam, la prima squadra di calcio a 5 in Italia composta solo da persone trans e non binarie – INTERVISTA

Corpi - Francesca Di Feo 16.11.23
elezioni-argentina-reazioni-comunita-lgbtqia

“L’Argentina rischia la regressione come l’Italia, ma non passeranno”: la comunità LGBTQIA+ Argentina e l’elezione di Javier Milei – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.11.23
@vittoria_schisano

La storia di Vittoria Schisano, finalmente protagonista

Culture - Redazione Milano 18.10.23
Lia Thomas nella storia: prima nuotatrice trans a vincere alla NCAA

La categoria “open” alla Coppa del Mondo di nuoto è stata cancellata perché nessunə si è iscrittə

Corpi - Redazione 5.10.23
canada

Canada, avviso ai canadesi LGBTQIA+ sui rischi nel viaggiare negli USA causa leggi omobitransfobiche

News - Federico Boni 1.9.23
Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all'assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO - Gay Center - Gay.it

Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all’assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO

News - Redazione 1.2.24
senegal-arrestati-sospetta-omosessualità

Senegal, in 10 arrestati per “sospetti comportamenti omosessuali”

News - Francesca Di Feo 25.8.23