Germania, attivisti LGBTQIA+ chiedono modifica costituzionale a protezione delle persone queer

"Costituzione per tutti" il nome dato all'iniziativa, trainata da una bandiera arcobaleno di 400 metri davanti il parlamento federale tedesco.

ascolta:
0:00
-
0:00
Germania, attivisti LGBTQIA+ chiedono modifica costituzionale a protezione delle persone queer - Germania bandierone rainbow davanti il Parlamento per chiedere protezione costituzionale per le persone queer - Gay.it
2 min. di lettura

L’articolo 3 della costituzione tedesca sottolinea come “tutti gli uomini sono uguali di fronte alla legge“, per poi specificare che “nessuno può essere discriminato o favorito per il suo sesso, per la sua nascita, per la sua razza, per la sua lingua, per la sua nazionalità o provenienza, per la sua fede, per le sue opinioni religiose o politiche. Nessuno può essere discriminato a causa di un suo handicap“.

A mancare, almeno in modo esplicito, sono le persone LGBTQIA+.

Anche per questo motivo nella giornata di ieri decine di attivisti LGBTQIA+ si sono trovati davanti il Bundestag di Berlino, parlamento federale tedesco, con la più grande bandiera rainbow del Paese, lunga circa 400 metri.

Vorremmo richiamare l’attenzione sulla mancanza di protezione costituzionale per le persone queer in Germania e chiedere la modifica dell’articolo 3, paragrafo 3 della Legge fondamentale per la protezione dell’identità sessuale e di genere“, hanno precisato gli organizzatori. Chris*tian Gaa, tra i fautori dell’iniziativa BASIC ACT FOR ALL (GFA), ha poi proseguito.

Quest’anno in Germania il 27 gennaio, giorno di commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo, abbiamo commemorato per la prima volta le vittime queer del regime nazista. Le caratteristiche di discriminazione già elencate nell’articolo 3 della Legge fondamentale sono figlie proprio di quella politica disumana e della persecuzione del nazionalsocialismo. Nonostante la loro sistematica persecuzione sotto la dittatura nazista, le persone queer non sono ancora menzionate nell’articolo 3. Dobbiamo cambiarlo. Tutti i partiti democratici sono chiamati a fare questo!”.

Il caso tedesco è particolare, perché va analizzato sul piano federale e su quello statale.

L’articolo 130 del Codice penale tedesco punisce con la detenzione “colui che, in maniera tale da disturbare la pace pubblica, incita all’odio o alla violenza contro elementi della popolazione o lede la dignità di altre persone attraverso insulti o offese”, “prevedendo una pena detentiva o una pena pecuniaria anche per chi commette gli stessi illeciti attraverso la diffusione di opere scritte”. Sebbene il Codice penale non faccia un esplicito riferimento al background omofobico di colui che perpetra il reato, nella definizione data all’articolo 130 rientra anche la discriminazione effettuata in ragione dell’orientamento sessuale. Anche per quanto riguarda le aggravanti non viene esplicitata l’omofobia, limitandosi ad un generico richiamo sulle motivazioni e finalità dell’atto, alle convinzioni e agli intenti del reo. Il più delle volte si fa riferimento a una legge generale “sulla parità di trattamento” che all’articolo uno prevede come scopo “prevenire o eliminare la discriminazione basata” anche su “identità sessuale”.

Nel settore dell’occupazione, dei beni e servizi, la discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere è invece illegale in tutta la Germania. Alcuni stati hanno leggi specifiche anti-discriminazione (che includono l’orientamento sessuale e identità di genere), comprese le costituzioni di Berlino (dal 1995), Brandeburgo (dal 1992), Brema (dal 2001), Saarland (dal 2011) e Turingia (dal 1993).

Anche per questo motivo gli attivisti LGBTQIA+ tedeschi chiedono a gran voce una modifica costituzionale che coinvolga anche le persone LGBTQIA+.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Openly (@openlynews)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Grundgesetz Für Alle (@grundgesetzfueralle)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24

Continua a leggere

Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
G7 ospitato dall'Italia a Fasano, la presidente del consiglio Giorgia Meloni scatta un selfie - credit photo: LaPresse

G7, nel testo rispuntano i diritti LGBTIAQ+, censurati “orientamento sessuale, “identità di genere” e “aborto”

News - Redazione Milano 14.6.24
Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO) - Elliot Page 1 - Gay.it

Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO)

News - Redazione 25.3.24
aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24
Guida LGBTQ+ 2024 di Monaco: la vibrante vita queer nella città dell’Oktoberfest - Credit Mark Kamin - Gay.it

Guida LGBTQ+ 2024 di Monaco: la vibrante vita queer nella città dell’Oktoberfest

Viaggi - Gay.it 17.6.24
g7-diritti-lgbt

G7 nell’Italia dell’estrema destra, spariti i diritti LGBTQIA+ che a Hiroshima nel 2023 erano in agenda

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Unione Europea Diritti Transgender

L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24